Punto informatico Network

20080829213419

Microsoft fa causa all'autore di FairUse4WM

11/10/2006
- A cura di
Archivio - La compagnia intende trascinare in tribunale l'hacker responsabile di aver sviluppato il piccolo tool in grado di cancellare le protezioni dai contenuti codificati in formato Windows Media. L'accusa: furto del codice sorgente alla base delle DRM.

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

microsoft (1) , fairuse4wm (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 5 calcolato su 207 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.

Dopo aver subito lo smacco della riapertura della falla all'interno della propria tecnologia di protezione dei contenuti PlaysForSure (rif. FairUse4WM cancella le DRM, ancora una volta), il gigante di Redmond ha deciso di adire le vie legali per risolvere la questione una volta per tutte. Secondo Microsoft Viodentia, l'hacker responsabile della creazione del tool, non può aver riaperto la vulnerabilità all'interno della protezione in cosi poco tempo senza aver avuto in qualche modo accesso al codice sorgente della compagnia. L'accusa è quindi di furto del suddetto source code.

01_-_Stealing_with_Windows.jpgIl coder, la cui reale identità rimane tuttora un mistero, sostiene di aver creato da zero il programma, senza aver avuto accesso a nessuna "fonte segreta" di provenienza illegale, adoperando soltanto le funzioni disponibili nelle librerie statiche incluse nel compilatore che ha generato l'eseguibile e i file inclusi in diversi pacchetti di sviluppo SDK. Microsoft, comunque, si è già attivata per far sparire dal web le copie di FairUse4WM ancora in circolazione (che nel frattempo è stato aggiornato ancora una volta ed è facilmente reperibile sui circuiti di file sharing).

L'iniziativa legale della corporazione ha luogo in un periodo piuttosto delicato: è stato infatti da poco presentato alla stampa Zune, l'iPod killer in salsa Microsoft. Zune, assieme allo store di contenuti Zune Marketplace, introduce una nuova tecnologia di protezione, incompatibile con quella attualmente impiegata con il formato Windows Media (rif. Microsoft Zune incompatibile con i file protetti Windows Media). È quindi interesse della compagnia dare garanzie sull'affidabilità delle DRM impiegate nel nuovo player ai produttori interessati alla vendita di contenuti compatibili con il lettore.

Da qui la necessità di sostenere l'ipotesi del furto: sarebbe infatti un pessimo biglietto di presentazione per gli eventuali futuri partner commerciali avere in circolazione una tecnologia di protezione bucabile con facilità. Piuttosto interessante da notare, inoltre, è la velocità con cui Microsoft si è mossa per l'aggiornamento del codice di PlaysForSure: pochi giorni di lavoro per chiudere ogni falla successiva.

Considerando che per rattoppare i buchi nella sicurezza dei sistemi operativi XP e del browser più insicuro di sempre (Internet Explorer 6) passa di solito un mese, la cosa la dice lunga sulla volontà della compagnia di garantire in prevalenza gli interessi del proprio partner in affari preferito (l'industria dei contenuti) piuttosto che quelli di noi utenti.

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 0.33 sec.
    •  | Utenti conn.: 130
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 20
    •  | Tempo totale query: 0.12