Punto informatico Network

20080829213419

Controllo anti-pirati da Microsoft

27/09/2004
- A cura di
Zane.
Archivio - Un nuovo controllo on-line permette di verificare che la copia di Windows in uso sia originale: opzionale, almeno per il momento.

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

microsoft (1) , controllo (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 5 calcolato su 177 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.

Microsoft si prepara ad un nuovo giro di vite contro la pirateria domestica.

Da alcuni giorni infatti raggiungendo Microsoft Download Center (la pagina di Microsoft che raccoglie tutti i programmi ed aggiornamenti liberamente disponibili) si può notare un nuovo richiamo grafico all'iniziativa Windows Genuine Advantage.

Immagine predefinita per immagine non trovata durante l'importazione

La nuova campagna tende a sensibilizzare l'utenza domestica ai benefici che provengono dall'utilizzo di software regolare: nelle pagine dedicate, si legge come gli utenti regolari possano accedere a servizi di assistenza più velocemente e beneficiare di una esperienza più completa, sia come usabilità del sistema sia come frequenza di aggiornamenti disponibili.

Prima di alcuni download, viene ora presentato uno strumento diagnostico con cui gli utenti possono effettuare una scansione del proprio PC, e verificare che la copia di Windows attualmente in uso sia effettivamente originale.

Sebbene sia possibile non eseguire la verifica e procedere comunque al download, Microsoft spiega fin d'ora che in futuro la validazione del software potrebbe diventare obbligatoria prima di scaricare gli aggiornamenti gratuiti.

Il gruppo assicura che durante l'operazione non verrà raccolto alcun dato sensibile, quale il nome dell'utente o l'indirizzo e-mail.

Non è la prima volta che Microsoft lancia campagne di questo tipo: già due anni fa infatti, con l'uscita del primo Service Pack per Windows XP, era stata introdotta una verifica sul codice seriale che bloccava l'aggiornamento in caso fosse rilevata una chiave resa pubblica illegalmente sulla rete.

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 0.39 sec.
    •  | Utenti conn.: 75
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 18
    •  | Tempo totale query: 0.25