Punto informatico Network

Sound, suono, suoni, audio, note, musica

I parlamentari italiani scaricano la musica col P2P

28/09/2006
- A cura di
Archivio - Ex ministri Lega Nord e deputati di Rifondazione Comunista pari sono: la musica deve essere libera ed accessibile a tutti, sostengono, e il file sharing va regolarizzato..

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

musica (1) , italiani (1) , p2p (1) , parlamentari (1) , scaricano (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 5 calcolato su 230 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.

Della serie di quelle cose che non ti aspetti: uno dei componenti più importanti della compagine governativa recentemente licenziata dagli italiani, che ha partecipato al governo che ha dato vita alla restrittiva e incresciosa Legge Urbani, dichiara candidamente di essere abituale utilizzatore del file sharing per le sue necessità musicali. Un'anticipazione circolata in rete dell'intervista contenuta nel prossimo numero del magazine Vanity Fair all'ex ministro del welfare Roberto Maroni, esponente di primo piano Lega Nord, riporta infatti: "Scarico illegalmente musica da Internet. Mi autodenuncio, così il caso finisce finalmente in Parlamento".

01_-_Headphones.jpgNon contento di questa dichiarazione, Maroni rincara la dose: "Scarico da Internet perché la musica deve essere libera ed accessibile a tutti. Occorre da una parte salvaguardare il diritto dell'autore e dall'altra cancellare le barriere che impediscono di diffonderla". "Bisogna trovare un modo per rimuovere dall'illegalità questo sistema. Non è un problema legislativo ma una questione sociale. È uno scambio da privato a privato, non c'è sfruttamento commerciale, io sento l'iPod...".

Dai toni diversi ma dai contenuti assimilabili le dichiarazioni fatte poi registrare da Francesco Caruso, deputato di Rifondazione Comunista, che sostiene come "... I pescecani delle multinazionali hanno fatto della musica una merce, ma si mettano l'animo in pace: il copyright se lo possono dimenticare. È impossibile impedire il file sharing. Io scarico dai new melodici napoletani alla musica punk".

Secondo Maroni, l'unica soluzione possibile è un'iniziativa comune tra i grossi nomi dell'industria musicale e le comunità della rete e del file sharing: l'obiettivo principale deve essere regolarizzare il Peer-to-Peer, passando dalla repressione, inutile, alla collaborazione attiva dei due mondi. Parole in fondo di buon senso, visto che, come abbiamo già avuto modo di dire centinaia di volte e non ci stancheremo di sottolineare in futuro, le nuove tecnologie di sharing sono perseguite legalmente ma vittoriose nei fatti.

02_-_Music_Pirate.jpgPer ora, il caso pare non sia "scoppiato" in Parlamento, ma di certo si sono levati alti gli scudi in difesa del diritto d'autore e del mercato musicale così com'è attualmente: si va dal socialista Bobo Craxi, che definisce il download dalla rete "un furto", nonostante ammetta anche lui di aver usato il p2p per scovare materiale musicale introvabile, all'eurodeputato Marco Rizzo (dei Comunisti Italiani), che sostiene di preferire il "supporto fisico" e di non giustificare ma di comprendere la pratica del file sharing (visti gli attuali prezzi degli originali).

Naturalmente furibondi gli esponenti delle associazioni di categoria: Federico Motta, presidente dell'Associazione Italiana Editori, lamenta l'atteggiamento permissivo nei confronti di una pratica illegale da parte di importanti esponenti politici. Senza il rispetto del diritto d'autore, sostiene, non esiste neanche la produzione delle opere d'ingegno, che si basa proprio sui ricavi economici del copyright. Enzo Mazza, presidente della FIMI (Federazione dell'Industria Musicale Italiana), sottolinea come sul web esistano soluzioni alternative e assolutamente legali per il download di contenuti musicali, con il mercato di contenuti digitali cresciuto in un anno del 102% (misurazioni relative al primo semestre del 2006).

Di certo, l'ex ministro Maroni ha avuto il merito di far nascere un caso: conoscendo la sconcertante capacità di insabbiamento della politica nostrana non riponiamo molta fiducia in merito alla cosa, ma speriamo che le dichiarazioni di Maroni possano essere la scintilla di un'iniziativa politica che, finalmente, faccia chiarezza nel settore e legalizzi il libero scambio tra privato e privato, garantendo nel contempo un'adeguata remunerazione alle case discografiche in sostituzione delle presunte perdite di utili causate dal file sharing.

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 0.24 sec.
    •  | Utenti conn.: 61
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 20
    •  | Tempo totale query: 0.12