Punto informatico Network

Canali
20080829212242

Stampanti Epson: "Parti all'interno della stampante sono alla fine del proprio ciclo di servizio"

21/07/2009
- A cura di
Zane.
Soluzioni - La vostra stampante Epson mostra questo messaggio d'errore e vi impedisce di procedere? Niente paura, non è ancora giunto il momento di sostituirla: basta utilizzare un'utility gratuita e il problema si risolve in poche cliccate.

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

servizio (2) , stampante (1) , epson (1) , stampanti (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 5 calcolato su 265 voti

Qualche tempo addietro, sono stato chiamato a risolvere un problema con una stampante Epson (nello specifico, con il modello R200). Il dispositivo si rifiutava di stampare i documenti richiesti, limitandosi a tornare un messaggio che, in prima analisi, lasciava ben poche speranze circa la possibilità di salvare la periferica: Parti all'interno della stampante sono alla fine del proprio ciclo di servizio

Stampante_ko.jpg

Come se non fosse abbastanza, i LED posizionati sui pulsanti fisici della stampante lampeggiavano ad intermittenza contestualmente al messaggio di errore

DSCN1087.JPG

Non restava che rassegnarsi ed acquistare una nuova stampante? no, non ancora.

Cosa succede

Stando alle informazioni (non-ufficiali) reperite in rete, la stampante mantiene internamente un contatore che viene incrementato mano a mano che si stampano nuove pagine. Raggiunto un valore-soglia predeterminato dal costruttore, il dispositivo cessa di funzionare.

Sebbene un giudizio malizioso possa indurre a pensare che si tratti di una mossa per indurre i clienti a sostituire la stampante più di frequente (anche senza che quella attuale abbia effettivamente raggiunto la fine del proprio ciclo operativo), da un altro punto di vista si tratta di una metodologia studiata per garantire che la periferica sia sempre operativa al meglio delle proprie caratteristiche, e non si rischi di utilizzare un dispositivo ormai logoro ed afflitto da problemi di inceppamento o cattiva qualità di stampa.

La valutazione è chiaramente soggettiva. Quello che però è oggettivo è il modo con cui questo valore-soglia viene fissato: si tratta infatti di un dato estrapolato da test di laboratorio, probabilmente arrotondando per difetto (di modo da stare sul sicuro) i risultati ottenuti su una serie di campioni.

Come risolvere

Come spesso accade però, non è da escludere che uno specifico esemplare possa avere una tolleranza più elevata di un altro: possiamo quindi pensare di azzerare il contatore, e continuare ad utilizzare la nostra stampante fino a quando i segni del tempo non diventeranno effettivamente visibili.

Per eseguire l'operazione, dobbiamo scaricare ed installare il programma SSC Service Utility: si tratta di un'utilità non-ufficiale che consente di modificare molti parametri interni al dispositivo.

Una volta ultimato il setup, spegnete la stampante, quindi spegnete il PC, accendete di nuovo la vostra Epson, accendete il PC.

Raggiunto il desktop di Windows, cliccate con il pulsante destro sulla nuova icona presente nell'area delle notifiche, selezionate Show main window, portatevi sulla scheda Configuration e infine selezionate il vostro modello dal menu Printer model

Model_selection.jpg

Chiudete ora la finestra di SSC Service Utility, quindi cliccate nuovamente sulla relativa icona presente nell'area delle notifiche. Questa volta selezionate però la voce Protection counter -> Reset protection counter

Reset.jpg

Vi verrà chiesta una conferma (maggiori informazioni al riguardo nel paragrafo successivo): cliccate Yes

Confirm.jpg

A questo punto il programma lavorerà qualche istante e, se tutto sarà andato per il verso giusto, verrà visualizzata una finestra di dialogo con alcuni dati di riepilogo

Maximum.jpg

Spegnete la stampante, quindi accendetela nuovamente e provate a stampare: tutto dovrebbe essere tornato alla normalità

Pronta.jpg

Attenzione al "waste pad"

Prima di concludere, una nota d'attenzione per il "waste pad". Le stampanti Epson montano infatti un piccolo cuscinetto assorbente interno, dedicato a contenere l'inchiostro scartato durante la fase di stampa.

Tale "pad" potrebbe saturarsi con il passare del tempo, con il risultato di perdere il proprio potere assorbente e dar luogo a fuoriuscite di pigmento, con conseguenze facilmente immaginabili per la scrivania...

Numerosi utenti (nonché la stessa utility utilizzata poco fa) suggeriscono quindi di cambiare tale cuscinetto prima di procedere con il reset del contatore: nel mio caso ho saltato questa operazione, limitandomi a stendere alcuni strati di carta assorbente fra la stampante e la scrivania a scopo preventivo.

Personalmente, ho eseguito per la prima volta l'operazione di reset oltre un anno fa, e non ho ancora visto una singola goccia uscire dalla stampante: raccomando comunque la massima prudenza in caso si scegliesse di procedere allo stesso modo.

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 0.31 sec.
    •  | Utenti conn.: 87
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 19
    •  | Tempo totale query: 0.15