Punto informatico Network

20090116185702_952937629_20090116185420_2102279378_Untitled.png

Wikipedia: l'enciclopedia sarà ancora libera?

29/01/2009
- A cura di
Internet - Il fondatore propone un sistema di revisioni, teso a migliorare la qualità del servizio. Gli utenti su tutte le furie.

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

wikipedia (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 5 calcolato su 178 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.

Chi non conosce l'enciclopedia multimediale Wikipedia, disponibile praticamente in ogni lingua del mondo e gestita da tutti gli utenti, aperta a chiunque sia per consulti che per modifiche?

Essa è infatti il risultato più riuscito del sistema WIKI (what I know is - ciò che conosco è), che permette, a coloro che ne abbiamo l'occasione, di condividere le loro conoscenze, umanistiche o scientifiche, con tutto il globo; sembra però che questo sistema stia per crollare.

D'altronde il suo pregio è anche il suo maggior difetto: quando tutti possono scrivere ciò che vogliono è inevitabile che qualcuno abusi del sito, magari cambiando in peggio le biografie di personaggi odiati o rischiare, anche in buona fede, di immettere notizie sbagliate che possono essere corrette solo molto tempo dopo.

La goccia che ha fatto traboccare il vaso è stata la circostanza in cui un utente anonimo (come anonimi sono molti coloro i quali cambiano e creano voci nel sito) ha modificando le pagine dei senatori Robert Byrd e Edward Kennedy, spacciandoli per morti; ovviamente tutto ciò ha causato una pioggia di grane e controversie agli editori.

Lo stesso fondatore del sito, Jimmy Wales, ha proposto un sistema di revisione per far fronte a problemi di questo tipo: in sostanza ogni articolo scritto dagli utenti deve essere prima revisionato ed approvato da controllori specifici.

Wales ritiene che un sistema di questo tipo possa risolvere tutti i casi legati al problema delle false informazioni. Il papà di Wikipedia spera di poterlo implementare il prima possibile ed esorta le edizioni localizzate a fare lo stesso.

Cosa ne pensano gli utenti?

Gli utenti sono scontenti ed arrabbiati. In molti hanno interpretato la mossa come una mancanza di fiducia; dal canto loro i revisori la ritengono una proposta impossibile da mettere in atto in quanto, con l'approvazione del sistema, bisognerebbe procedere ad una revisione completa di tutto ciò che è già stato scritto.

Jimmy ha lanciato un ultimatum a tutti i numerosi oppositori: entro una settimana si potranno proporre soluzioni alternative, che verranno valutate e commentate nei prossimi quattordici giorni, in modo di cercare un compromesso fra tutti i punti di vista.

Si è soliti però dire che un buon compromesso lascia tutti scontenti, e si crede che se si arriverà ad un cambiamento esso non sarà affatto immediato, bensì saranno necessari giorni e forse settimane di lavoro intenso per la formazione della nuova Wikipedia.

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 0.36 sec.
    •  | Utenti conn.: 121
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 18
    •  | Tempo totale query: 0.21