Punto informatico Network
Login Esegui login | Non sei registrato? Iscriviti ora (è gratuito!)
Username: Password:
  • Annuncio Pubblicitario

Assunto 15 anni dopo la morte

Cinema, motori e problemi spirituali: il forum per tutto ciò che non è informatica.

Assunto 15 anni dopo la morte

Messaggioda crazy.cat » mar nov 20, 2007 12:20 pm

Della serie non perdete mai la speranza, se avete fatto un concorso nel 1980, magari prima di andare in pensione vi possono sempre chiamare.
Lo stato italiano non dimentica mai nessuno. [:p]


Nel ’75 aveva chiesto di fare il bidello, convocato ieri

La burocrazia a volte è crudele. Soprattutto quando nessuno si preoccupa di mettere in atto correttivi per snellirla ed aggiornarla. La lettera di assunzione spedita dall’Ufficio Scolastico Provinciale di Torino (l’ex Provveditorato) a un uomo, morto quindici anni fa dopo aver presentato una domanda per fare il bidello, ne è un esempio.

Il racconto
A raccontare la storia di Antonio Giannitti è figlio Fabio: «Qualche giorno fa ho ricevuto un telegramma indirizzato a mio padre. Era una convocazione all’ufficio scolastico per il conferimento dell’incarico come collaboratore scolastico per quest’anno. Cioè avrebbe dovuto essere assunto come bidello. E in quella circostanza mio padre avrebbe potuto anche compiere una scelta fra diverse scuole. All’inizio pensavo ci fosse stato un errore, perché mio padre purtroppo è morto nel 1992. Così sono andato negli uffici scolastici per chiarire questa ‘’anomala’’ circostanza. Qui mi è stato risposto che era tutto regolare perché mio padre, peraltro a mia insaputa, aveva presentato nel 1975 , l’anno dopo essere arrivato da Napoli, una domanda per accedere alla graduatoria dei bidelli nelle scuole».

Fabio ha voluto vedere quella graduatoria: «Ho scoperto, con amara sorpresa, che si trattava di persone quasi tutte nate intorno al 1945». A quel punto non è mancato un certo scoramento, Antonio è morto a 46 anni di infarto dopo vent’anni di Fiat: aveva lavorato al Lingotto e poi nella galleria del vento di Orbassano. «Se oggi mio padre fosse ancora in vita avrebbe più di 60 anni - aggiunge Fabio -. Chissà che faccia avrebbe fatto dopo aver lavorato una vita come operaio metalmeccanico nell’aprire quel tanto sospirato telegramma».
Per fortuna questa è un’amarezza che tocca a pochi: «Credo che non siano molte le persone di quell’età che si presentano alla convocazione per la scelta di un posto di lavoro come bidello. E quasi tutti per declinare l’invito. I loro nomi saranno dunque cancellati, ma i loro sogni di un impiego statale e i sacrifici di una vita intera, quelli no purtroppo».

Il meccanismo
Quale sia il diabolico marchingegno burocratico che ha portato a questa situazione lo spiega il dottor Antonio Catania, dirigente dell’Ufficio Scolastico Provinciale di Torino: «E’ tutto vero ed è anche tutto regolare. Il signor Giannitti aveva presentato una domanda nel 1975. La sua richiesta era stata valutata sulla base dei titoli, a quei tempi bastava la quinta elementare. Era stato giudicato idoneo per la graduatoria. In graduatoria era intorno al posto numero 16 mila, su circa 18 mila». Un elenco dal quale sono stati assunti bidelli in tutti questi anni.
«Tutti coloro che avevano fatto domanda - prosegue il funzionario avevano il diritto a mantenere la posizione, non era prevista la clausola - come per gli insegnanti - secondo la quale la domanda decade se non viene reiterata dopo tre anni». Ma possibile che nessuno abbia prestato attenzione all’età? «Non è vero vengono depennati automaticamente tutti gli anziani di oltre 65 anni, cioè pensionabili. Non c’è modo, invece, di controllare se i candidati sono ancora in vita: non possiamo fare controlli incrociati con tutte le anagrafi. Questa graduatoria bidelli è stata smaltita in tutte le provincie del Piemonte (dove adesso si assume attraverso il Collocamento) eccetto che a Torino. Questo sta comportando la chiamata di potenziali bidelli anche di una certa età». Quanto tempo sarà necessario ad esaurire questa lista d’attesa? «Ormai pochissimi mesi. Ora il ministero sta anche pensando ad un nuovo concorso che sarà aperto solo a persone almeno diplomate, anche perché - in tutti questi anni - il ruolo del bidello è cambiato. Oggi, questi lavoratori svolgono un ruolo diverso, più integrato nella vita scolastica degli istituti».

La stampa
Quando i molti governano, pensano solo a contentar sé stessi, si ha allora la tirannia più balorda e più odiosa: la tirannia mascherata da libertà.
Avatar utente
crazy.cat
MLI Hero
MLI Hero
 
Messaggi: 30959
Iscritto il: lun gen 12, 2004 1:38 pm
Località: Mestre

Messaggioda BeGa » mar nov 20, 2007 3:57 pm

[acc2] [V]
Avatar utente
BeGa
Membro Ufficiale (Gold)
Membro Ufficiale (Gold)
 
Messaggi: 2192
Iscritto il: mer apr 18, 2007 3:13 pm

Messaggioda Andy94 » mar nov 20, 2007 6:43 pm

Non saprei neanch'io cosa dire.... [uhm] [uhm] [uhm]
Avatar utente
Andy94
Membro Ufficiale (Gold)
Membro Ufficiale (Gold)
 
Messaggi: 9998
Iscritto il: lun apr 09, 2007 8:39 pm

Messaggioda BeGa » mar nov 20, 2007 7:18 pm

ma possibile che la burocrazia italiana sia così "schifosa"
Avatar utente
BeGa
Membro Ufficiale (Gold)
Membro Ufficiale (Gold)
 
Messaggi: 2192
Iscritto il: mer apr 18, 2007 3:13 pm


Torna a Chiacchiere in libertà

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Yahoo [Bot] e 5 ospiti

Powered by phpBB © 2002, 2005, 2007, 2008 phpBB Group
Traduzione Italiana phpBB.it

megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2008 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising