Punto informatico Network
Login Esegui login | Non sei registrato? Iscriviti ora (è gratuito!)
Username: Password:
  • Annuncio Pubblicitario

I casi legali più bizzarri del mondo

Cinema, motori e problemi spirituali: il forum per tutto ciò che non è informatica.

I casi legali più bizzarri del mondo

Messaggioda crazy.cat » mar nov 06, 2007 1:40 pm

Quella della querela a Dio non è male, in Italia riusciremmo a farci un processo che dura minimo 10 anni.


Dall’uomo che ha citato in giudizio Dio «colpevole» di non averlo tenuto lontano dai guai, al cinese a cui è stato negato il permesso di chiamare il figlio « » (esattamente come la "chiocciola" della tastiera) perché intraducibile in mandarino. Nel mondo si intentano ogni giorno cause giudiziarie per i motivi più bizzarri e ora il "Times" ha deciso di pubblicarli in modo sistematico in una rubrica dal titolo «Weird Cases». La rubrica, curata dal giurista Gary Slapper, è stata lanciata dal quotidiano britannico con la pubblicazione di alcune "gemme" degli ultimi anni.

- Nel 2004, Timothy Dumouchel (Fond du Lac, Wisconsin) ha citato in giudizio una rete televisiva, accusandola di esser la causa dell’obesità della moglie e del fatto che i figli siano "pigri schiavi del telecomando": «La ragione per cui io bevo e fumo tutto il giorno e mia moglie è sovrappeso è che noi guardiamo continuamente la tv da quattro anni a questa parte». Il processo ha tenuto a lungo occupati due avvocati, ma non è arrivato alla Suprema Corte.

- Nel 2005, una donna brasiliana ha fatto causa al compagno, colpevole di essere... poco attento: la 31enne sosteneva che il partner 38enne si addormentava sistematicamente dopo ogni orgasmo. Dopo un inizio che faceva ben sperare, la donna ha subito l’ennesima delusione perché la causa è stata respinta.

- Nel 2004, un’anziana pensionata di St Augustin, vicino Bonn, ha chiesto a un avvocato, Jeurgen Graefe, di essere difesa perché l’erario le aveva chiesto 287 milioni di euro in tasse, nonostante le sue entrate non superassero i 17.000 euro l’anno. Il legale ha vinto la causa, ma siccome il diritto tedesco riconosce la possibilità di calcolare l’onorario in base alla percentuale dei soldi risparmiati dal cliente, il legale ha presentato alla sventurata signora un conto di 440.234 euro.

- Nel 2005, alla Corte d’appello del Massachusetts è stato chiesto di stabilire quando una pratica sessuale è pericolosa. Una mattina, una coppia faceva l’amore quando, travolta dalla passione, la donna ha compiuto un movimento improvviso che ha causato una frattura al pene del compagno. L’uomo è stato operato d’urgenza. La corte ha stabilito che un comportamento sessuale «incauto» è perseguibile, ma non una condotta «semplicemente negligente».

- Nel 2005, l’astrologa russa Marina Bai ha citato in giudizio la Nasa, chiedendo un risarcimento milionario per aver «scombussolato l’ordine dell’universo»: nel mirino il progetto "Deep Impact" e la sonda spaziale progettata per studiare l’interno di una cometa e portare alla luce i detriti provenienti dall’interno del nucleo. Secondo l’astrologa il progetto era «un atto terroristico». Il tribunale di Mosca ha respinto al mittente la causa.

-Nel 2007, un giudice indiano ha dovuto decidere se un profilattico-vibratore è un contraccettivo o un giocatolo erotico. Nel mirino, un preservativo azionato da una mini-batteria che, per non lasciar adito a dubbi, si chiamava "Crezendo".

-Nel 2006, un giovane di Jiaxing, vicino Shanghai, ha messo all’asta la sua anima su Internet. Il principale sito cinese di aste online, Taobao, ha raccolto decine di offerta, ma poi ha deciso di chiudere l’asta fino a quando l’offerente non avesse mostrato di poter mettere a disposizione la merce offerta «con il permesso scritto di un’autorità superiore».

-Nel 2005, Pavel M., un detenuto rumeno che sconta 20 anni di carcere nel penitenziario di Timisoara, ha denunciato per truffa l’Altissimo: il battesimo, sosteneva il querelante, è un contratto in cui -in cambio di offerte e preghiere- Dio ti tiene lontano dai guai.

- Cathy McGowan, non poteva credere alle sue orecchie quando un dj di una radio nel Derbyshire (Inghilterra) le ha assegnato in premio una Renault Clio perché aveva risposto esattamente a un quiz radiofonico. La donna si è precipitata nella sede dell’emittente ma lì, la delusione: il premio non era altro che un modellino lungo una dozzina di centimetri. Citata in giudizio la radio, nel 2001 il giudice ha stabilito che il quiz aveva valore legale e l’emittente ha dovuto sborsare 12.000 euro. -

- Nel 1874, Francis Evans Cornish, magistrato a Winnipeg, in Canada, dovette giudicare se stesso per esser stato beccato in pubblico ubriaco. Il magistrato riconobbe che era colpevole e si impose un’ammenda di 5 dollari. Ma poi registrò per i posteri: «Francis Evans Cornish, in considerazione del suo lodevole passato, la sua ammenda è rimessa».

http://www.lastampa.it/redazione/cmsSez ... girata.asp
Avatar utente
crazy.cat
MLI Hero
MLI Hero
 
Messaggi: 30959
Iscritto il: lun gen 12, 2004 1:38 pm
Località: Mestre

Messaggioda BeGa » mar nov 06, 2007 2:57 pm

[rotolo] [rotolo]
Avatar utente
BeGa
Membro Ufficiale (Gold)
Membro Ufficiale (Gold)
 
Messaggi: 2192
Iscritto il: mer apr 18, 2007 3:13 pm

Messaggioda eDog » mar nov 06, 2007 3:03 pm

[:D]
eDog,
"È meglio essere temuti o rispettati? Io dico: è troppo chiedere entrambe le cose?" - Tony Stark
Avatar utente
eDog
Membro Ufficiale (Gold)
Membro Ufficiale (Gold)
 
Messaggi: 3679
Iscritto il: sab dic 30, 2006 7:58 pm
Località: Vescovana (Padova)


Messaggioda Fedepunica » mar nov 06, 2007 4:55 pm

Beh, ve ne dico una io.
In un forum, un iscritto di Palermo ha raccontato la sua disavventura giudiziaria.

Molto brevemente.
Dall'appartamento sopra il suo si infiltrava acqua.
Nonostante le segnalazioni bonarie fatte al proprietario dell'appartamento con le perdite, è stato costretto a citarlo in tribunale.
Il responsabile del danno non se ne dava per inteso e invece di ammettere le proprie responsabilità e rifondere i danni, maggiori della semplice macchia di umidità, ha resistito.
Viene fatta perizia dal CTU del tribunale e ne risulta l'inequivocabile origine dell'infiltrazione:
"l'acqua proveniva dall'appartamento superiore".
Tutto questo in 5/6 anni.

Alla fine il giudice, dott.ssa Francesca COCCOLI del tribunale di PALERMO, rilascia la sentenza:
- condanna il danneggiato alle spese perché non ha provato che l'acqua veniva dalla casa di sopra!!!
Sic!
Ci siamo chiesti: in cosa consistiva la prova? [rotolo] Magari essere presente dentro il tubo dell'acqua nel momento in cui scendeva al piano di sotto e magari assistito da un notaio o da un ufficiale giudiziario per testimoniare?

Vi ricordate lo scrittore Primo Levi che scrisse
- "Se questo è un uomo" ?
Ebbene noi di quel forum, parafrasando, abbiamo commentato:
- "Se questo è un giudice".
Che lezione di democrazia!
Fedepunica
Avatar utente
Fedepunica
Aficionado
Aficionado
 
Messaggi: 120
Iscritto il: lun nov 05, 2007 9:45 pm

Messaggioda Andy94 » mar nov 06, 2007 6:08 pm

Bah, bel modo di rappresentarci...
Avatar utente
Andy94
Membro Ufficiale (Gold)
Membro Ufficiale (Gold)
 
Messaggi: 9998
Iscritto il: lun apr 09, 2007 8:39 pm

Messaggioda Fedepunica » mer nov 07, 2007 5:18 pm

Nel forum si è cercato di capire le ragioni di una simile sentenza, ma non si è arrivati a spiegazione logica.
Fedepunica
Avatar utente
Fedepunica
Aficionado
Aficionado
 
Messaggi: 120
Iscritto il: lun nov 05, 2007 9:45 pm

Messaggioda wulma » mer nov 07, 2007 10:48 pm

-Nel 2006, un giovane di Jiaxing, vicino Shanghai, ha messo all’asta la sua anima su Internet. Il principale sito cinese di aste online, Taobao, ha raccolto decine di offerta, ma poi ha deciso di chiudere l’asta fino a quando l’offerente non avesse mostrato di poter mettere a disposizione la merce offerta «con il permesso scritto di un’autorità superiore».

Dall’uomo che ha citato in giudizio Dio «colpevole» di non averlo tenuto lontano dai guai


bellissime, tutte e due! [rotolo]
I mali che fuggi sono in te. (Seneca) La passione è una fiamma, che se è incustodita, brucia fino alla sua distruzione. (K.Gibran)
Avatar utente
wulma
Membro Ufficiale (Gold)
Membro Ufficiale (Gold)
 
Messaggi: 2184
Iscritto il: lun feb 05, 2007 3:01 am

Messaggioda Fedepunica » gio nov 08, 2007 11:58 pm

La singolarità della sentenza del tribunale di Palermo è stata spiegata da alcuni come un modo di accumulare cause per poi avviare dei progetti obbiettivi che danno luogo a lavoro straordinario. A me la cosa sembra una enormità nonostante io sia una persona disincatata.
Fedepunica
Avatar utente
Fedepunica
Aficionado
Aficionado
 
Messaggi: 120
Iscritto il: lun nov 05, 2007 9:45 pm


Torna a Chiacchiere in libertà

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Bing [Bot] e 7 ospiti

cron
Powered by phpBB © 2002, 2005, 2007, 2008 phpBB Group
Traduzione Italiana phpBB.it

megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2008 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising