Punto informatico Network

20080829221338

NTFS pienamente compatibile anche con Linux

12/08/2006
- A cura di
Archivio - Il Linux-NTFS project ha rilasciato una nuova versione dei propri driver, in grado di garantire piena compatibilità tra il file system Microsoft e il sistema operativo del pinguino..

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

linux (1) , compatibile (1) , ntfs (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 5 calcolato su 215 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.

Al contrario del file system FAT16/32, a tutt'oggi un passe-partout in grado di garantire la compatibilità dei dispositivi di memorizzazione di massa con tutti i sistemi operativi esistenti, NTFS, progetto su cui Microsoft continua a mantenere il riserbo, rimane una prerogativa specifica dei sistemi operativi NT/XP. Molto più avanzato del vecchio FAT, risulta di difficile accesso da parte di altri OS, come ad esempio le sempre più diffuse distribuzioni basate su core Linux.

01_-_Linux_NTFS_logo.jpgPer cercare di ovviare al problema è nato il progetto Linux-NTFS, con lo scopo di introdurre anche su Linux il pieno supporto ad NTFS. La nuova versione dei driver rilasciati dal progetto, che per l'occasione hanno preso il nome in codice di NTFS-3g, è la prima ad offrire un supporto completo in lettura/scrittura su volumi formattati in NTFS sotto Linux. In passato era solo possibile leggere i dati sulle partizioni, con le operazioni di scrittura limitate e dall'esito niente affatto garantito.

NTFS-3g, al contrario, nonostante venga considerato in stato di beta dagli sviluppatori, offre performance migliorate, maggiore affidabilità dei vecchi driver e accesso completo al file system di Microsoft. I test degli utenti, è riportato sulla homepage, hanno altresì dimostrato il notevole grado di maturità raggiunto dal codice.

Possiamo quindi affermare che il reverse engineering di coder appassionati pagati nemmeno un soldo colpisce ancora una volta: con il rilascio di NTFS-3g, l'interoperabilità tra sistemi operativi Windows e Linux viene ulteriormente facilitata, a tutto vantaggio della comodità di utenti e professionisti che hanno sposato la causa del pinguino.

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 0.24 sec.
    •  | Utenti conn.: 81
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 20
    •  | Tempo totale query: 0.11