Punto informatico Network

20090630212718_23370402_20090630212656_1944264087_keywordparent4288_857f5.T575.jpg

Videogiocare rende più "maschi"?

14/10/2009
- A cura di
Zane.
Videogiochi - Parrebbe di sì, ma solamente quando si riesce a sconfiggere perfetti sconosciuti. Battere i propri amici, invece, porta ad un calo del benessere.

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

unreal (1) , fps (1) , videogame (1) , deathmatch (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 5 calcolato su 65 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.

Un interessante studio condotto presso l'Università del Missouri porta alla luce un aspetto piuttosto curioso del videogaming in multiplayer.

Stando a quanto concluso da tale David Greary, professore di psicologia dell'evoluzione presso la facoltà, primeggiare in un gioco competitivo, riuscendo a sbaragliare gli avversari, porta ad un incremento significativo del testosterone.

Il livello dell'ormone (considerato responsabile, fra gli altri, di vigore atletico e desiderio sessuale) sale però solamente in caso si riesca a battere avversari che siano perfetti sconosciuti.

In caso si riuscisse a schiacciare un conoscente o un amico invece, succede il contrario: i livelli di testosterone rimango bassi.

Si tratta di un comportamento del tutto in linea con quanto già noto in campo socio-antropologico, spiega il docente nel corso dell'articolo in merito proposto da New Scientist. "In una competizione di gruppo reale, puoi battere tutti i tuoi avversari ed essere considerato migliore", ricorda il luminare, mentre "Non puoi estromettere i tuoi compagni di gruppo, perché hai bisogno di loro".

Per eseguire le rilevazioni, l'esperto ha predisposto uno scontro a squadre sul campo di gioco offerto dal celebre sparatutto in prima persona Unreal Tournament 2004, preoccupandosi di allocare una preventiva sessione di allenamento fra i singoli team in grado di fungere da "collante sociale", oltre che da mero training.

Una volta misurati i livelli di testosterone dopo le varie partite, i numeri riscontrati nei vincenti risultavano elevati, ed in particolar modo nei giocatori che fossero stati determinanti nel raggiungere il traguardo.

Ultimata la prima fase, le squadre sono state modificate, trasformando i compagni di prima nei nuovi avversari. Le rilevazioni effettuate in questo secondo frangente, hanno invece mostrato il calo nella quantità di ormone presente nel sangue.

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 0.31 sec.
    •  | Utenti conn.: 163
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 19
    •  | Tempo totale query: 0.14