Punto informatico Network

Document, documento, nuovo, crea

YouTube: il nuovo iTunes dei video musicali?

29/08/2006
- A cura di
Archivio - Il portale ambisce a battere colossi come iTunes e MTV sul loro stesso terreno: fornire tutti i video musicali mai prodotti, il tutto senza che l'utente della rete debba spendere un soldo. Che stia arrivando la fine dei servizi di broadcasting a pagamento?

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

itunes (1) , video (1) , youtube (1) , nuovo (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 5 calcolato su 213 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.

YouTube, giovane portale di social broadcasting nato nel 2005, è in poco tempo diventato un colosso dello sharing e della distribuzione di video in rete, arrivando alla trasmissione di ben 100 milioni di video al giorno con una media di 20 milioni di visitatori individuali al mese. Con numeri del genere, pare evidente come il servizio sia di fatto diventato un forte competitor di grossi nomi come la televisione MTV, o lo stesso iTunes, recentemente diventato distributore di video oltre che di brani musicali. Di suo, il portale ci mette il fatto di offrire i contenuti in maniera assolutamente gratuita per l'utente finale, utilizzando la pubblicità come solo mezzo di guadagno.

01_-_YouTube_logo.gifNon bastassero i contenuti attualmente presenti on-line ad iniziativa degli iscritti, il co-fondatore di YouTube, Steve Cehn, ex-impiegato di PayPal, ha annunciato di voler arricchire il network mettendo a disposizione per la trasmissione ogni singolo video musicale mai prodotto, il tutto nei prossimi 18 mesi. A tale scopo, YouTube ha comunicato che sono attualmente in corso trattative con i grossi nomi dell'industria musicale, comprese etichette come EMI e Warner Music, per acquisire i diritti di distribuire il materiale protetto da copyright. Dovrebbe rimanere invariato il sistema di guadagno utilizzato, e quindi la possibilità di fruire dei video gratuitamente.

YouTube, attualmente, non permette il download dei video in locale, utilizzando la tecnologia flash per il broadcasting dei contenuti. In prospettiva, la situazione potrebbe cambiare se, per ipotesi, la società offrisse il proprio supporto all'appena annunciato lettore multimediale di Microsoft, Zune. Il portale potrebbe insomma trasformarsi in un vero e proprio concorrente di iTunes, offrendo ad esempio la possibilità di scaricare i video in un formato compatibile con i lettori multimediali portatili più diffusi (come già fa Google Video con la sua funzionalità di download per iPod e PSP). Sia come sia, i piani di Apple e delle altre società che stanno cercando di aprire un nuovo mercato di contenuti multimediali a pagamento potrebbero cambiare radicalmente, o subire un forte ridimensionamento, se il progetto prendesse piede: chi vuole pagare 1,55 Euro per qualcosa che è disponibile gratuitamente in rete?

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 0.44 sec.
    •  | Utenti conn.: 78
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 20
    •  | Tempo totale query: 0.17