Punto informatico Network

20100106150159_1737902635_20100106150126_270729475_android_spotlight.png

Ci sono più Android che iPhone, più BlackBerry di tutti. Ma Apple non è d'accordo

13/05/2010
- A cura di
Zane.
Telefonia & Palmari - Mentre RIM rimane saldamente alla testa della classifica, Google scalza Apple dal secondo posto. Microsoft rimane in caduta libera. La situazione potrebbe cambiare nel corso dell'anno, soprattutto per via di HP. Frattanto, arriva un commento di Apple: "iPhone vende fortissimo".

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

microsoft (1) , android (1) , palm (1) , webos (1) , mobile (1) , pda (1) , iphone (1) , windows mobile (1) , smartphone (1) , apple (1) , google (1) , hp (1) , windows phone 7 (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 3 calcolato su 4 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.

I risultati di uno studio di mercato pubblicati da da NPD Group hanno evidenziato ottimi ritmi di crescita per il sistema operativo Android di Google.

Nonostante la piattaforma BlackBerry di RIM rimanga leader nel settore smartphone con una quota di mercato pari al 36%, il software sviluppato dal gigante del search riesce a strappare il 28% delle preferenze, conquistando così un importante secondo posto.

Ad avvertire gli effetti della rapida diffusione di Android è sopratutto iPhone: il dispositivo Apple si assesta ora al terzo posto, con il 21% di market share.

A seguire, vi sono Windows Mobile (in caduta libera da molti mesi) e, sensibilmente distaccato, webOS di Palm: il software, dopo un breve momento di gloria a bordo di Palm Pre, è rapidamente precipitato di nuovo sotto la soglia di rilevanza

MLIShot_2.jpg

La situazione potrebbe mutare rapidamente già dai prossimi mesi: la recente acquisizione di Palm da parte di HP, finalizzata principalmente proprio al controllo di webOS, potrebbe costituire un momento importante per rilanciare la piattaforma.

Per quanto riguarda Microsoft invece, il successo nel settore mobile sarà legato in gran parte al nuovo Windows Phone 7, in arrivo a bordo degli smartphone in vendita a partire dalla fine dell'anno corrente.

C'è comunque da precisare che i dati sono relativi al solo mercato statunitense, nel quale i dispositivi BlackBerry e Android sono molto più diffusi rispetto a quanto non avvenga in Italia. I numeri per il nostro Paese potrebbero quindi risultare differenti, ma "di quanto" non è possibile stabilirlo con precisione: NPD Group ha infatti limitato la rilevazione agli soli USA.

La replica di Apple

Alcune puntualizzazioni da parte di Apple non hanno tardato ad arrivare. Una portavoce ha infatti tenuto a precisare che i risultati di IDC si basano su appena 150.000 interviste ai consumatori svoltesi on-line, e non tengono conto degli 85 milioni di iPhone e iPod Touch in circolazione a livello mondiale.

Una volta spostata l'attenzione su scala planetaria, sostiene l'azienda, il vantaggio della piattaforma iPhone OS su Android sarebbe schiacciante: solo nel primo trimestre, spiega la portavoce Apple, le vendite di iPhone sono aumentate del 131%, ed ora il prodotto strappa il 16.1% delle preferenze mondiali (rilevazioni IDC).

Parte del successo di Android, conviene l'intervistatore di The Loop, è da ricercarsi nella promozione "prendi due, paghi uno" che l'operatore statunitense Verizon applica ai dispositivi Android: proprio grazie a questa strategia, il numero di smartphone governati dal sistema operativo di Google riesce a lievitare rapidamente.

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 0.39 sec.
    •  | Utenti conn.: 99
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 18
    •  | Tempo totale query: 0.23