Punto informatico Network

Stand by, sleep, notte, monitor, PC

Australia, disconnessione forzata per i PC Zombi

03/05/2005
- A cura di
Archivio - Quando il provider è costretto a staccare la connessione per evitare di finire nei guai...

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

australia (1) , pc (1) , zombi (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 5 calcolato su 129 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.

Non molto tempo addietro, una ricerca tedesca sollevò il grave problema dei sistemi Zombi, PC compromessi alla totale mercé di una volontà remota, utilizzabili come un vero e proprio esercito per portare attacchi mirati ad un server bersaglio.

Ora si apprende che a Sidney, in Australia, il provider di servizi a banda larga BigPond è stato costretto ad impedire l'accesso alla rete a 6 dei suoi abbonati, sospettati, a quanto ha fatto sapere l'azienda, di essere stati presi di mira da Trojan Horse che, sfruttando le vulnerabilità e le falle aperte, avrebbero permesso ai loro creatori di usare i PC per generare un notevole aumento di richieste di ping verso i propri server.

Un singolo ping solitamente è innocuo, ma in questo caso il numero delle richieste sarebbe arrivato al punto da configurare un vero attacco DOS, potenzialmente in grado di mettere in ginocchio il sistema.

L'azienda ha fatto sapere che sta "... continuando a individuare e rimuovere dalla rete alcuni computer. BigPond è solo uno dei tanti provider nel mondo che vengono presi di mira in questo modo".

Vista la gravità della situazione, sono stati allertati anche i reparti telematici della polizia australiana, e una ulteriore nota della società informa come ci sia l'intenzione di "... attivare una soluzione tecnica che si ritiene ridurrà enormemente l'impatto di questo problema".

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 0.16 sec.
    •  | Utenti conn.: 145
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 20
    •  | Tempo totale query: 0.01