Punto informatico Network

Contenuto Default

Gigabyte fantasma, anche Creative dovrà pagare

14/05/2008
- A cura di
Archivio - La produttrice di schede sonore e lettori multimediali è la seconda grossa società a essere punita per la pubblicità capziosa riguardante le dimensioni di storage dei suoi prodotti.

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

creative (1) , gigabyte (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 5 calcolato su 147 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.

Creative_Zen_Stone.jpgSeagate ha aperto le danze, ora è venuto il turno di Creative: portata in tribunale negli States a seguito di una class action, la società è scesa a patti con l'accusa che denunciava la mancata corrispondenza tra lo spazio dichiarato per i suoi player MP3 e quello realmente disponibile. Ancora una volta, dunque, lo spettro delle false convenzioni nella misura della capacità di dischi fissi e memorie flash viene punito dalla giustizia a stelle e strisce.

L'accordo prevede la possibilità, per qualsiasi consumatore statunitense che avesse acquistato un lettore marcato Creative dal 5 maggio 2001 al 30 aprile 2008, di chiedere un risarcimento per ogni dispositivo facendone domanda entro il prossimo 7 agosto, e di godere inoltre del 50% di sconto su un nuovo player da 1 Gigabyte o del 20% di sconto su un qualsiasi prodotto commercializzato sullo store della società.

I querelanti, ha stabilito il giudice, hanno poi diritto a 5.000 dollari di risarcimento ciascuno oltre al pagamento delle spese legali complessive equivalenti a 900.000 dollari. Tutte le informazioni utili sono disponibili sul sito web CreativeHDDMP3Settlement. Creative, dal canto suo, per quanto si sia accordata continua a dichiararsi innocente dalle accuse ascrittele e a negare "che qualcuno sia stato danneggiato o meriti un risarcimento" in seguito alla condotta aziendale.

Prima gli hard disk, poi i lettori MP3, il messaggio dato dalla giustizia USA all'industria appare ad ogni modo cristallino: è finita l'epoca delle dimensioni gonfiate, le società devono attenersi a pratica di trasparenza e indicare, in maniera chiara e inequivocabile, quali sono le reali dimensioni - in Gigabyte o magari nell'unità di misura più corretta, i Gibibyte - dei dispositivi di memorizzazione di massa commercializzati.

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 0.33 sec.
    •  | Utenti conn.: 88
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 20
    •  | Tempo totale query: 0.16