Punto informatico Network

Disco, disk, DVD

L'hard disk si evolve e ingloba il laser

17/07/2007
- A cura di
Archivio - La ricerca di una università olandese apre le porte ad un futuro finora insperato per i vecchi dischi a tecnologia magnetica. Il salto di qualità sarebbe notevole dal punto di vista della velocità, ma c'è ancora parecchio da lavorare perché la prospettiva divenga concreta.

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

hard disk (1) , laser (1) , disk (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 5 calcolato su 168 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.

Alla Radboud Universiteit Nijmegen stanno sperimentando il futuro dell'archiviazione dati: in questi giorni circola la notizia di un nuovo sistema di scrittura e lettura delle informazioni in formato binario sui piatti del disco fisso, che impiega un laser al posto della tradizionale testina a induzione magnetica. Considerando che la suddetta tecnologia, nonostante tutte le novità che in questi ultimi anni hanno inaspettatamente rianimato il settore, è rimasta - nei suoi meccanismi base - sostanzialmente invariata dall'invenzione del disco magnetico fino ad oggi, l'annuncio dei ricercatori europei spalanca davanti all'intero mondo dell'informatica un panorama del tutto nuovo.

È infatti vero come, grazie al perpendicular recording, si siano raggiunte dimensioni considerate abnormi solo alcuni anni fa, e che la crescente presenza sul mercato di dischi allo stato solido (SSD) e dischi ibridi chip-piatto faccia guadagnare non poco dal punto di vista della velocità di lettura delle informazioni (rif. Corre veloce il settore degli hard disk).

Ma è altrettanto pacifico che oggi la stragrande maggioranza del lavoro sui dischi montati nei PC, sugli iPod, nei dispositivi portatili preposti a qualsivoglia utilizzo lo fa ancora la cara, vecchia testina a tecnologia magnetica, caratterizzando nei fatti l'hard disk come ultimo reale collo di bottiglia dell'architettura x86, di recente evolutasi in maniera sostanziale - basti ricordare l'introduzione del bus PCI Express, il controller Serial ATA e le sempre più veloci memorie RAM DDR2-3.

01_-_Microlaser.jpg

La speranza di un nuovo balzo evolutivo degli HD arriva dunque dalla bella e civile Olanda: gli scienziati hanno trovato il modo di usare un raggio laser per colpire e scaldare una piccola porzione di un disco fisso appositamente progettato, riuscendo, grazie alla particolare composizione della lega alla base dei piatti (formata dagli elementi gadolinio, ferro e cobalto), a memorizzare le informazioni digitali dopo i tentativi falliti delle ricerche precedenti.

La porzione scaldata cambia infatti polarità magnetica, e istruendo elettronicamente il laser in modo da cambiare la polarità a seconda che debba registrare 0 o 1 si ottiene un sistema di immagazzinamento dei dati perfettamente funzionante. Il vantaggio principale del nuovo approccio risiede nella rapidità di registrazione: i ricercatori sono stati in grado di scrivere un bit ogni 40 femtosecondi, il che equivale a dire 100 volte più velocemente della tradizionale testina magnetica.

Purtroppo la ricerca può dirsi tutto fuorché conclusa: è pur vero che la nuova tecnologia permetterebbe di fabbricare dischi fissi dalle velocità di lettura e scrittura finora soltanto sognate, ma c'è lo svantaggio che, allo stato attuale, la pulsazione del laser scalda e quindi polarizza un porzione di disco eccessivamente estesa, pari a 5 micron. Decisamente troppo, considerando che l'attuale spazio necessario al lavoro di scrittura della testina magnetica si misura nell'ordine dei nanometri, 3 ordini esponenziali di grandezza inferiori ai suddetti micron.

Gli scienziati non si danno ad ogni modo per vinti, è sono alacremente al lavoro per portare l'impronta elettromagnetica lasciata dal laser nell'ordine dei 10 nanometri: qualora ci riuscissero per gli hard disk al laser si potrebbero aprire le porte della produzione industriale, trasformando radicalmente, al contrario di quanto fanno e faranno mai le pur importanti evoluzioni del perpendicolar recording e degli SSD, il vero hardware realmente indispensabile perché l'utente informatico trasformi un ammasso di circuiti inanimati in qualcosa di personale e unico.

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 4.65 sec.
    •  | Utenti conn.: 74
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 20
    •  | Tempo totale query: 4.34