Punto informatico Network
Login Esegui login | Non sei registrato? Iscriviti ora (è gratuito!)
Username: Password:
  • Annuncio Pubblicitario

Articolo sull'hacking dei limiti Rapidshare, MU, ecc

Suggerimenti, commenti, segnalazione errori, critiche, lodi e quant'altro riguardi strettamente MegaLab.it e i suoi contenuti.

Articolo sull'hacking dei limiti Rapidshare, MU, ecc

Messaggioda skoovitz » mar mar 23, 2010 4:00 pm

Mi rivolgo direttamente ai Mods del sito sollevando una questione etica e ben sapendo che qualcuno storcerà il naso.

E' evidente che se un sito come Rapidshare pone dei limiti al download free, essendo sua la banda, è suo diritto farlo e se ne assume commercialmente
la responsabilità verso il pubblico.

Pubblicare guide dove si invita l'utenza ad abusarne violando le policies non è ganzo, è una lezione di prepotenza bella e buona. Che senso ha?

Io da quasi 2 anni pago per accedere a rapidshare, riconosco che offrono un servizio che ha dei costi e faccio la mia parte. Non è una cifra astronomica
e il servizio tutto sommato è decente. Dove sbaglio?

Seguendo la stessa logica, il prossimo articolo potrebbe contenere utili suggerimenti su come taccheggiare al supermercato. Causa lacune nel sistema
ci sono sempre delle possibilità di farla franca e poi è utile in questi tempi di crisi.

Ragà con tutte le cose interessanti che si possono trattare in materia di tecnologia (vedi spettacolare recensione del banchetto Dimastech), perché poi
dobbiamo perderci col trucchetto furbetto da bimbominkia che posso trovare su millemila blog di 13enni?
Avatar utente
skoovitz
Senior Member
Senior Member
 
Messaggi: 220
Iscritto il: ven dic 08, 2006 10:58 pm

Re: Articolo sull'hacking dei limiti Rapidshare, MU, ecc

Messaggioda Pacopas » mar mar 23, 2010 6:24 pm

Ciao skoovitz interessante questione.

Io ho una idea molto forte e particolare sulla questione "pirati".
Secondo me se si vuole discutere in maniera costruttiva va scissa la discussione esattamente come fai tu nei tre aspetti che contraddistinguono la questione.
Etica - pratica - legale.
Se si vuole discutere non bisogna fare lo slalom tra questi tre aspetti, altrimenti non se ne viene più a capo.
Legalmente è facile, infrangi un contratto è illegale, discutiamone quando ci pare resta un fatto.
Praticamente la questione si complica un pelino, perché non centra nulla se le cose sono legali o etiche ma semplicemente se si possono fare o non fare.
Ovviamente resta la questione che devono avere lo stesso effetto pratico. Non si può paragonare ammazzare persone virtualmente in un gioco di guerra e ammazzarle per davvero in una guerra, lapalissiano... quindi questo paragone a mio modo di vedere è illogico
Seguendo la stessa logica, il prossimo articolo potrebbe contenere utili suggerimenti su come taccheggiare al supermercato.

La privazione e la copia di un bene sono cose che praticamente non generano gli stessi effetti.

Eticamente è importante discuterne (sempre e solo se siamo d'accordo sugli altri aspetti altrimenti ne ho fatte troppe di queste discussioni... e me la squaglio [bb] )
Eticamente io credo sia scorretto applicare metodo che aggirano un servizio che offre qualcosa di gratuito e un plus a pagamento, Come il caso da te citato.

Resta un ma etico però. Per cosa viene utilizzato il servizio. Se lo si paga per ospitare/scaricare programmi protetti da copyright e come preoccuparsi del sangue sulla manica quando ti è stata mozzata una mano [:D]
L'etica è molto complessa, perché impone dei paletti non pratici e non legali ma morali.
Se si violano altri tipologie di licenze solo per praticità l'etica diventa fallace perché non è discrezionale, o la si applica o non la si applica.
Nota bene ho parlato di software (windows office tanto per citare alcuni) poichè opere di carattere artistico (testi musica video) il discorso sarebbe imho leggermente diverso...

per quanto riguarda il mero articolo, è il punto meno interessante sempre IMHO della discussione. Informare o portare a conoscenza di alcuni aspetti è niente e tutto. Non sta a noi giudicare dove deve terminare il trasmissibile culturalmente, altrimenti esempio, ciò che per altri non viene considerato etico ci sarebbe tenuto allo scuro.

Spero tu comprenda il mio punto di vista.
e sopratutto spero che non diventi la classica discussione sterile sul p2p (perdonami l'arroganza e il poco tatto) ma secondo me il 90% delle discussioni sul p2p sono sterili ... e credimi lo dico senza astio ma spinto da obbiettività intellettuale... e sono sempre pronto a valutare e eventualmente cambiare idea [;)]
alla fine... ogni uomo considera i limiti della propria visione personale come i limiti del mondo...
Avatar utente
Pacopas
Membro Ufficiale (Gold)
Membro Ufficiale (Gold)
 
Messaggi: 6708
Iscritto il: mer ott 05, 2005 12:44 am

Re: Articolo sull'hacking dei limiti Rapidshare, MU, ecc

Messaggioda ssjx » mar mar 23, 2010 7:42 pm

Pacopas ha scritto:ma secondo me il 90% delle discussioni sul p2p sono sterili

la cosa bella è che non ho mai capito come la pensi [uhm]
Usavo IE e mi lamentavo... usavo Mozilla e mi lamentavo, decisamente meno ma mi lamentavo, ... poi ho trovato Opera e fu amore a prima vista
Avatar utente
ssjx
Membro Ufficiale (Gold)
Membro Ufficiale (Gold)
 
Messaggi: 5756
Iscritto il: ven nov 26, 2004 3:37 pm
Località: Barcellona


Re: Articolo sull'hacking dei limiti Rapidshare, MU, ecc

Messaggioda Pacopas » mar mar 23, 2010 10:51 pm

ssjx ha scritto:la cosa bella è che non ho mai capito come la pensi [uhm]

Bha! ssjx cominciamo col precisare che la sterilità delle discussioni è quasi sempre causata, imho, da una totale estremizzazione di comodo delle parti in causa, da analisi dei pro e dei contro spinte solamente a favorire una delle parti... diciamo che ho notato che le persone provano a giustificare la propria posizione più che a discutere della questione.
e questo a cosa porta a una guerra senza quartiere, dannosa per tutti come spiegavo in questo post

Da un lato si paragonano i pirati a ladri di macchine o di beni
dall'altro... si insozza il principio etico della diffusione della cultura
e io mentalmente non posso accettare nessuna delle due posizioni.

Purtroppo come dicevo in altri post l'ideologia è una cosa fragile e delicata...
Rimane tale se ci sono duri sforzi per rimanere nei suoi limiti... non se si prende la strada più conveniente sempre, altrimenti è praticità non ideologia.

Stringendo.
Praticità si discute poco.
Praticità è il campo attuale, si può praticamente fare; lo faccio. senza se e senza ma... non c'è nulla di ideologico ...
e soltanto che si cerca sempre di parlare dei casi che sono a favore della tesi che in quel momento si vuole dimostrare.
I libri, la cultura ... poi vai a vedere e si scaricano al 90% videogames, software da craccare e cinepanettoni.
oppure il caso rai silverlight
diritti di trasmissione violate, pubblicità evitata...
canone + pubblicità nei programmi, potrei accettare anche di sorbirmi quella del sito... devo pure installare silverlight o non poter usare il sistema che prediligo...
si esagera sempre da entrambi i lati... un accordo è un buon accordo se lascia tutte e due le parti parzialmente scontente [:D]

La legalità (se fossimo un mondo fatto di pacopas [:D] e per Nostra fortuna non lo è [;)] sai che noia tutti uguali ) dovrebbe essere il limite perfetto, il punto di incontro tra ciò che si può fare e ciò che è etico fare...
invece oggi come oggi è nelle mani delle major che alzano la voce con gli stati... e degli utenti che con una miopia imbarazzante credono di fregarle settando diversamente emule.
l'ideologia è condividere per necessità non per convenienza o lusso... è ideologia...
e più o meno spiegavo il mio punto di vista qui
e in questa discussione con ing.motti o meglio ancora in questa

e la stessa differenza che passa tra un hacker e un craker quella che passa tra la mia visione di un utente del p2p e un "pirata" inteso negativamente...

in estrema sintesi... le motivazioni
immagina un omicidio... è errato che diamine... ma se fosse legittima difesa... una donna che uccide uno stupratore spingendolo e facendolo cadere da un ponte (esempio) la motivazione determina la posizione morale del giudizio
l'etica è come la libertà si lotta per averla e si tutela e sopratutto non se ne approfitta. IMHO

come sempre sono mie opinioni, non voglio condizionare nessuno e bla bla [std]
scherzi a parte sarei felice se qualcuno mi convincesse del contrario.. [cuore] [bleh]
alla fine... ogni uomo considera i limiti della propria visione personale come i limiti del mondo...
Avatar utente
Pacopas
Membro Ufficiale (Gold)
Membro Ufficiale (Gold)
 
Messaggi: 6708
Iscritto il: mer ott 05, 2005 12:44 am

Re: Articolo sull'hacking dei limiti Rapidshare, MU, ecc

Messaggioda skoovitz » mer mar 24, 2010 6:36 pm

Vi ringrazio per le risposte.

Lungi da me l'idea di scatenare una "holy war" vecchio stampo su questioni fin troppo discusse come il confine tra pirateria ed esercizio del diritto di accesso alla conoscenza, che anche per me è sacrosanto.

Ben diverso però è sostenere le ragioni di chi usa Emule/BitTorrent, tecnologie sviluppate ad hoc per la condivisione di massa, paritaria, gratuita, decentrata, si spera consapevole.

Nel caso specifico, siamo di fronte a uno specifico sito (se volete ad un ristretto gruppo) facente capo ad una società commerciale, che offre un ben determinato servizio a ben determinate condizioni, a prescindere da quale sia il contenuto che uno va a scaricarsi su cui è sempre l'utente ad avere la responsabilità, come giusto che sia.
Non è P2P in senso stretto, dove ogni utente mette a disposizione da-pari-a-pari contenuti di qualsiasi genere contribuendo in parte a creare l'infrastruttura di distribuzione. Non è una tecnologia sviluppata a questo scopo, non ha nulla di innovativo e d'altro canto i motivi per cui esiste un limite alla banda di download per il pubblico sono comprensibili a chiunque.
E' un banale servizio client-server di download su http offerto a determinate condizioni alla propria community che contribuisce economicamente al suo sostegno.

E' evidente che di fronte a premesse tanto chiare, qualunque trick è solo un espediente per forzare il sistema a danno, oltre che del sito, dell'utenza pagante tutta, che a differenza del costo di un CD paga niente altro che il servizio di accesso, estremamente importante in un Paese disgraziato come il nostro dove la banda larga resta un miraggio.

In questo ci vedo poco di romantico. Posso entrare in possesso di un testo fotocopiato e, a mie spese, fotocopiarlo per i miei amici e magari averne altri in cambio. Condivisione.

Però non vado a dire a tutti che la porta sul retro della libreria è incustodita, quindi entrate e fate man bassa.

Ne faccio un problema di etica soprattutto per MLI (da qui l'appello ai Mods) che è un sito ben avviato, con una bella community, parte di un importante network nazionale di testate, che mi sembra si sia sempre sforzato di stare "un gradino più su" del solito blog di area tecnica e che (credo) dovrebbe sforzarsi al massimo di proporre contenuti di un certo livello anche se a volte, ne sono consapevole, questo può mettere le briglie alla creatività di qualche redattore.
Se pubblicate guide di hacking, allora potete anche mettere su una sezione di roba warezzona, liste di seriali, crack ecc.
IMHO non c'è differenza.

[grazie] e saluti.
Avatar utente
skoovitz
Senior Member
Senior Member
 
Messaggi: 220
Iscritto il: ven dic 08, 2006 10:58 pm

Re: Articolo sull'hacking dei limiti Rapidshare, MU, ecc

Messaggioda masterz3d » mer mar 24, 2010 6:53 pm

In sintesi:
  • uno paga - e ha download illimitato (o entro i limiti previsti per quella membership);
  • uno non paga - usa il trucchetto - e ha download illimitato (o entro i limiti previsti dal trucchetto).

Adesso, calatevi nei panni dei gestori del servizio. Si vedono questi flussi di dati in uscita che crescono vertiginosamente pur senza un significativo, o quantomeno proporzionale, aumento delle membership "legittime".

Qual è la prima cosa che fanno? Indagare sul come mai.
La seconda? Inventano ulteriori restrizioni per rendere inefficace il trucchetto.

E' come scoprire un bug o un buco nella sicurezza. Personalmente non mi stupirei nel vedere che tra un po' potrebbe non funzionare più... [V]

Per me non è tanto una questione di etica, pur avendo le sue fondatissime ragioni, ma una questione di stabilità del servizio. Se il flood continua e il trucco diventa di pubblico dominio i server rischiano di collassare, avendo dei sistemi anti-flood aggirabili, e i costi del gestore potrebbero aumentare. Quindi potrebbero anche aumentare i costi delle membership "legittime"... chi era che diceva che la pirateria è nociva?
Tocca i grani di un mala durante la preghiera, in ordine, tutti.
Allora sfiorerai la natura del Buddha.
Avatar utente
masterz3d
Senior Member
Senior Member
 
Messaggi: 425
Iscritto il: mer nov 04, 2009 4:59 pm
Località: Fiumicello, UD

Re: Articolo sull'hacking dei limiti Rapidshare, MU, ecc

Messaggioda farbix89 » mer mar 24, 2010 7:32 pm

Essendo il responsabile dell'articolo,non posso che dirti il mio parere.

Io da quasi 2 anni pago per accedere a rapidshare, riconosco che offrono un servizio che ha dei costi e faccio la mia parte. Non è una cifra astronomica
e il servizio tutto sommato è decente. Dove sbaglio?


Non hai tutti i torti,visto che paghi per un servizio.
Però pensala per un po' cosi: un tuo amico ti vuole mandare un file molto importante per il lavoro,ma l'unico modo è inviartelo via Rapidshare.
Vai per scaricare come utente gratuito ma non va:limiti raggiunti,strani errori.....
sei bloccato dalle politiche del servizio gratuito scadente,che lascia al palo molti utenti onesti e bisognosi.

Seguendo la stessa logica, il prossimo articolo potrebbe contenere utili suggerimenti su come taccheggiare al supermercato. Causa lacune nel sistema
ci sono sempre delle possibilità di farla franca e poi è utile in questi tempi di crisi.


Come ho detto prima Il problema non è dell'articolo o nell'estensione in sè,ma nella scarsa sicurezza dei siti,che sono fatti con i piedi,pieni di bug che i geni del computer sfruttano facilmente......
Io credo che "trucchetti" come questi alla lunga ti offriranno un servizio migliore,visto che loro lo devono sempre migliorare per restare al passo degli hacker


Ragà con tutte le cose interessanti che si possono trattare in materia di tecnologia (vedi spettacolare recensione del banchetto Dimastech), perché poi
dobbiamo perderci col trucchetto furbetto da bimbominkia che posso trovare su millemila blog di 13enni?


Non penso che sia una bimbominkiata,visto che gli sviluppatori si fanno un mazzo tanto per rendere funzionale l'estensione,e ci guadagnano pure un gruzzolo alla fine.......
Sui millemila blog di 13 enni a malapena ti danno il link del download,noi analizziamo ogni aspetto positivo o negativo degli applicativi
Avatar utente
farbix89
Membro Ufficiale (Gold)
Membro Ufficiale (Gold)
 
Messaggi: 14093
Iscritto il: ven feb 13, 2009 10:09 pm

Re: Articolo sull'hacking dei limiti Rapidshare, MU, ecc

Messaggioda M@ttia » mer mar 24, 2010 8:39 pm

Io posso dire di possedere un account platinum a vita per Megaupload (regolarmente acquistato, ma visto come lo utilizzo ne vale la pena...), ma non mi sento minimamente "truffato" se un mio amico cerca di bypassare i limiti del suo account gratuito per renderlo "uguale" al mio "gratuitamente"...
</IE><FIREFOX>
Avatar utente
M@ttia
Moderatore
Moderatore
 
Messaggi: 8363
Iscritto il: lun giu 09, 2003 2:18 pm
Località: Ticino - Estero

Re: Articolo sull'hacking dei limiti Rapidshare, MU, ecc

Messaggioda masterz3d » mer mar 24, 2010 8:59 pm

un tuo amico ti vuole mandare un file molto importante per il lavoro,ma l'unico modo è inviartelo via Rapidshare.
Vai per scaricare come utente gratuito ma non va:limiti raggiunti,strani errori.....
sei bloccato dalle politiche del servizio gratuito scadente,che lascia al palo molti utenti onesti e bisognosi.

Ciò non giustifica il fatto. Se hai un lavoro vuol dire che hai i soldi per pagare il servizio, e se sei onesto non usi trucchi per aggirare i limiti di banda imposti dal servizio gratuito.
Tocca i grani di un mala durante la preghiera, in ordine, tutti.
Allora sfiorerai la natura del Buddha.
Avatar utente
masterz3d
Senior Member
Senior Member
 
Messaggi: 425
Iscritto il: mer nov 04, 2009 4:59 pm
Località: Fiumicello, UD

Re: Articolo sull'hacking dei limiti Rapidshare, MU, ecc

Messaggioda TheSloth » mer mar 24, 2010 9:10 pm

Quanto promosso da skoovtz è per lo meno ragionevole, eppure mi trovo nella posizione di contraddirlo. Il motivo è semplice: perché tramite l'estensione, non si ottengono comunque gli stessi privilegi di chi ha un account regolarmente acquistato. Magari si, ha accesso a qualcosa in più, ma a mio parere niente che non sia in qualche modo previsto o già messo in conto (mi viene in mente il caso Megavideo: chiunque lo utilizza da tempo, sa già che una semplice riconnessione, procedura che interessa lo stesso lasso di tempo del click sull'estensione, risolve il problema. e non ditemi che non era messo in conto) Si paga per avere un servizio completo e funzionale, libero cioè dalla necessità di utilizzare trucchetti e raggiri.

Sono in disaccordo però anche con chi sostiene che l'esistenza di tali trucchi sia la naturale conseguenza di programmatori poco competenti...ma qui il perché diventerebbe troppo prolisso, e temo sfocerebbe nel solito discorso hacker vs cracker [:D]
Avatar utente
TheSloth
Membro Ufficiale (Gold)
Membro Ufficiale (Gold)
 
Messaggi: 3285
Iscritto il: ven set 15, 2006 8:50 pm
Località: Marche

Re: Articolo sull'hacking dei limiti Rapidshare, MU, ecc

Messaggioda farbix89 » mer mar 24, 2010 9:51 pm

@ Master3d: il mio era un esempio,ovvio che se hai un lavoro paghi il servizio,ma chi non vuole o non Può?

Devo chiarire tutto

Illimitux non è hacking perché

-Su megavideo,l'estensione utilizza dei server proxy per superare i limiti,cosa effettuabile tranquillamente con programmi o anche manualmente

-Su Rapidshare,non Viola nessuna policy visto che non velocizza minimamente il download(gli account gratuiti vanno massimo a 100 KB/S,con l'estensione sempre 100 KB/S) velocizza SOLO la procedura di avvio del download,velocizzando i clic vari sul sito;in più il tempo di attesa con l'estensione è molto più basso rispetto al sito

-Su Megaupload,inserisce da solo captcha,avvia da solo download e scarica ESATTAMENTE come sul sito ufficiale,la reale velocità di download è la stessa,ma quello con l'estensione ci ha messo di meno perché ha automatizzato alcuni passaggi scomodi,

-DepositFiles,Zshare etc. come su Megaupload

-Su Veoh,Il Web player c'è l'hanno loro nel player,non ti fanno installare nulla sul PC.

Dove vedete hacking?

Io vedo solo comodità per gli utenti,in un mondo dove tutti andiamo a 10000 all'ora......

Chi usa l'estensione è forse più veloce di un utente normale,ma è Indubbiamente svantaggiato rispetto a chi paga,come giusto che sia.

Penso che possiamo chiuderla qui. [ciao]
Avatar utente
farbix89
Membro Ufficiale (Gold)
Membro Ufficiale (Gold)
 
Messaggi: 14093
Iscritto il: ven feb 13, 2009 10:09 pm

Re: Articolo sull'hacking dei limiti Rapidshare, MU, ecc

Messaggioda Pacopas » mer mar 24, 2010 10:09 pm

Chiariamo uno dei punti cruciali della discussione.
La possibilità di pubblicare o meno certe tips trucchi stratagemmi o come vogliamo chiamarli.
mi quoto
per quanto riguarda il mero articolo, è il punto meno interessante sempre IMHO della discussione. Informare o portare a conoscenza di alcuni aspetti è niente e tutto. Non sta a noi giudicare dove deve terminare il trasmissibile culturalmente, altrimenti esempio, ciò che per altri non viene considerato etico ci sarebbe tenuto allo scuro.

Prendersela (lo dico per modo di dire skoovitz) con chi pubblica o diffonde l'informazione io personalmente l'ho sempre vista come una cosa fine a se stessa.
Non sta a noi comunque in genere giudicare l'etica di nessuno, credo; ed inoltre è pericoloso.
C'è sempre chi è più etico e ti dice che non è etico che paghi un servizio per vedere qualcosa protetto da copyright, se colui che paghi (mediavideo esempio) non è il detentore dei diritti, immagino che uno dei motivi del tuo abbonamento sia questo o sbaglio?
alla fine generando una escalation infermabile.
Si può imho solo ed esclusivamente, ritengo, discuterne come stiamo facendo, per far vagliare la nostra posizione e cercare di avvicinare altri.
L'etica è una cosa personale. Dal canto nostro possiamo e dobbiamo cercare di far crescere altri, senza nascondere nulla.
I tre punti che spiegavo prima. (etico pratico e legale)
Detto e fissato questo entriamo nel tema.
farbix89 ha scritto:sei bloccato dalle politiche del servizio gratuito scadente,che lascia al palo molti utenti onesti e bisognosi.

perdonami fabrix a me piace discutere, non prenderla assolutamente come una cosa diretta a te. [std]
Ma questa è proprio quel tipo di sfaccettatura melodrammatica di cui parlavo nel precedente post...
Utenti onesti e bisognosi... li descriviamo sempre come orfani in mano alla strega cattiva.
Invece esattamente come scrivevo nel post di risposta a ssjx, ci sono metodologie valide e migliori per risolvere il problema da te citato tecniche descritte anche su questo sito
L'estensione serve a vedere film in streaming... come dicevo... mi spiace non posso farci niente... ma cercare sempre esempi accettabili "eticamente" quando sappiamo che il 90% ne fa un uso diverso lo trovo sterile...perdonatemi tutti.. la penso così... e mi incaponisco perché per me è una metodologia di risoluzione miope di un problema, quello del copyright attuale che esiste ed è da risolvere

visto che gli sviluppatori si fanno un mazzo tanto per rendere funzionale l'estensione,e ci guadagnano pure un gruzzolo alla fine.......

che paghi comunque tu utente non a megavideo ma a loro non tramite soldi ma tramite tonnellate di dati e informazioni, ma è decisamente OT

M@t e master hanno detto due cose importanti...
M@t sull'etica... anche io utilizzo openoffice e con tutte le rotture giornaliere di chi mi manda doc che poi vanno riformattati (semmai con office crakkato) mantengo salda la mia scelta non preoccupandomi dell'etica altrui, se non in termini prima citati (informazione), oppure uso avira e non disabilito la pubblicità post aggiornamenti perché è un prodotto gratuito, ma non giudico chi lo fa, perché è un circolo vizioso come dicevo, c'è sempre chi ha una visione diversa di ciò che è etico.
master sulla qualità. Tu pagante non risentirai mai di un rallentamento o non subirai perdite.
quindi se la questione è discutere sull'etica, come vedi mi piace farlo... se è un senso di rivalsa perché sei pagante... ho sbagliato discussione [:)]
tutto imho... signori miei

edit fabrix ho scritto prima del tuo ultimo mess... anche io ho un punto di vista simile a master... le motivazioni sono nel messaggio di risposta a ssjx... ciò non toglie che questa discussione con l'articolo in se centra poco e nulla per come la vedo io, ma quello è solo uno spunto di discussione
alla fine... ogni uomo considera i limiti della propria visione personale come i limiti del mondo...
Avatar utente
Pacopas
Membro Ufficiale (Gold)
Membro Ufficiale (Gold)
 
Messaggi: 6708
Iscritto il: mer ott 05, 2005 12:44 am

Re: Articolo sull'hacking dei limiti Rapidshare, MU, ecc

Messaggioda farbix89 » mer mar 24, 2010 10:17 pm

Quello che conta è che ho chiarito il funzionamento di Illimitux una volta per tutte,e non mi pare che funzioni come hack.

Sulle questioni morali non torno o si fa notte a discutere,visto che il problema non sussiste più [:)]
Avatar utente
farbix89
Membro Ufficiale (Gold)
Membro Ufficiale (Gold)
 
Messaggi: 14093
Iscritto il: ven feb 13, 2009 10:09 pm

Re: Articolo sull'hacking dei limiti Rapidshare, MU, ecc

Messaggioda skoovitz » gio mar 25, 2010 6:54 pm

Rapidshare è un sito privato che nei limiti della propria libertà ha tutto il diritto di istituire la propria offerta commerciale e - in casa propria - stabilire le regole che più gli aggradano.

Va bene, si tratta per lo più di regolette antipatiche fatte per spingere l'utente a diventare cliente pagante (attesa per i download, banner invasivi, banda limitata, ecc.). Però, se uno a casa propria ha stabilito di fare "così", perché qualcun altro ci deve mettere il becco e fare "cosà"?
Qual è il principio che sta sotto? Chi tace acconsente? Secondo me chi tace non dice niente, e basta.

Leggo che tutti, paganti o meno, usano il servizio per condividere materiale protetto da copyright. E' un segreto di pulcinella, quindi il mio ragionamento contiene una buona dose di ipocrisia, quindi chi se ne frega, zitti e mosca che al mondo ci sono ben altri problemi. Pragmatico, ma non intacca il principio.

Potrei replicare che certi pezzi del filone "aggira di qua", "fatti più furbo di là", "approfitta di questo senza pagare" riscuotono da sempre grande successo e messi in home page tirano più di un carro di buoi, specie quando rivolti ad una platea di teenagers, spesso sottoposti ai tragici limiti della paghetta settimanale. Anche qui forse c'è sotto dell'ipocrisia.

Non chiudo così il problema etico perché lo vedo ancora li, tutto intero. C'è sotto una questione di principio. Fuori tutti i discorsi esistono due modi di usare rapidshare. Secondo le regole oppure non usarlo. La terza via è, sempre e solo, hacking.

Saluto e ringrazio ancora tutti per il tono costruttivo e gli interventi sempre pertinenti.
Avatar utente
skoovitz
Senior Member
Senior Member
 
Messaggi: 220
Iscritto il: ven dic 08, 2006 10:58 pm

Re: Articolo sull'hacking dei limiti Rapidshare, MU, ecc

Messaggioda Pacopas » gio mar 25, 2010 10:06 pm

Vedi skoovitz, io la penso come ti ho esposto prima, evidentemente non ho abbastanza dialettica [std]
permettimi di usare le tue parole
Leggo che tutti, paganti o meno, usano il servizio per condividere materiale protetto da copyright. E' un segreto di pulcinella,

Ma se tu ci pensi il detentore dei diritti è un ente
skoovitz ha scritto: privato che nei limiti della propria libertà ha tutto il diritto di istituire la propria offerta commerciale e - in casa propria - stabilire le regole che più gli aggradano.
...
Va bene, si tratta per lo più di regolette antipatiche fatte per spingere l'utente a diventare cliente pagante (attesa per i download, banner invasivi, banda limitata, ecc.). Però, se uno a casa propria ha stabilito di fare "così", perché qualcun altro ci deve mettere il becco e fare "cosà"?

a questo punto mi chiedo chi è rapidshare/megavideo per metterci becco offrendoli ad altri a costi minori senza pagarli?
Qual è il principio che sta sotto? Chi tace acconsente? Secondo me chi tace non dice niente, e basta.

Anche secondo me, però o si tace o si parla, uno non può fare un po' e un po'... forse mi sbaglio io, sempre se parliamo di etica
Potrei replicare che certi pezzi del filone "aggira di qua", "fatti più furbo di là", "approfitta di questo senza pagare" riscuotono da sempre grande successo

Lo stesso successo che riscuote, guadagnandoci, rapidshare fornendo e non inconsapevolmente, rispetto a servizi di più rigido controllo, contenuti
rivolti ad una platea di teenagers, spesso sottoposti ai tragici limiti della paghetta settimanale.

Non chiudo così il problema etico perché lo vedo ancora li, tutto intero.

Purtroppo come ho cercato di spiegare l'etica è difficile da utilizzare, primo serve a giudicare noi stessi non gli altri, se è etica [:D]
secondo perché non è che uno la applica un po' a piacere
C'è sotto una questione di principio.

è quello che dico anche io, ma di quale principio parliamo?
etica è per definizione la logica applicata alla morale comune, la logica non ci permette di fare questo tipo di scissioni di comodo ma solo scissioni logiche... non penso tu voglia farci la morale [;)]
Fuori tutti i discorsi esistono due modi di usare rapidshare. Secondo le regole oppure non usarlo. La terza via è, sempre e solo, hacking.

come per i contenuti secondo i detentori, o li si vede/ascolta pagandoli a loro quello che ritengono opportuno o non li si vede/ascolta... il resto è hacking
Saluto e ringrazio ancora tutti per il tono costruttivo e gli interventi sempre pertinenti.

è sempre un piacere. [^] [brindisi]

per il discorso, opinabile per me, che il nostro è un mezzuccio per attirare utenza, non è mai stato il nostro obbiettivo, altrimenti avremmo fatto articoli solo del genere... e pure ci segui da tanto [boh]
alla fine... ogni uomo considera i limiti della propria visione personale come i limiti del mondo...
Avatar utente
Pacopas
Membro Ufficiale (Gold)
Membro Ufficiale (Gold)
 
Messaggi: 6708
Iscritto il: mer ott 05, 2005 12:44 am


Torna a Benvenuto in MegaLab.it

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti

cron
Powered by phpBB © 2002, 2005, 2007, 2008 phpBB Group
Traduzione Italiana phpBB.it

megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2008 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising