Punto informatico Network

IE, Internet Explorer, Internet, explorer

Quote di mercato dei browser: cattive notizie per Internet Explorer!

05/06/2008
- A cura di
Archivio - Firefox e Safari guadagnano terreno sul prodotto Microsoft. Più attardato Opera.

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

internet (1) , internet explorer (1) , browser (1) , quote di mercato (1) , mercato (1) , explorer (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 5 calcolato su 272 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.

Dominatore assoluto del mercato, da sempre Internet Explorer detta legge, in virtù del fatto che è installato di default sulla stragrande maggioranza dei computer presenti al mondo. Infatti, nonostante la sua storica scarsa qualità, da sempre risulta essere quello che quasi tutti gli utenti Windows usano, un po' per pigrizia, e un po' (passateci il termine) per ignoranza.

Da qualche tempo, grazie ai mezzi di informazione provenienti soprattutto da Internet, si è aperto il mercato dei browser alternativi, che, gratuitamente, offrono un'esperienza di navigazione quasi sempre migliore rispetto al "vecchio rudere" marchiato Microsoft.

Buone notizie per "gli altri" arrivano proprio dalle quote di mercate rilevate da HitsLink che, ancora una volta, vedono Internet Explorer in calo, e la concorrenza in netta crescita.

Oltre all'ormai popolarissimo Mozilla Firefox (che sta per raggiungere la sua terza edizione), si riscontrano risultati davvero ottimi dal browser Safari di Apple, che, rilasciato lo scorso anno anche per Windows, ora sfonda il muro del 6%, mentre il pur ottimo Opera resta parecchio arretrato con una quota di poco inferiore all'1%.

Browser_Marketshare.jpg

Le spiegazioni per questo fenomeno sono piuttosto chiare: se da un lato assistiamo ad un interessante aumento di utenti Macintosh e Linux, dall'altra il favore dei lettori dei portali di informatica si dirige sempre più verso le validissime alternative, che offrono una navigazione sicura, veloce, funzionale, piacevole e rispettosa degli importanti standard W3C, non sempre rispettati da Internet Explorer.

Proprio a proposito di standard W3C, Internet Explorer 7 risulta l'unico browser a non superare ancora test come l'ACID Test 2, già superato da tempo da tutta la concorrenza, che in alcuni casi (Safari e Opera) è già in grado di superare da più di due mesi la terza versione del test.

Senza contare infine l'aspetto sicurezza che, secondo i sostenitori dei progetti alternativi, davvero gioca a favore dei concorrenti.

Vi invitiamo dunque, ancora una volta, a provare le varie alternative che non vi costeranno nulla, non creeranno problemi di incompatibilità anche se le installerete tutte assieme, ma che vi daranno grandi soddisfazioni. Parola di chi fa parte di "quel 27%" da parecchio tempo.

Statistiche MegaLab.it per maggio 2008

Riportiamo infine le statistiche inerenti i navigatori web impiegati per accedere a MegaLab.it durante il mese di maggio appena conclusosi

Browser_maggio_mli.gif

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 0.14 sec.
    •  | Utenti conn.: 143
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 18
    •  | Tempo totale query: 0