Punto informatico Network
Login Esegui login | Non sei registrato? Iscriviti ora (è gratuito!)
Username: Password:
  • Annuncio Pubblicitario

La trappola del porno "Abbonati o addio pc"

Scambia pareri sull'informatica in generale: le manovre dei discografici, le nuove versioni di Windows, il fatto del momento. Questo è il forum giusto anche per richiedere delucidazioni sui termini tecnici.

La trappola del porno "Abbonati o addio pc"

Messaggioda crazy.cat » lun dic 03, 2007 1:38 pm

Visto che il porno è uno degli argomenti più ricercati in rete dagli italiani, prestate attenzione.


Ricatto dei siti hard dopo il periodo di prova gratis

Attenzione, iscriviti o il tuo computer non sarà più quello di una volta». Non si tratta della nuova trovata pubblicitaria dell’ennesimo programma anti-virus, ma dell’ultima frontiera in fatto di truffe su Internet. Un sito pornografico americano imponeva ai propri visitatori di pagare la quota trimestrale di iscrizione pur di evitare che il computer fosse inondato da una serie di filtri a rallentatore che ne pregiudicavano seriamente efficienza e prestazioni.

Il torbido piano portato alla luce grazie agli esperti di Avert Labs, i laboratori di ricerca del colosso dei software di protezione McAfee, rafforza «l’allarme rosso» lanciato negli ultimi anni sui siti «hard» sempre più spesso portatori di malattie informatiche che rischiano di contagiare processori e programmi causandone anche la morte tecnica. La scoperta è avvenuta alla fine di novembre come spiega il sito americano di informazione Abc tra i primi a riportare la notizia del disegno messo a punto grazie al contributo di spregiudicati pirati informatici.

La trappola scattava quando gli sprovveduti visitatori, stimolati dalle immagini senza veli delle attraenti ed esuberanti ragazze del sito pornografico, decidevano di iscriversi per un periodo di soli tre giorni a titolo rigorosamente gratuito. L’opzione è comune a moltissimi siti erotici e porno e consente di accedere alla gran parte dei servizi offerti: foto, video muti e col sonoro e persino «chat room», ovvero le stanze virtuali dove si poteva parlare (dicevano) direttamente con le protagoniste della avventure virtuali.

Installando sul computer il «software» di navigazione necessario per sperimentare l’ampia gamma di servizi però si scaricavano automaticamente e senza che nessuno se ne accorgesse anche una serie di codici occulti che in base a comandi preimpostati ad hoc generavano fiumi di «pop-up», ovvero finestre che apparivano sullo schermo durante la navigazione impedendo o rallentando l'apertura di siti e programmi di posta elettronica.

Il visitatore diventava vittima al termine dei tre giorni, quando il periodo di prova scadeva e sul sito pornografico apparivano messaggi a raffica che chiedevano senza troppi complimenti il pagamento della quota di sottoscrizione di 80 dollari per l’abbonamento di 90 giorni. Le grandi finestre contenenti i minacciosi avvisi spuntavano proprio al centro di ogni pagina Internet aperta dal navigatore: se spostate riapparivano automaticamente nella stessa posizione, se ridotte nelle dimensioni tornavano della misura originale, se chiuse si duplicavano. Per l’utente in sostanza non c’era possibilità di fuga: il messaggio non poteva essere ignorato neanche riavviando il computer perché ricompariva puntuale al centro dello schermo senza nemmeno che fosse ristabilita la connessione ad Internet.

«Vi sarà addebitata la quota intera - avvertiva - e se non pagherete a farne le spese sarà il vostro computer, di cui perderete controllo e funzioni». L’unica salvezza una volta caduti in trappola era cancellare la sottoscrizione gratuita prima della fine dei tre giorni di prova, ma in caso contrario il navigatore in cerca di emozioni in rete era praticamente spacciato. Solo una volta pagata la quota di iscrizione il software pirata poteva essere rimosso grazie a uno speciale codice puntualmente inviato dal gestore del sito, e la truffa virtuale era conclusa con successo.

«Si tratta di un’estorsione in piena regola», spiega sul blog di Avert Labs, Seth Purdy ricercatore di McAfee e uno degli investigatori informatici che ha scoperto il sito-trappola, il cui nome non è stato però reso noto. «Scucivano denaro con l’inganno, approfittando del fatto che ormai nessuno può rinunciare al proprio computer perché lo usa molto spesso anche per lavorare. E sono molti altri i rischi che si nascondo dietro questo genere di siti». Per gli amanti del porno informatico si prospettano tempi duri.

http://www.lastampa.it/redazione/cmsSez ... girata.asp
Quando i molti governano, pensano solo a contentar sé stessi, si ha allora la tirannia più balorda e più odiosa: la tirannia mascherata da libertà.
Avatar utente
crazy.cat
MLI Hero
MLI Hero
 
Messaggi: 30959
Iscritto il: lun gen 12, 2004 1:38 pm
Località: Mestre

Re: La trappola del porno "Abbonati o addio pc"

Messaggioda ste_95 » lun dic 03, 2007 2:36 pm

L'unica cosa che la rende poco credibile è questa:

crazy.cat ha scritto:VIl torbido piano portato alla luce grazie agli esperti di Avert Labs, i laboratori di ricerca del colosso dei software di protezione McAfee, rafforza «l’allarme rosso» lanciato negli ultimi anni sui siti «hard» sempre più spesso portatori di malattie informatiche che rischiano di contagiare processori e programmi causandone anche la morte tecnica. La scoperta è avvenuta alla fine di novembre come spiega il sito americano di informazione Abc tra i primi a riportare la notizia del disegno messo a punto grazie al contributo di spregiudicati pirati informatici.

http://www.lastampa.it/redazione/cmsSez ... girata.asp


Per il resto, sentiamo i vistri commenti! [:)]
«A volte è meglio tacere e sembrare stupidi che aprir bocca e togliere ogni dubbio.» Oscar Wilde
Avatar utente
ste_95
Membro Ufficiale (Gold)
Membro Ufficiale (Gold)
 
Messaggi: 17271
Iscritto il: lun ago 06, 2007 11:19 am

Messaggioda The King of GnG » lun dic 03, 2007 3:23 pm

Articolo spazzatura, esageratamente allarmistico e pieno di fuffaware, che fa perfettamente il paio con quell'altro de la Repubblica sulla generazione YouTube. Ignoranza, superficialità e ricerca del sensazionalismo a tutti i costi da far accapponare la pelle.... Che si occupino di altro, l'informatica a La Stampa non mi pare sappiano dove sta di casa....

Ma pensa te che robaccia mi tocca leggere appena finito di ingozzarmi..... Mi si blocca la digestione [devil]
People should just buy a cd and rip it. You are legal then" - William Henry Gates III (detto "Bill")
Avatar utente
The King of GnG
Membro Ufficiale (Gold)
Membro Ufficiale (Gold)
 
Messaggi: 11144
Iscritto il: mer mar 02, 2005 8:24 pm
Località: La Biblioteca di Babele


Messaggioda Andy94 » lun dic 03, 2007 5:51 pm

Bah, neanche formattando non si risolve?
Avatar utente
Andy94
Membro Ufficiale (Gold)
Membro Ufficiale (Gold)
 
Messaggi: 9998
Iscritto il: lun apr 09, 2007 8:39 pm

Messaggioda The King of GnG » lun dic 03, 2007 5:59 pm

Andy94 ha scritto:Bah, neanche formattando non si risolve?


Macché. Questo è come il virus da fine di mondo dell'altra volta. Se lo becchi, sei morto, ti succhia via l'anima e ti porta i bambini via nel bosco. E pagare il riscatto non serve a niente..... Secondo me ai cosiddetti giornalisti professionisti - cioè quelli che hanno "studiato" il mestiere all'università piuttosto che guardandosi intorno e traendo spunto soprattutto da quello che capita realmente nei vari contesti dell'umano agire - l'informatica gli è andata un po' di traverso. O magari semplicemente gli è entrata per gli orifizi sbagliati e non ci hanno capito granché, boh.....

Altrimenti non mi spiego tutto questo allarmismo, patetico e profondamente ignorante - a voler essere gentili - per chiunque sia mai andato un minimo oltre la semplice apertura di Internet Explorer con relativa digitazione dell'URL nella barra degli indirizzi....

HijackThis? BHO? Trojan? Malware? Usare un cavolo di browser decente? Macché, niente di tanto semplice, la truffa è invincibile e se non paghi il PC ti viene sequestrato. Ma per favore....
People should just buy a cd and rip it. You are legal then" - William Henry Gates III (detto "Bill")
Avatar utente
The King of GnG
Membro Ufficiale (Gold)
Membro Ufficiale (Gold)
 
Messaggi: 11144
Iscritto il: mer mar 02, 2005 8:24 pm
Località: La Biblioteca di Babele

Messaggioda Andy94 » lun dic 03, 2007 6:25 pm

Giusto, esatto, a queste cose non ci ho mai creduto.
Grazie per i chiarimenti.
Avatar utente
Andy94
Membro Ufficiale (Gold)
Membro Ufficiale (Gold)
 
Messaggi: 9998
Iscritto il: lun apr 09, 2007 8:39 pm

Messaggioda ninjabionico » lun dic 03, 2007 8:43 pm

Mi viene in mente quella volta che, per i telegiornali della Rai, dissero che i siti pedo-pornografici sarebbero stati cancellati dal web grazie ad attacchi mirati ed automatizzati con l'ausilio dei virus informatici...
[rotfl] [rotfl] [rotfl] [rotfl] [rotfl]
[rotolo] [rotolo] [rotolo] [rotolo] [rotolo]
Io dico le cose così come stanno! Questo è il mio credo ninja - by Naruto Uzumaki
Expert-Advanced User Powered by Gnu/Linux
Avatar utente
ninjabionico
Membro Ufficiale (Gold)
Membro Ufficiale (Gold)
 
Messaggi: 5207
Iscritto il: lun mar 20, 2006 10:51 pm
Località: Prov. Pd

Messaggioda dav16 » lun dic 03, 2007 10:44 pm

[:D] [:D] [rotfl]
Avatar utente
dav16
Membro Ufficiale (Gold)
Membro Ufficiale (Gold)
 
Messaggi: 4963
Iscritto il: mar ott 10, 2006 2:09 am

Messaggioda Andy94 » mar dic 04, 2007 7:13 am

ninjabionico ha scritto:Mi viene in mente quella volta che, per i telegiornali della Rai, dissero che i siti pedo-pornografici sarebbero stati cancellati dal web grazie ad attacchi mirati ed automatizzati con l'ausilio dei virus informatici...


Ahhahahahah...... [rotfl] [rotfl] [rotfl]
Interessante....
Avatar utente
Andy94
Membro Ufficiale (Gold)
Membro Ufficiale (Gold)
 
Messaggi: 9998
Iscritto il: lun apr 09, 2007 8:39 pm

Messaggioda wulma » mar dic 04, 2007 9:39 pm

"la morte tecnica" addirittura???? cioè??
I mali che fuggi sono in te. (Seneca) La passione è una fiamma, che se è incustodita, brucia fino alla sua distruzione. (K.Gibran)
Avatar utente
wulma
Membro Ufficiale (Gold)
Membro Ufficiale (Gold)
 
Messaggi: 2184
Iscritto il: lun feb 05, 2007 3:01 am

Messaggioda The King of GnG » mar dic 04, 2007 9:42 pm

wulma ha scritto:"la morte tecnica" addirittura???? cioè??


Quella del cervello dell'imbecille - non vedo come altro poterlo chiamare - che ha scritto il pezzo, probabilmente....
People should just buy a cd and rip it. You are legal then" - William Henry Gates III (detto "Bill")
Avatar utente
The King of GnG
Membro Ufficiale (Gold)
Membro Ufficiale (Gold)
 
Messaggi: 11144
Iscritto il: mer mar 02, 2005 8:24 pm
Località: La Biblioteca di Babele


Torna a Attualità Tecnologica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

Powered by phpBB © 2002, 2005, 2007, 2008 phpBB Group
Traduzione Italiana phpBB.it

megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2008 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising