Punto informatico Network

CD, DVD, supporto, disco, software, audio, audio CD, musica

General Electric: nel 2011 i DVD da 500 gigabyte

02/05/2009
- A cura di
Tecnologia & Attualità - Nuove evoluzioni nel campo della tecnologia di scrittura olografica dei dischi. Nonostante le prime previsioni fallite, GE sembra aver sviluppato una tecnologia realmente funzionante; è tuttavia ancora lontana la data in cui potremo acquistare questi prodotti.

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

dvd (1) , blu-ray (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 5 calcolato su 141 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.

Nuova e importante tappa per General Electric, una delle multinazionali statunitensi da sempre impegnata in tutti gli ambiti della tecnologia, i cui ricercatori sembrano essere ad un passo dalla creazione del DVD da 500 gigabyte. Ma GE è solo l'ultima delle Aziende che si sono mosse verso questo obbiettivo, che non è ancora stato raggiunto da nessuna.

Nonostante le prime voci stimassero un arrivo di dischi addirittura da 800 gigabyte già nel 2006, ora la tecnologia olografica di scrittura è quasi completata. Questi supporti di nuova generazione, infatti, hanno la stessa forma di un normale disco DVD, quello che li rende così "speciali" è la rivoluzionaria modalità di scrittura.

Sfruttando un'incisione "olografica", che non si basa più solo sulle due dimensioni del disco, ma riesce ad incidere dati in tre dimensioni e quindi sfrutta anche la profondità dell'oggetto, si è arrivati alla costruzione di media dalla capienza massima di 500 gigabyte. Mentre i primi esperimenti sembravano falliti, in quando la riflessione data dai laser non era sufficiente per rendere i dischi leggibili, con un nuovo materiale in grado di riflettere la luce in maniera molto più amplificata, il problema pare risolto.

In realtà il debutto di questi nuovi dischi dovrà ancora attendere, perché la lettura delle informazioni contenute sfrutta un sistema intrecciato di due diversi laser, incompatibile con i drive oggi montati su computer casalinghi. Oltretutto la vera applicazione di questi supporti di nuova generazione non sarà adatta a comuni cittadini, bensì saranno sfruttati soprattutto per l'immagazzinamento di grandi quantità di dati.

In conclusione, nonostante le promesse, la tecnologia olografica è ancora ben lungi dall'essere applicata in qualunque ambito, anche se si prospetta una prima uscita commerciale di questi dischi già nel 2011 o, al massimo, nel 2012. Ricordiamo che le prime previsioni si sono rivelate comunque completamente sbagliate, in quanto si pensava all'uscita di dischi dalle capacità di memorizzazione superiore ai 100 gigabyte già due anni fa.

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 1.82 sec.
    •  | Utenti conn.: 98
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 18
    •  | Tempo totale query: 1.66