Punto informatico Network
Login Esegui login | Non sei registrato? Iscriviti ora (è gratuito!)
Username: Password:
  • Annuncio Pubblicitario

Wireless non protetta - reato?

Malfunzionamenti della LAN, suggerimenti sulla condivisione e altro legato alle reti.

Wireless non protetta - reato?

Messaggioda Lord Daz » sab ott 25, 2008 10:45 am

Scusate la domanda (forse) idiota ma:

cometto reato se trovando una rete Wireless non protetta mi ci conntetto? è un reato?

Grazie,
LD
Avatar utente
Lord Daz
Senior Member
Senior Member
 
Messaggi: 345
Iscritto il: ven ott 24, 2008 6:24 pm

Re: Wireless non protetta - reato?

Messaggioda ste_95 » sab ott 25, 2008 10:47 am

Reato? Naaa! Altrimenti solo connettersi a una rete di un terminal, aeroporto ecc. sarebbe reato. [^]
«A volte è meglio tacere e sembrare stupidi che aprir bocca e togliere ogni dubbio.» Oscar Wilde
Avatar utente
ste_95
Membro Ufficiale (Gold)
Membro Ufficiale (Gold)
 
Messaggi: 17271
Iscritto il: lun ago 06, 2007 11:19 am

Re: Wireless non protetta - reato?

Messaggioda ssjx » sab ott 25, 2008 11:16 am

Però, in fin dei conti, se si tratta di un privato cittadino (che magari non "la protegge" semplicemente perché nemmeno sa come) non so quanto questo sia lecito... cioè un conto è una rete specificatamente realizzata perché chiunque la usi, un altro se non è questo lo scopo.... almeno credo [uhm]
Usavo IE e mi lamentavo... usavo Mozilla e mi lamentavo, decisamente meno ma mi lamentavo, ... poi ho trovato Opera e fu amore a prima vista
Avatar utente
ssjx
Membro Ufficiale (Gold)
Membro Ufficiale (Gold)
 
Messaggi: 5756
Iscritto il: ven nov 26, 2004 3:37 pm
Località: Barcellona


Re: Wireless non protetta - reato?

Messaggioda ste_95 » sab ott 25, 2008 11:22 am

D'accordo, potresti essere classificato str*nzo, ma non criminale... [sh]
«A volte è meglio tacere e sembrare stupidi che aprir bocca e togliere ogni dubbio.» Oscar Wilde
Avatar utente
ste_95
Membro Ufficiale (Gold)
Membro Ufficiale (Gold)
 
Messaggi: 17271
Iscritto il: lun ago 06, 2007 11:19 am

Re: Wireless non protetta - reato?

Messaggioda Mr.TFM » sab ott 25, 2008 1:53 pm

La mia Wireless non è protetta.
Un po' per scelta, un po' per disinteresse.
Abito in un paese e i miei vicini di casa più vicini, e quindi a tiro di Wi-Fi, sono parenti. Davanti a casa mia c'è una strada piuttosto trafficata, senza panchine, quindi sono tranquillo...

Ad ogni modo, in città mi capita di andare da amici che bitano in palazzi e di trovare reti wireless, chiuse e aperte. A quelle aperte mi ci collego.
Non credo di commettere un reato, tantopiù che non mi collego ai loro pc per fregargli dati (anche perché non saprei come farlo....) ma anche se lo sapessi non me ne fregherebbe niente......

Quello che voglio dire è che tutti dovremmo tenerla aperta. Nei condomini la wi-fi dovrebbe essere condominiale.
Due - tre abbonamenti alice 7 mega, sarebbero sufficienti per far navigare DECENTEMENTE una quindicina di pc (e/o smartphone) connessi contemporaneamente.
E le spese sarebbero divise tra tutti. In un condominio di 5/6 piani ci stanno 10/12 famiglie, fate un po' voi i conti della spesa mensile. Chi non ha il pc, non paga. OVVIAMENTE.

Il Wi-Max non ce lo mettono?, Beh, facciamocelo noi, italiani.................

Insomma, il wi-fi aperto è una scelta di chi paga la bolletta. Connettervisi, IMHO, non è un reato. Dite che alcuni lasciano aperta la rete per ignoranza? Affari loro. [eat]
MegaLab è una potentissima droga virtuale.
"Nella setta del Codice Macintosh si può entrare, ma non se ne può uscire." V. ZUCCONI
Avatar utente
Mr.TFM
Membro Ufficiale (Gold)
Membro Ufficiale (Gold)
 
Messaggi: 23387
Iscritto il: gio mar 18, 2004 11:46 am
Località: Livorno Ferraris (Vercelli)

Re: Wireless non protetta - reato?

Messaggioda clic » sab ott 25, 2008 4:19 pm

Il reato lo commette sia chi si connette che colui che rende la connessione utilizzabile.
Partiamo da un principio molto semplice: per offrire connettività è necessario essere provider con tanto di licenze ed autorizzazioni al seguito e anche se non lo si fa a scopo di lucro, il decreto Pisanu (conseguente alle restrizioni post 11 settembre) richiede che chi accede alla rete sia debitamente identificato. Questa identificazione la deve fornire il provider con l'obbligo di detenere i log della connessione (ip, mac address, credenziali, sistema operativo ecc) per non so quanti anni.
Allo stesso modo chi si connette potrebbe essere accusato di intrusione abusiva ad una rete senza la specifica autorizzazione del proprietario.
Il fatto è che non siamo negli States dove squadre dell'FBI girano con apparecchi per il wardriving con i quali individuano e multano salatamente i cittadini che contravvengono alla legge lasciando il loro access point "aperti" ma ciò non toglie che sia un reato.
Avatar utente
clic
Bronze Member
Bronze Member
 
Messaggi: 931
Iscritto il: lun mar 17, 2008 9:03 pm

Re: Wireless non protetta - reato?

Messaggioda alb » sab ott 25, 2008 4:38 pm

Quello che voglio dire è che tutti dovremmo tenerla aperta. Nei condomini la wi-fi dovrebbe essere condominiale.
Due - tre abbonamenti alice 7 mega, sarebbero sufficienti per far navigare DECENTEMENTE una quindicina di pc (e/o smartphone) connessi contemporaneamente.
E le spese sarebbero divise tra tutti. In un condominio di 5/6 piani ci stanno 10/12 famiglie, fate un po' voi i conti della spesa mensile. Chi non ha il pc, non paga. OVVIAMENTE.

Con la wifi aperta chiunque può entrare nella tua rete e far di tutto; c'è modo per condividere solo la connessione e proteggere l'accesso al pc ma la maggioranza non è in grado di farlo.
Mettersi d'accordo per condividere una connessione adsl tramite wifi è un altro discorso, e non c'è bisogno di stare senza protezioni, basta comunicare la chiave a quelli che vuoi che entrino nella rete. Comunque è una bella cosa se hai persone di cui fidarti, se il tuo vicino attacca emule e ti satura la banda tu che fai?
L'ignoranza tiene vuota la panza
Avatar utente
alb
Membro Ufficiale (Gold)
Membro Ufficiale (Gold)
 
Messaggi: 2237
Iscritto il: mar feb 24, 2004 11:26 am
Località: Maiano

Re: Wireless non protetta - reato?

Messaggioda ssjx » sab ott 25, 2008 6:33 pm

Ammetto che il discorso di Teo sarebbe bello ma rappresenta senza dubbio l'ideale di un modo sufficientemente civile

Per la vera risposta al quesito posto clic è stato comunque piuttosto chirurgico a discapito di qualsiasi dubbio [;)]
Usavo IE e mi lamentavo... usavo Mozilla e mi lamentavo, decisamente meno ma mi lamentavo, ... poi ho trovato Opera e fu amore a prima vista
Avatar utente
ssjx
Membro Ufficiale (Gold)
Membro Ufficiale (Gold)
 
Messaggi: 5756
Iscritto il: ven nov 26, 2004 3:37 pm
Località: Barcellona

Re: Wireless non protetta - reato?

Messaggioda Mr.TFM » sab ott 25, 2008 6:43 pm

alb ha scritto:Con la wifi aperta chiunque può entrare nella tua rete e far di tutto; c'è modo per condividere solo la connessione e proteggere l'accesso al pc ma la maggioranza non è in grado di farlo.

Esistono i firewall, per questo, o no? [rolleyes]

E così pure per la rete...
Io tappo le porte e comunque SOLO IO ho la password per accedere al router per mapparla... Quindi? [rolleyes]
MegaLab è una potentissima droga virtuale.
"Nella setta del Codice Macintosh si può entrare, ma non se ne può uscire." V. ZUCCONI
Avatar utente
Mr.TFM
Membro Ufficiale (Gold)
Membro Ufficiale (Gold)
 
Messaggi: 23387
Iscritto il: gio mar 18, 2004 11:46 am
Località: Livorno Ferraris (Vercelli)

Re: Wireless non protetta - reato?

Messaggioda M@ttia » sab ott 25, 2008 7:06 pm

A me il problema principale sembra un altro: se qualcuno commette atti illeciti (es. scaricare materiale protetto da P2P) usando la mia wireless, come faccio poi a dimostrare alla polizia (la quale ha ricevuto l'Ip del "colpevole") che è stato qualcun altro e non io? (così facendo nessuno è più colpevole, perché è stato qualcun altro che usava la mia connessione... Allora il lasciarla sprotetta diventa reato a sua volta...).
</IE><FIREFOX>
Avatar utente
M@ttia
Moderatore
Moderatore
 
Messaggi: 8363
Iscritto il: lun giu 09, 2003 2:18 pm
Località: Ticino - Estero

Re: Wireless non protetta - reato?

Messaggioda Lord Daz » dom ott 26, 2008 12:09 pm

Mha.. io penso una cosa molto semplcie..Metti che tu lasci la porta di casa tua aperta, non è che autorizzi qualcuno ad entrare a casa tua!

Pero volevo sapere un parere "legale" non supposizioni. Conoscete un forum di informatica legale?

LD
Avatar utente
Lord Daz
Senior Member
Senior Member
 
Messaggi: 345
Iscritto il: ven ott 24, 2008 6:24 pm

Re: Wireless non protetta - reato?

Messaggioda lll » dom ott 26, 2008 2:01 pm

Sbaglio o noi l'avvocato ce lo abbiamo? [sh]

Comunque cercando in internet si trovano pareri contrastanti... e, a quanto pare, non solo in Italia c'è questa incertezza.

Sinceramente non saprei nemmeno io cosa rispondere... e quoto in pieno M@ttia.
Se lascio aperta la mia rete, è come ascoltare la radio a volume alto (=anche il mio vicino può sentirla... è reato? [il mio di certo sì, per disturbo alla quiete pubblica...]), ma se poi uno utilizza la mia rete per scopi illegali (a mia insaputa, naturalmente) è un altro discorso.
Il discorso più lungo può essere detto senza dire una parola: basta scriverlo.
Avatar utente
lll
Senior Member
Senior Member
 
Messaggi: 217
Iscritto il: lun ago 20, 2007 5:43 pm

Re: Wireless non protetta - reato?

Messaggioda clic » dom ott 26, 2008 2:13 pm

lasciare aperta la porta di casa non è propriamente paragonabile al permettere il libero accesso alla più grande rete di telecomunicazioni del mondo. L'attacco DDOS ai server di Scientology portato a segno messi addietro ha visto coinvolta in questa vicenda una coppia americana che si è vista irrompere in casa una squadra SWAT poiché dalla loro connessione disponibile a chiunque grazie ad un access point totalmente aperto, aveva inconsapevolmente consentito l'esecuzione dell'attacco proprio dal loro computer.
Loro hanno avuto l'11 settembre e stanno con i fucili puntati, noi però abbiamo il decreto Pisanu che dovrebbe dettare le norme in materia di accesso e riconoscimento. Qualche anno fa quando stavano per decollare i servizi di connessione gratuita nei parchi e ville romane, il progetto fu fermato proprio per l'improvvisa entrata in vigore del decreto: il problema fu risolto richiedendo all'utente tramite il portale, l'immissione di un codice di conferma ricevuto via SMS oltre ad una serie interminabile di dati personali da inserire nel form = salvati capra e cavoli.
Il segnale wifi può essere tramesso in fondi privati rispettando alcune norme riguardo le frequenze, le potenze (i radioamatori non hanno i vincoli del comune cittadino) e comunque si tratta di una materia complessa e dalla interpretazione a volte non chiara.

Qui puoi trovare info riguardo le norme che regolano il settore:
http://forum.wireless-italia.com
hanno anche dei podcast da scaricare che trattano l'argomento
Avatar utente
clic
Bronze Member
Bronze Member
 
Messaggi: 931
Iscritto il: lun mar 17, 2008 9:03 pm


Torna a Reti e Internet

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google [Bot] e 0 ospiti

Powered by phpBB © 2002, 2005, 2007, 2008 phpBB Group
Traduzione Italiana phpBB.it

megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2008 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising