Punto informatico Network

Canali
20080829224131

Ecco TV digitale di Joost

08/10/2007
- A cura di
Zane.
Internet - Con 250 canali e 15.000 show liberamente accessibili, la nuova piattaforma per la distribuzione di contenuti video via Internet è finalmente disponibile al grande pubblico. La televisione tradizionale ha davvero le ore contate?

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

tv (1) , digitale (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 5 calcolato su 292 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.

E così, dopo alcuni mesi in cui l'accesso al servizio è stato riservato ai soli invitati, la TV digitale di Joost (nome in codice "Venice Project") apre le porte al grade pubblico. Ho colto l'occasione per fare un giro di prova e vedere cosa può offrire la nuova televisione via IP.

Che cosa è Joost

Joost (si legge "giust", con la "g" dura) è un progetto degli stessi ideatori di Kazaa e Skype. Come il noto programma di filesharing ed il progettone di Voice-over-IP, anche Joost sfrutta il paradigma peer-to-peer per rendere possibile la fruizione di videoclip e filmati gratuiti su richiesta ("on demand"). Il tutto è organizzato con la metafora del sistema televisivo tradizionale, ma vi sono comunque importanti differenze.

Filmato.jpg

Innanzitutto, il mezzo di diffusione è Internet, e non è quindi necessaria alcuna antenna o ulteriore dispositivo per ricevere i canali Joost: basta un PC relativamente recente (qualsiasi sistema prodotto negli ultimi due-tre anni dovrebbe essere sufficiente) ed una connessione a banda larga da almeno 1 Mbit/s per poter accedere al servizio.

Contrariamente TV generalista, Joost è organizzato in canali strettamente tematici: vi sono "emittenti" dedicate ad argomenti sportivi, informativi, musicali e di intrattenimento, per un totale di circa 250 diverse stazioni.

Ogni canale mette a disposizione una serie di filmati, chiamati "show", che rimangono disponibili on-demand: non è più necessario ricordarsi di "accendere il televisore" ad un orario prefissato, o puntare il videoregistratore: ogni video può essere visto e rivisto a proprio piacimento, a qualisasi orario.

Che cosa non è

Joost è attualmente una piattaforma chiusa, in un certo senso in netta contrapposizione allo spirito di contenuti generati dall'utente che ha reso celebre YouTube. Ecco quindi che i canali sono gestiti solamente da un pungo di medi e grossi calibri della videoeditoria mondiale. All'utente qualunque è quindi preclusa la possibilità di aprire un nuovo canale o diffondere il proprio materiale. Se da un lato questa scelta limita la quantità di materiale disponibile, dall'altro assicura standard più elevati (sia come qualità audio/video, sia come contenuti) di quanto disponibile sui portali di streaming via web.

Joost non è un videoregistratore: è possibile accedere gratuitamente alle trasmissioni, ma non salvarle sul proprio disco fisso.

Ancora: non è un sistema alternativo per accedere agli stessi contenuti TV via etere: in altre parole, non sono presenti le reti RAI o Mediaset, ed anche CNN, CBS ed altri colossi offrono programmazioni distinte da quanto presentato "via antenna".

Prova su strada

Per accedere al servizio è necessario innanzitutto scaricare il client, disponibile per Windows (XP e Vista supportati) e Mac OS X. Gli utenti del Pinguino sono invece esclusi, almeno per il momento.

Dopo la consueta procedura di installazione è possibile lanciare il programma, che parte automaticamente in modalità "tutto schermo" (è comunque possibile ridurlo a finestra in seguito). Da qui, è necessario richiedere un account gratuito per l'accesso. Ultimata anche questa formalità, si viene sintonizzati immediatamente su "Joost Suggest", una trasmissione che mostra una panoramica di quanto presente sui vari canali tematici

Suggest.jpg

Spostando il mouse, compare, in sovraimpressione l'interfaccia, utente del programma. Sulla destra troviamo il pulsante My Joost, da cui accedere ad una serie di funzionalità a corredo, espandibili mediante plugin (denominata Widget): è possibile chattare con altri utenti che stiano visualizzando il medesimo canale, visualizzare un utile orologio analogico, esprimere una valutazione sul canale e poco altro: gli autori rilasceranno comunque a breve un kit che consentità agli irriducibili di sviluppare addon aggiuntivi

My_joost.jpg

Nella parte bassa dello schermo sono disponibili i comandi di navigazione, da cui regolare il volume, ricevere informazioni sul canale e sul video attualmente in riproduzione oppure scegliere uno degli altri show disponibili

Show_select.jpg

Il pulsante alto consente invece di ricevere ulteriori informazioni sul canale, quali il sito web, un breve "about" e poco altro.

Pagine
  1. Ecco TV digitale di Joost
  2. Pagina 2

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 0.25 sec.
    •  | Utenti conn.: 65
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 18
    •  | Tempo totale query: 0.13