Punto informatico Network
Login Esegui login | Non sei registrato? Iscriviti ora (è gratuito!)
Username: Password:
  • Annuncio Pubblicitario

Quanto dovrebbe costare un mp3?

Scambia pareri sull'informatica in generale: le manovre dei discografici, le nuove versioni di Windows, il fatto del momento. Questo è il forum giusto anche per richiedere delucidazioni sui termini tecnici.

Quanto dovrebbe costare un mp3?

0.10 €
3
20%
0.20 €
1
7%
0.30 €
0
Nessun voto
0.40 €
1
7%
0.50 €
1
7%
Tra 0.50 e 1€
1
7%
0 € - Offerta libera - Il p2p sarebbe a questo punto di fatto illegale
0
Nessun voto
0 € - Offerta libera - Il p2p dovrebbe comunque essere consentito.
3
20%
0 € - La musica per uso privato non si paga - l'artista guadagna con i concerti
5
33%
 
Voti totali : 15

Quanto dovrebbe costare un mp3?

Messaggioda Pacopas » ven feb 20, 2009 6:33 pm

Salve ragazi.

Vi propongo un interessante sondaggio.

Come forse saprete è un po' di tempo che si è riaccesa, tramite strane proposte di legge, la questione sulla pirateria informatica e il p2p

nei commenti ai vari articoli in rete si fanno spesso largo affermazioni più o meno articolate sul modello di business sbagliato, ma a mio modo di vedere nessuno propone niente, si parla di qualcosa come se la si fosse sentita in giro.
e soprattutto viene dato troppo credito imho all'onesta e soprattutto alle motivazioni di chi scarica.

io mi chiedo ma alla fine siamo disposti a pagare anche se scegliamo noi le condizioni?

il sondaggio è anonimo, a meno che rispondendo al post esponiate la vostra votazione, e anche in quel caso avete il beneficio del dubbio.. questo per dire siate realmente obbiettivi.. mi interessa davvero sapere come si comporterebbe la gente.

ci sono molte alternative per la risposta zero. scegliete quella che più rispecchia il vostro pensiero.
se volete aggiungerne altre scrivetelo nel post

la domanda è la seguente e ha le seguenti condizioni.
Ponendo che l'80% del ricavato delle vendite vada all'artista e che il 20% a chi organizza il download e il pagamento (gestione server, gestioni portale ecc) che può essere l'artista stesso, volendo.
quanto sareste disposti a pagare una singola traccia in formato compresso (mp3 ogg aac)?
qual è per voi un compenso equo?
Ovviamente si parla di uso privato senza scopo di lucro.
Non è escluso che possano essere venduti anche i cd o box o vinili.


N.B.
Nel sondaggio compare il termine p2p inteso però come download illegale di materiale coperto da copyright
lo ho usato solo per sintesi
alla fine... ogni uomo considera i limiti della propria visione personale come i limiti del mondo...
Avatar utente
Pacopas
Membro Ufficiale (Gold)
Membro Ufficiale (Gold)
 
Messaggi: 6708
Iscritto il: mer ott 05, 2005 12:44 am

Re: Quanto dovrebbe costare un mp3?

Messaggioda ssjx » ven feb 20, 2009 9:29 pm

A mio avviso i modelli proposti non sarebbero sufficienti a regolarizzare il p2p ... una buona idea, IMHO, sarebbe invece quella che circolava tempo fa e prevedeva una sorta di tassa fissa sulla connessione e libero accesso alla rete in tutte le sue forme ... le eventuali proporzioni sui guadagni da destinare alle varie parti potrebbero quindi essere gestite in base a statistiche generali oppure ad un controllo centrale sugli ISP o roba simile

Anche perché, per come la vedo io, le cose stanno così:

- sarebbe solo un guadagno in più rispetto a quello attuale visto che si andrebbe a pagare "di default" qualcosa che adesso è gratis (e le cui proporzioni sono immense)
- questo non influirebbe minimamente sulle vendite di CD, DVD et simila... e ci sono casi ben documentati sulla veridicità di queste affermazioni ... anzi potrebbe solamente contribuire in modo positivo allargando la propria base di utenza (esempio pratico: se io no avessi a suo tempo scaricato un AMV non sarei mai andato il giorno dopo a comprare il CD degli Evanescence)


Le note negative ?

Probabilmente buona parte di quegli strozzini che si fanno chiamare case discografiche ed associazioni varie per il copyright vedrebbero di fatto sparire la loro ragion d'essere ... e si sa che questa non è per loro una buona cosa


E per chi si potrebbe opporre alla nuova "tassa" .... paghiamo già un'infinità di dazi inutili che non hanno alcun senso e nessuno dice niente (andatevi a controllare cosa pagate con la benzina [fischio] ) ... se la cosa fosse fatta con giudizio non dovrebbero davvero esistere problemi di sorta
Usavo IE e mi lamentavo... usavo Mozilla e mi lamentavo, decisamente meno ma mi lamentavo, ... poi ho trovato Opera e fu amore a prima vista
Avatar utente
ssjx
Membro Ufficiale (Gold)
Membro Ufficiale (Gold)
 
Messaggi: 5756
Iscritto il: ven nov 26, 2004 3:37 pm
Località: Barcellona

Re: Quanto dovrebbe costare un mp3?

Messaggioda Pacopas » ven feb 20, 2009 9:47 pm

ssjx ha scritto:A mio avviso i modelli proposti non sarebbero sufficienti a regolarizzare il p2p

comprendo ma forse non sono stato chiaro.

Il mio obbiettivo proponendo il sondaggio non ha la minima intenzione di regolarizzare il p2p.
o diminuirlo o attenuarlo.

io volevo comprendere solo quale è il prezzo che l'utente reputa adeguato.

per il discorso generale se non c'è nessun modo di stabilire un prezzo accettabile, un prezzo adeguato, proposto persino con le condizioni di chi usufruisce del servizio, infatti è un caso ipotetico, nessun discorso di principio è valido. diventa tutto un alibi.

anche se l'ho detto mille volte mi rispiego.
se tu (generico) non sei disposto a pagare per il lavoro di qualcuno, un quantitativo che reputi adeguato o stabilito da te è inutile parlare di prezzi del cd di case discografiche o modello di business

ps
grazie della risposta comunque, il solo fin ora.
comunque vorrei aggiungere la tua opzione.
tassa fissa mensile e download liberi - prezzo da definire
ma risulterebbe un modo per far pagare il p2p ma non è questo lo scopo del sondaggio.
ma alla fine hai votato?
Probabilmente buona parte di quegli strozzini che si fanno chiamare case discografiche ed associazioni varie per il copyright vedrebbero di fatto sparire la loro ragion d'essere ... e si sa che questa non è per loro una buona cosa

infatti sono tutti metodi (quelli proposti) che infine eliminano gli intermediari (o al limite li rilegano ad un ruolo di fornitori di un servizio)
che perdonami è l'alibi o la motivazione più diffusa usata per motivare la scelta di scaricare.
alla fine... ogni uomo considera i limiti della propria visione personale come i limiti del mondo...
Avatar utente
Pacopas
Membro Ufficiale (Gold)
Membro Ufficiale (Gold)
 
Messaggi: 6708
Iscritto il: mer ott 05, 2005 12:44 am


Re: Quanto dovrebbe costare un mp3?

Messaggioda ssjx » ven feb 20, 2009 10:13 pm

No non ho votato

se lo scopo è però solo stabilire un prezzo adeguato per un mp3 (lasciando quindi da parte tutto il resto) allora è più facile... ma mi chiedo: non è allora quanto già avviene sui vari shop online (apple ecc...) ? [uhm]
Usavo IE e mi lamentavo... usavo Mozilla e mi lamentavo, decisamente meno ma mi lamentavo, ... poi ho trovato Opera e fu amore a prima vista
Avatar utente
ssjx
Membro Ufficiale (Gold)
Membro Ufficiale (Gold)
 
Messaggi: 5756
Iscritto il: ven nov 26, 2004 3:37 pm
Località: Barcellona

Re: Quanto dovrebbe costare un mp3?

Messaggioda Pacopas » ven feb 20, 2009 10:51 pm

ssjx ha scritto:se lo scopo è però solo stabilire un prezzo adeguato per un mp3 (lasciando quindi da parte tutto il resto) allora è più facile... ma mi chiedo: non è allora quanto già avviene sui vari shop online (apple ecc...) ? [uhm]


certo però negli store online il prezzo non lo stabilisci tu che compri, anche perché 1 € (0.99€) per me potrebbe non essere un prezzo adeguato.
quindi dico: costa troppo me lo scarico gratis.

in generale la domanda a me pare sin troppo semplice, la risposta e le sue implicazioni meno. [;)]

quanto si è disposti a pagare per una traccia audio?
alla fine... ogni uomo considera i limiti della propria visione personale come i limiti del mondo...
Avatar utente
Pacopas
Membro Ufficiale (Gold)
Membro Ufficiale (Gold)
 
Messaggi: 6708
Iscritto il: mer ott 05, 2005 12:44 am

Re: Quanto dovrebbe costare un mp3?

Messaggioda Xero » sab feb 21, 2009 1:26 pm

50 cent per i formati compressi, senza DRM.
2€ per i formati lossless (.flac, ecc..)

Ma se i guadagni fossero distribuiti come dice Pacopas (80% all'artista e 20% a chi distribuisce) già ora si venderebbero più dischi.
Da quanto mi risulta è l'esatto opposto, ricordo d'essermi informato tempo fa e su 20€ di un cd, 5€ servono per la masterizzazione, stampa copertine, libretti, cd, custodia e imballaggio, un paio di euro vanno all'artista e la restante parte alla SIAE.

Io, senza andare lontano, vedo la reazione di tutti ciò che conosco i quali scaricano musica. Per loro comprare un album è da stupidi, perché tanto basta scaricarlo, e l'innocenza con cui affermano certe cose è da scandalo. Finché c'è la pirateria non ci sarà strada per le vendite online e i ribassi dei prezzi. Tra pagare 1€ e non pagare nulla cosa preferite? Qualcuno potrebbe avere paura dell'illegalità del gesto, altri potrebbero avere una coscienza particolarmente predisposta all'argomento, ma la maggior parte se ne frega.
twitter → http://twitter.com/Maurizio_D

«L'innovazione è una questione di priscio.» A. D'elia
Avatar utente
Xero
Membro Ufficiale (Gold)
Membro Ufficiale (Gold)
 
Messaggi: 5145
Iscritto il: mar giu 27, 2006 8:37 pm
Località: Provincia Di Matera / Bari

Re: Quanto dovrebbe costare un mp3?

Messaggioda Xero » sab feb 21, 2009 1:34 pm

Aggiungo una nota.

Chi compra album su CD lo fa anche per avere un qualcosa che un giorno sarà un ricordo. Come oggi veneriamo il vinile, domani potremmo venerare un CD/DVD, il suo imballaggio, la stampa in copertina, ecc.. e questo è fondamentale perché, chi è *veramente* audiofilo vuole la qualità, e compra i CD originali con tanto di copertina e confezione; chi ascolta musica per diletto, ed è in grado di (ad esempio) registrarsi sull'apple store, associare una carta di credito, scaricare ed installare iTunes e poi procedere all'acquisto, sicuramente ha le competenze necessarie per scaricarlo illegalmente quell'album.

Voglio dire, le categorie sono 3, e ad ogni categoria è associata un tipo di "attività":
1) musicomane di bassa leva (tutti noi): non mi serve pagare, non muoio senza musica, la scarico
2) persona matura, che forse s'è trovata dalla parte dell'artista e che comunque apprezza la musica: compro su internet, costa meno e ascolto uguale
3) audiofilo e/o appassionati: voglio solo la qualità e non conta la spesa, compro il CD e me lo godo a pieno. L'mp3 non fa per le mie orecchie.

Ora, quanti appartengono alla seconda categoria secondo voi?
twitter → http://twitter.com/Maurizio_D

«L'innovazione è una questione di priscio.» A. D'elia
Avatar utente
Xero
Membro Ufficiale (Gold)
Membro Ufficiale (Gold)
 
Messaggi: 5145
Iscritto il: mar giu 27, 2006 8:37 pm
Località: Provincia Di Matera / Bari

Re: Quanto dovrebbe costare un mp3?

Messaggioda zenith » sab feb 21, 2009 1:53 pm

Io appartengo alla terza categoria [std]
Confesso di aver avuto un laaargo periodo di condivisione files, ma ripensandoci la cosa non mi è piaciuta un granchè e da un po' la musica la ascolto in streaming su radio online, su youtube (fessi a quelli che li mettono, i video!) o dal satellite (SKY) - vabbè che attraverso vari espedienti la musica me la registro lo stesso, ma non faccio niente di illegale. Quando ho un po' di soldi da parte penso a compare un cd. In effetti il cd originale (o il vecchio vinile) è caratterizzato da un valore affettiva particolare: basta pensare a "The Dark Side of the Moon" che ho in edizione originale del 1973 e in edizione trentennale in compact disk... oppure alcuni cd che per me hanno unicamente valore affettivo.

Detto ciò, ecco la mia opinione. Penso che chi può compare da Apple store et similia abbia competenze adeguate ed una nutrita carta di credito... Il prezzo per questo lo stabilisce chi mette in vendita la merce, da che mondo è mondo. Se il prezzo è troppo alto presso l'Apple store, benissimo!, il pezzo non lo compro.
Ma il discorso cambia se è lo stesso distributore che distribuisce i pezzi appellandosi all'offerta libera (una sorta di obolo, in somma!)... in tal caso mi sentirei comunque in dovere nel versare ciò che è dovuto che secondo mè può essere 1 euro (in pratica quanto presso l'Apple store...)

Xero ha scritto:Io, senza andare lontano, vedo la reazione di tutti ciò che conosco i quali scaricano musica. Per loro comprare un album è da stupidi, perché tanto basta scaricarlo, e l'innocenza con cui affermano certe cose è da scandalo. [...] Qualcuno potrebbe avere paura dell'illegalità del gesto, altri potrebbero avere una coscienza particolarmente predisposta all'argomento, ma la maggior parte se ne frega.

Esatto [^] I veri stupidi sono loro, che alla fine finiscono per essere autentici parassiti...

Infine, lasciatemi lanciare un appello: VOGLIAMO I VINILI!
«Our philosophy at “New Scientist” is this: science is interesting, and if you don’t agree you can fu** off.»
Avatar utente
zenith
Membro Ufficiale (Gold)
Membro Ufficiale (Gold)
 
Messaggi: 2778
Iscritto il: lun ago 13, 2007 3:31 pm
Località: Mola di Bari

Re: Quanto dovrebbe costare un mp3?

Messaggioda ninjabionico » sab feb 21, 2009 2:43 pm

Ciao.

Io ho risposto 0 € - La musica per uso privato non si paga - l'artista guadagna con i concerti, che mi sembra una cosa più che ragionevole...

... ovvero penso che non sia giusto far pagare per la musica, è una forma d'arte e di conoscenza, sarebbe come volerci far pagare per l'aria che respiriamo, la musica fa parte dell'uomo fin dalla sua nascita, tutte le culture hanno avuto la loro musicalità, i loro strumenti tipici, dai tamburi vari alle arpe, mandolini, cornamusa, ecc...

... mi sembra che nell'ultimo secolo si sia cercato di imbrigliare la conoscenza per cercare di relegarla solo per coloro che sono disposti (e ne hanno la possibilità) di pagare per ottenerla, nell'interesse di pochi e non sempre degli autori stessi.

Beh, ora sono un po' di fretta, semmai amplierò e chiarirò il mio punto di vista più avanti.


[ciao]
Io dico le cose così come stanno! Questo è il mio credo ninja - by Naruto Uzumaki
Expert-Advanced User Powered by Gnu/Linux
Avatar utente
ninjabionico
Membro Ufficiale (Gold)
Membro Ufficiale (Gold)
 
Messaggi: 5207
Iscritto il: lun mar 20, 2006 10:51 pm
Località: Prov. Pd

Re: Quanto dovrebbe costare un mp3?

Messaggioda zenith » sab feb 21, 2009 3:09 pm

ninjabionico ha scritto:... ovvero penso che non sia giusto far pagare per la musica, è una forma d'arte e di conoscenza, sarebbe come volerci far pagare per l'aria che respiriamo, la musica fa parte dell'uomo fin dalla sua nascita, tutte le culture hanno avuto la loro musicalità, i loro strumenti tipici, dai tamburi vari alle arpe, mandolini, cornamusa, ecc...
... mi sembra che nell'ultimo secolo si sia cercato di imbrigliare la conoscenza per cercare di relegarla solo per coloro che sono disposti (e ne hanno la possibilità) di pagare per ottenerla, nell'interesse di pochi e non sempre degli autori stessi.

Non sono molto d'accordo. Se non si dovesse pagare per la musica, se non si dovesse pagare per il software, se non si dovesse pagare per nulla che trasmette conoscenza vuol dire che dovremmo sovvertire il mondo. Non capisco una cosa: c'è una cosa che alla fine bisogna pagare?
I "cantanti" pur essendo artisti vanno pagati. Smetteremmo di acquistare quadri allora? Anche i pittori sono artisti e diffondono conoscenza. Non mi spiego quindi perché pagare per assistere ad un concerto: i concerti non sarebbero allora un evento con il quale si diffonde musica - e quindi conoscenza?
Va bene la libera circolazione della conoscenza e la sua diffusione, ma rifiutare di pagare che il cantante lo fa per mestiere (e con mestiere intendo "per vivere") mi sembra eccessivo. Piuttosto dovremmo strappare lo strapotere dalle mani dei discografici.

Mi sa che sono andato un pochino OT... Scusatemi.
«Our philosophy at “New Scientist” is this: science is interesting, and if you don’t agree you can fu** off.»
Avatar utente
zenith
Membro Ufficiale (Gold)
Membro Ufficiale (Gold)
 
Messaggi: 2778
Iscritto il: lun ago 13, 2007 3:31 pm
Località: Mola di Bari

Re: Quanto dovrebbe costare un mp3?

Messaggioda Xero » sab feb 21, 2009 3:49 pm

zenith ha scritto:
ninjabionico ha scritto:... ovvero penso che non sia giusto far pagare per la musica, è una forma d'arte e di conoscenza, sarebbe come volerci far pagare per l'aria che respiriamo, la musica fa parte dell'uomo fin dalla sua nascita, tutte le culture hanno avuto la loro musicalità, i loro strumenti tipici, dai tamburi vari alle arpe, mandolini, cornamusa, ecc...
... mi sembra che nell'ultimo secolo si sia cercato di imbrigliare la conoscenza per cercare di relegarla solo per coloro che sono disposti (e ne hanno la possibilità) di pagare per ottenerla, nell'interesse di pochi e non sempre degli autori stessi.

Non sono molto d'accordo. Se non si dovesse pagare per la musica, se non si dovesse pagare per il software, se non si dovesse pagare per nulla che trasmette conoscenza vuol dire che dovremmo sovvertire il mondo. Non capisco una cosa: c'è una cosa che alla fine bisogna pagare?
I "cantanti" pur essendo artisti vanno pagati. Smetteremmo di acquistare quadri allora? Anche i pittori sono artisti e diffondono conoscenza. Non mi spiego quindi perché pagare per assistere ad un concerto: i concerti non sarebbero allora un evento con il quale si diffonde musica - e quindi conoscenza?
Va bene la libera circolazione della conoscenza e la sua diffusione, ma rifiutare di pagare che il cantante lo fa per mestiere (e con mestiere intendo "per vivere") mi sembra eccessivo. Piuttosto dovremmo strappare lo strapotere dalle mani dei discografici.

Mi sa che sono andato un pochino OT... Scusatemi.


Condivido ogni singola parola [^]


EDIT

Aggiungo che la gente che va ad assistere ai concerti è perlopiù la stessa gente che compra i dischi, salvo eccezioni.
Se sono disposto a spendere 100 euro per un concerto, tra biglietti, alloggio eventuale e viaggio, di certo non mi fa schifo spenderne 20 per l'album originale.

Guadagnare solo con i concerti va bene per i grandi artisti, che hanno già un bel gruzzoletto da parte.
Gli artisti emergenti, se non si affidano ad un manager (anzi, se non vendono l'anima ad un manager) il quale poi la rivende alla SIAE e a tutto il mercato musicale, non hanno molte speranze.

Vuoi pubblicizzarti con MySpace? Ma che ben venga...ma se non hai un manager disposto a pubblicare il tuo disco, prendendosene un'abbondante parte di guadagni, e se non affida la tua musica alla SIAE (non per una vera ragione, ma perché sì è convinti che sia la prassi) allora non c'è molto strada da percorrere. Continuerai sempre a fare le serate nei localetti, guadagnarti le 200/300 euro a settimana, da dividere con gli altri membri del gruppo, da cui detrarre le spese e il noleggio delle apparecchiature che non possiedi.

Purtroppo è un imbuto che accoglie gli artisti e li mette in riga, sottraendo a ciascuno parte dei guadagni.
La musica è come un computer ormai, deve guadagnarci chi produce le componenti in cina, chi le assembla, chi le vende all'ingrosso e chi al dettaglio; allo stesso modo guadagna chi fa musica, chi pubblicizza la musica, chi finanzia la musica, chi la distribuisce, chi la vende e chi dice di proteggerla dalla pirateria in quanto forma d'arte.

Affidarsi al buon senso degli ascoltatori è un'altra strada, ma ci siamo dimenticati il flop dei Nine Inch Nails quando hanno venduto l'album chiedendo un offerta *libera* in cambio? (c'è un articolo in archivio)
Credevo che solo in Italia fossimo irrispettosi verso le forme d'arte libere, ma a quanto pare "tutto il mondo è paese"
twitter → http://twitter.com/Maurizio_D

«L'innovazione è una questione di priscio.» A. D'elia
Avatar utente
Xero
Membro Ufficiale (Gold)
Membro Ufficiale (Gold)
 
Messaggi: 5145
Iscritto il: mar giu 27, 2006 8:37 pm
Località: Provincia Di Matera / Bari

Re: Quanto dovrebbe costare un mp3?

Messaggioda Pacopas » sab feb 21, 2009 5:39 pm

il discorso come è giusto sta prendendo le pieghe più disparate, speriamo di riuscire ad avere molte votazione così da trarre, se sarà possibile anche delle conclusioni.

in generale sono convinto che il sistema attuale collasserà. volenti o nolenti.
perché obbiettivamente le nuove tecnologie si rendono tutto copiabile e riproducibile ma anche possono creare nuovi tipologie di diffusione.

io penso che ognuno debba avere le proprie opinioni ci mancherebbe. ma essere poco "oggettivi" non serve a nulla.
non si può avere la botte piena e la moglie ubriaca.
e secondo me a questo obbiettivo puntano sia le major che gli utenti. ;)

... mi sembra che nell'ultimo secolo si sia cercato di imbrigliare la conoscenza per cercare di relegarla solo per coloro che sono disposti (e ne hanno la possibilità) di pagare per ottenerla, nell'interesse di pochi e non sempre degli autori stessi.

[std]
ninja io capisco perfettamente la tua opinione, il mondo open che mondo fantastico sarebbe
ma non la credo realizzabile.
in primis non è vero che in quest'ultimo secolo si cerca di imbrigliare... ma da che mondo è mondo le cose stanno così.
persino i menestrelli erano al soldo del re. non andavano certo a cantare per i servi della gleba. da quando si è potuto registrare i vinili si sono venduti le opere. Mozart era pagato, non suonava mica per la strada. il musicista è un artista ma è anche un lavoro.
la musica è un piacere (oltre che conoscenza) perché non dovrebbe pagarsi? i libri sono conoscenza e si pagano.

in definitiva il punto è sul giusto compenso.

purtroppo io credo che i discorsi morali o filosofici stanno a zero. se si pagasse 10 centesimi a canzone in store online direttamente agli artisti la gente scaricherebbe comunque e sarebbe comunque convinta di diffondere cultura... è ipocrisia secondo me... ma non ci è dato sapere visto che per ora ci sono molte scuse da portare a propria discolpa case discografiche che mangiano, costo elevato dei cd... ecc..ecc
per questo ho messo delle specificazioni ben precise al sondaggio... e comunque il risultato anche se molto limitato evidenzia che l'utente vuole dire al cantante come deve guadagnare [boh] neanche l'offerta libera!!
poi pensandoci bene, con un piccolo compenso un piccolo artista potrebbe guadagnarci qualcosa e continuare a fare quello che gli piace, suonare.
non vivrebbe come Madonna ma non sarebbe costretto ad abbandonare.

@xero
Da quanto mi risulta è l'esatto opposto, ricordo d'essermi informato tempo fa...

infatti è così, ma nel sondaggio sono stato accorto, per quel che mi era possibili nel specificare tutti i lati della questione. [;)]
proprio per non discutere sempre delle stesse cose..

ps
moderatori ma che ne dite se spostiamo il sondaggio in attualità?? [;)]
alla fine... ogni uomo considera i limiti della propria visione personale come i limiti del mondo...
Avatar utente
Pacopas
Membro Ufficiale (Gold)
Membro Ufficiale (Gold)
 
Messaggi: 6708
Iscritto il: mer ott 05, 2005 12:44 am

Re: Quanto dovrebbe costare un mp3?

Messaggioda Xero » sab feb 21, 2009 8:25 pm

Per me possiamo spostarci in attualità
twitter → http://twitter.com/Maurizio_D

«L'innovazione è una questione di priscio.» A. D'elia
Avatar utente
Xero
Membro Ufficiale (Gold)
Membro Ufficiale (Gold)
 
Messaggi: 5145
Iscritto il: mar giu 27, 2006 8:37 pm
Località: Provincia Di Matera / Bari

Re: Quanto dovrebbe costare un mp3?

Messaggioda Pacopas » sab feb 21, 2009 9:33 pm

Xero ha scritto:Per me possiamo spostarci in attualità

se siamo in due possiamo non considerarla una decisione arbitraria [:D]
sposto.. chissà abbiamo qualche feed in più [;)] al massimo ritorniamo di qua [acc2]
alla fine... ogni uomo considera i limiti della propria visione personale come i limiti del mondo...
Avatar utente
Pacopas
Membro Ufficiale (Gold)
Membro Ufficiale (Gold)
 
Messaggi: 6708
Iscritto il: mer ott 05, 2005 12:44 am

Re: Quanto dovrebbe costare un mp3?

Messaggioda Xero » sab feb 21, 2009 9:36 pm

Pacopas ha scritto:
Xero ha scritto:Per me possiamo spostarci in attualità

Ah beh [:D]
twitter → http://twitter.com/Maurizio_D

«L'innovazione è una questione di priscio.» A. D'elia
Avatar utente
Xero
Membro Ufficiale (Gold)
Membro Ufficiale (Gold)
 
Messaggi: 5145
Iscritto il: mar giu 27, 2006 8:37 pm
Località: Provincia Di Matera / Bari

Re: Quanto dovrebbe costare un mp3?

Messaggioda Avensis » sab feb 21, 2009 10:40 pm

Bella discussione [:)]

Io sinceramente non sono d'accordo per un prezzo fisso per tutti gli mp3. Ci sono canzoni per le quali pagherei anche 10 euro, mentre altre non le ascolterei nemmeno gratis. L'offerta libera è comunque improponibile, perché ovviamente tutti farebbero i furbi e offrirebbero... niente [:D] oppure un cent, o comunque il minimo possibile. Quindi non saprei proprio...

Già che ci sono, comunque, volevo farvi notare una cosa. Siete sicuri che il tanto combattuto P2P sia dannoso per i gruppi? Che li faccia sempre fallire o comunque riduca le vendite di CD? In realtà non è sempre così: il P2P è dannoso per i gruppi più conosciuti, ma aiuta quelli meno famosi. Comprereste mai un CD di un gruppo nuovo e sconosciuto di cui non avete mai sentito niente? Non credo. Però potete scaricare gratuitamente un paio di canzoni, così tanto per farvi un'idea... e se vi piacciono potete comprare l'album originale. È quello che ho fatto io (e non solo io) molte volte: il P2P mi ha aiutato a scoprire diversi gruppi che non conoscevo. Ho ascoltato un po' di canzoni, mi sono piaciute, quindi ho comprato gli album e sono andato anche ai concerti (sul serio). Le canzoni che non mi piacevano, invece, le ho semplicemente cancellate... non credo di aver arrecato alcun danno agli autori. Senza il P2P non avrei mai comprato gli album di questi gruppi, e quindi essi avrebbero avuto un "cliente" in meno. Per i gruppi famosi è un altro discorso, ovviamente... nessuno li scopre grazie al P2P, perciò per loro è soltanto dannoso perché molti scaricano anzichè comprare.

P.S.: vi parlo da musicista che sta componendo canzoni e cercando di farsi strada nel mondo della musica.

P.P.S.: anche se non c'entra nulla devo dire che, purtroppo, al giorno d'oggi la maggior parte delle canzoni non vale nemmeno un cent. Lo dico senza riferirmi a nessun cantante, gruppo o genere in particolare... è solo il mio parere personale ed ognuno è ovviamente libero di ascoltare quello che vuole [;)]
Avatar utente
Avensis
Aficionado
Aficionado
 
Messaggi: 69
Iscritto il: gio mar 06, 2008 1:49 pm

Re: Quanto dovrebbe costare un mp3?

Messaggioda Pacopas » dom feb 22, 2009 12:49 am

Avensis ha scritto:Bella discussione [:)]

vero [;)]

Io sinceramente non sono d'accordo per un prezzo fisso per tutti gli mp3. Ci sono canzoni per le quali pagherei anche 10 euro,

cio non toglie che se il mercato te le offrisse a un prezzo inferiore le compreresti anche a meno. poi è normale che la stima va fatta sulla media .. un po' di elasticità via.. [;)]
mentre altre non le ascolterei nemmeno gratis.

infatti puoi non comprarle... [:D]
Già che ci sono, comunque, volevo farvi notare una cosa. Siete sicuri che il tanto combattuto P2P sia dannoso per i gruppi? Che li faccia sempre fallire o comunque riduca le vendite di CD?

non credo che la discussione in senso stretto verta su questo, e sinceramente non mi sembra che sia stato affermato.

comunque a quanto pare la tua risposta è già inserita nell'elenco
Offerta libera [;)]

sono interessato a non aprire un dibattito sul p2p che poi si dicono sempre le solite cose... non c'è l'ho con te.

la domanda alla quale non sai/vuoi/puoi rispondere è semplice.
se dovessi scegliere il costo di un mp3 (in media tra le canzoni che hanno segnato la tua vita e quelle che che ti piacciono solamente) che cifra proporresti?
considerando il dividendo dei proventi come segnalato?

scusatemi ma è così incomprensibile il sondaggio?
ditemi come dovrebbe essere posto... [acc2]
è per questo che nessuno vota? o forse perché in fondo infondo non abbiamo la risposta in quanto lo stato attuale delle cose ci porta a non pagare nulla a poterci "giustificare"? [fischio]


[std] [std] non voglio essere polemico voglio specificarlo. [std] [std]
alla fine... ogni uomo considera i limiti della propria visione personale come i limiti del mondo...
Avatar utente
Pacopas
Membro Ufficiale (Gold)
Membro Ufficiale (Gold)
 
Messaggi: 6708
Iscritto il: mer ott 05, 2005 12:44 am

Re: Quanto dovrebbe costare un mp3?

Messaggioda ninjabionico » dom feb 22, 2009 2:02 am

zenith ha scritto:Non sono molto d'accordo. Se non si dovesse pagare per la musica, se non si dovesse pagare per il software


Per esempio io uso solo Software Libero o a gratuito per uso personale... [8D]

zenith ha scritto:se non si dovesse pagare per nulla che trasmette conoscenza vuol dire che dovremmo sovvertire il mondo


Perché no? Non sarebbe una cattiva idea se il mondo cambiasse mentalità in meglio... [8D]

zenith ha scritto:Non capisco una cosa: c'è una cosa che alla fine bisogna pagare?


Certo, ce ne sono molte, il lavoro sicuramente è fra queste. [8D]

Io penso che è proprio nei concerti che si esprime al meglio il lavoro dei cantanti, l'atmosfera creata, la partecipazione del pubblico, il ricordo che ti rimane dell'evento e molto altro sicuramente non potrà essere riprodotto da un semplice MP3 (o Cd) , quindi il valore fra le due cose è molto diverso. [uhm]

Ora, io non dico che non si debbano acquistare o pagare i Cd, anzi, solo che una cosa è il testo e la musica, un'altra l'interpretazione di un artista.

Se io domani volessi eseguire un brano e poi distribuirlo gratuitamente (magari per farmi pubblicità come cantante), sarei costretto a pagare i diritti SIAE e quindi non potrei farlo perché sono costretto a sostenere delle spese, anche se la canzone l'autore l'ha scritta più di 30 anni fa (e quindi ci ha già guadagnato sopra per almeno 30 anni, 3/4 della vita lavorativa di un operaio per capirci)... [:p]

... non trovo giuste certe forme ormai esageratamente estremizzate di tutela dei diritti di pochi a danno di tutti (paghiamo la SIAE persino acquistando le suonerie del cellulari, assurdo pagarle 2-3€ l'una)... [:p]

... e penso che sarebbe giusto se buona parte della rendita del settore fosse dovuta ai concerti, anche nel passato ci sono stati grandissimi autori e artisti la cui fama è arrivata fino a oggi, eppure non mi sembra che fossero tutelati dalla SIAE nel passato, se fosse così forse oggi non potremmo ascoltarci brani (magari riproducendoli al computer o noi stessi con strumenti musicali) di grandissimi compositori quali Verdi, Mozart, Bach, ecc...

zenith ha scritto:I "cantanti" pur essendo artisti vanno pagati. Smetteremmo di acquistare quadri allora? Anche i pittori sono artisti e diffondono conoscenza.


Bene, però stiamo parlando anche di due forme d'arte diverse, il quadro è un bene materiale tangibile e come tale è tutelato dal diritto di proprietà su beni materiali, però...
... sarebbe forse giusto che nessuno possa riprodurre un quadro (in foto, stampa o perché no, un altro artista su tela) se non pagando?

Se io appendo al muro di casa mia una stampa di un quadro che invece tu possiedi, pensi che per questo che ti abbia rubato qualcosa?
Direi di no, visto che il quadro ce l'hai ancora tu... pensi forse che diminuisca il valore del tuo o che la mia stampa valga quanto il tuo dipinto?
Quanti artisti hanno imparato "copiando" i quadri di chi li ha preceduti?
Ancora, se a scuola durante le ore di Arte il professore ti chiede di riprodurre con le tempere su foglio un quadro famoso di Monet o Leonardo, troveresti giusto che se viene esposto nell'atrio della scuola insieme ad altri perché ritenuto un bel lavoro, poi qualcuno ti venga a chiedere soldi perché hai creato una copia del quadro ed esposta in pubblico?

zenith ha scritto:Non mi spiego quindi perché pagare per assistere ad un concerto: i concerti non sarebbero allora un evento con il quale si diffonde musica - e quindi conoscenza?


Per la prestazione (il lavoro) del cantante, per pagare il lavoro dei tecnici, l'affitto di attrezzatura e strutture, le spese per pubblicizzare e organizzare l'evento, ecc...
... mi sembra che sia una richiesta più che legittima, però è anche vero che proprio per incentivare la cultura, molti comuni e/o associazioni di tanto in tanto organizzano concerti pubblici gratuiti... [8D] ... certo, sono una minoranza rispetto al totale, ma ci sono e gli artisti vengono giustamente pagati dalla comunità per il loro contributo.

zenith ha scritto:Va bene la libera circolazione della conoscenza e la sua diffusione, ma rifiutare di pagare che il cantante lo fa per mestiere (e con mestiere intendo "per vivere") mi sembra eccessivo.


Mai detto che il cantante non debba guadagnarci e che ci si debba rifiutare di pagarlo per il lavoro svolto... [...]

zenith ha scritto:... dovremmo strappare lo strapotere dalle mani dei discografici.


Condivido.

Xero ha scritto:Affidarsi al buon senso degli ascoltatori è un'altra strada, ma ci siamo dimenticati il flop dei Nine Inch Nails quando hanno venduto l'album chiedendo un offerta *libera* in cambio? (c'è un articolo in archivio)


Intendevi questo... http://punto-informatico.it/2518061/PI/ ... -2008.aspx ... [acc2]

... oppure questo... http://www.MegaLab.it/1673/radiohead-in ... -ufficiose

Pacopas ha scritto:i libri sono conoscenza e si pagano.


Ok, lo so che se mi compro la Divina Commedia la pago, ma potrei tranquillamente e legalmente stamparmela anche a casa mia... [fischio]
... inoltre posso sempre, gratuitamente, andare in biblioteca a prendere in prestito un libro che mi interessa... [8D]
... leggerlo, studiarlo, prendere appunti sul suo contenuto, senza essere costretto a pagare per la conoscenza che ne deriva. [uhm]

Pacopas ha scritto:da quando si è potuto registrare i vinili si sono venduti le opere


Si vendono anche opere di musica classica che ormai sono "libere da diritti d'autore", il loro costo normalmente è decisamente più basso rispetto a opere recenti...
... inoltre è giusto pagare supporto, registrazione, confezione, distribuzione e un margine di guadagno per tutti quelli che hanno lavorato...

... ma ora il discorso è che con le nuove tecnologie, buona parte di queste spese possono essere praticamente azzerate o quasi...
... quindi sarebbe da rivalutare il corretto costo...

... se fosse (come credo) molto basso, lo si potrebbe tranquillamente includere nel costo del biglietto dei concerti degli artisti (naturalmente quando questo è possibile). [uhm]

Pacopas ha scritto:in definitiva il punto è sul giusto compenso.


Direi che è un punto su cui concordo.
Ora, un altro punto della questione potrebbe essere... per quanto tempo è giusto tutelare i diritti degli autori e/o artisti?

[ciao]
Io dico le cose così come stanno! Questo è il mio credo ninja - by Naruto Uzumaki
Expert-Advanced User Powered by Gnu/Linux
Avatar utente
ninjabionico
Membro Ufficiale (Gold)
Membro Ufficiale (Gold)
 
Messaggi: 5207
Iscritto il: lun mar 20, 2006 10:51 pm
Località: Prov. Pd

Re: Quanto dovrebbe costare un mp3?

Messaggioda ninjabionico » dom feb 22, 2009 2:12 am

P.S.: Ho trovato questo articolo interessante...
http://punto-informatico.it/2127836/PI/ ... cuola.aspx
Io dico le cose così come stanno! Questo è il mio credo ninja - by Naruto Uzumaki
Expert-Advanced User Powered by Gnu/Linux
Avatar utente
ninjabionico
Membro Ufficiale (Gold)
Membro Ufficiale (Gold)
 
Messaggi: 5207
Iscritto il: lun mar 20, 2006 10:51 pm
Località: Prov. Pd

Re: Quanto dovrebbe costare un mp3?

Messaggioda Xero » dom feb 22, 2009 2:30 am

L'articolo era sempra di King, ricordavo che parlasse della media pro capite donata agli artisti dagli acquirenti dell'album, ed era una cifra irrisoria, magari la situazione si è evoluta in meglio successivamente. (pensandoci sono in dubbio se fossero i NIN o i Radiohead)

Fatto sta che quell'album gratuito pubblicato dai NIN (The Slip?) è stata la scintilla che mi ha fatto riscoprire un gruppo che ascoltavo di rado e che ho sempre sottovalutato.

Come diceva Avensis non tutto il male vien per nuocere, ma è risaputo, non è di ciò che discutiamo. (è così per tutto, un esempio come gli altri che mi viene in mente: credete che le migliaia di sviluppatori per iPhone abbiano comprato regolarmente le SDK? avrei i miei dubbi, è una cosa che mi domando da tempo)

Ma in Italia è obbligatorio iscriversi alla SIAE? A me risulta di no, parlando con un contatto, il quale gestisce una web-radio mi diceva che pagano 480€/anno (non vorrei sbagliare) per riprodurre la musica, ma gli sono interdetti artisti come Celentano e Battisti i quali non sono iscritti alla SIAE.

La speranza degli artisti è forse quella che la SIAE sia un paladino contro il P2P illegale? vana, molto vana.


EDIT
Credo che la questione dei 2 artisti sopra citati sia legata esclusivamente alle radio sul web, perché ho controllato ora sono iscritti alla SIAE.

Questo è ciò cui accennavo, perché i giovani artisti vedono la SIAE come oro colato:
SIAE ha scritto:La SIAE è la Società Italiana degli Autori ed Editori. La sua funzione istituzionale è la tutela del diritto d'autore. La SIAE amministra le opere di circa 85.000 aderenti facendo sì che per ogni sfruttamento di un’opera sia corrisposto all’autore e all’editore un adeguato compenso. Di fatto, rappresenta uno sportello unico per la cultura. In un mondo caratterizzato da una sempre più vorticosa diffusione delle opere, la SIAE è, infatti, l'interlocutore per conto degli autori e degli editori di radio, televisioni, produttori discografici, organizzatori di concerti, impresari teatrali, editori e di chi diffonde la cultura ad ogni livello e con ogni modalità. Di tutti coloro, insomma, che utilizzano le opere dell’ingegno, con lo scopo di assicurare il pagamento dei diritti d’autore a chi crea un’opera.


Riflettendoci un momento l'iscriversi alla SIAE è una comodità per i grandi autori, piuttosto che attuare tutta una serie di piccoli accorgimenti per far si che in sede legale venga riconosciuta la paternità dell'opera, si deroga il tutto alla SIAE, pagandola, e arrecando un danno a se stessi e all'utenza finale.

Magari tanti altri non sanno che il diritto d'autore nasce con l'opera stessa, non è un brevetto che va registrato i chissà che, e si affidano al diavolo in persona.

L'artista è pigro, la SIAE è furba e l'utente è pirata. Come gira il mondo.

P.S. Essendo poco poco OT prevedo una grande strigliata da parte del buon Pacopas [fischio]
twitter → http://twitter.com/Maurizio_D

«L'innovazione è una questione di priscio.» A. D'elia
Avatar utente
Xero
Membro Ufficiale (Gold)
Membro Ufficiale (Gold)
 
Messaggi: 5145
Iscritto il: mar giu 27, 2006 8:37 pm
Località: Provincia Di Matera / Bari

Prossimo

Torna a Attualità Tecnologica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Bing [Bot] e 3 ospiti

Powered by phpBB © 2002, 2005, 2007, 2008 phpBB Group
Traduzione Italiana phpBB.it

megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2008 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising