Punto informatico Network
Login Esegui login | Non sei registrato? Iscriviti ora (è gratuito!)
Username: Password:
  • Annuncio Pubblicitario

Mattel ritira 18 milioni di giochi

Cinema, motori e problemi spirituali: il forum per tutto ciò che non è informatica.

Mattel ritira 18 milioni di giochi

Messaggioda crazy.cat » mer ago 15, 2007 7:45 am

Guardate le etichette dei prodotti prima di andare a comperarli.
Giochi per bambini, vestiti, cibo, se prodotti in cina non devono essere più acquistati, solo in questo modo si stronca questo sistema delle fabbriche di andare a produrre prodotti a basso prezzo, ma fatti in maniera pericolosa per le persone non rispettando nessuna regola.
W il vero made in Italy

Anche Barbie tra prodotti a rischio
La Mattel ha deciso di ritirare un secondo più consistente numero di giocattoli prodotti in Cina, pari a oltre 18 milioni di pezzi, con modalità e tempi diversi. Il ritiro è causato, in alcuni casi, dalle vernici con alti livelli di piombo, in altri, da piccoli magneti che sono pericolosi se ingoiati. Tra i giochi bloccati figurano anche migliaia di Batman e Barbie. Ritirate anche 253mila Pixar Sarge, macchinine con vernici al piombo.
Tutti i giocattoli ritirati in Italia
Fra i giochi ritenuti tossici, o a rischio per i magneti che sono pericolosi se ingoiati, venduti ai commercianti in Italia prima di gennaio 2007, figurano alcuni dei più noti gadget per bambini, da Barbie a Polly a Batman. Oltre agli ultimi Cars il sergente, l'elenco comprende Batman Armatura magnetica, Batman Ali Magnetiche, Batman Scudo magnetico, Batman Magna Fight Armor, Doggie Day care-La casetta dei giochi, Doggie Day care -E' ora del bagnetto, Doggie Gelateria, Doggie Cucina, Doggie Fasciatorio, Il caffé di Polly, La scuola di Polly, Polly Boutique, Polly Pocket il negozio dei dolci e altri ancora. Quanto alle automobiline tipo Sarge, contenenti piombo nella vernice, nel nostro Paese ne sono state ritirate circa 30.000 su un totale di 436 mila.
I Nas: articoli non in commercio in Italia
Dal comando dei Nas, intanto, si apprende che gli 83 articoli della Mattel ritirati dal mercato non risulterebbero in commercio in Italia. Già dal 10 agosto, dopo un allerta partito dalla Gran Bretagna, il Nucleo antisofisticazione dei carabinieri era stato incaricato dal Ministero della Salute di avviare i controlli del caso, effettuati nei centri di distribuzione dell'azienda in Italia.
Nel nostro Paese 520mila giocattoli potenzialmente pericolosi
Emilio Petrone, presidente di Mattel Italia e vice presidente di Mattel Sud Est Europa, Medio Oriente e Africa,ha detto all'agenzia di stampa Ansa che, nel nostro Paese, ammontano a 520 mila i prodotti dotati di magneti potenzialmente pericolosi, tra cui giocattoli di Batman e set di Barbie, per i quali è stato ugualmente disposto un richiamo volontario. La maggior parte di tali giocattoli, prodotti fino al 31 gennaio 2007, non è più in distribuzione nei punti vendita. "Stiamo facendo una revisione straordinaria di tutti i prodotti - ha spiegato Petrone - e a seguito di questa abbiamo riscontrato prodotti non in linea con standard. Non sono a conoscenza della possibilità di ulteriori ritiri ma non posso neanche escluderli. La nostra prima priorità comunque è la sicurezza dei bambini e per questo è scattato il richiamo anche se fino a ora non abbiamo riscontrati problemi".
La Mattel: "Ritiro puramente cautelativo"
Intanto la sede americana dell'azienda ha spiegato che si è trattato di un ritiro cautelativo e ha precisato che i giocattoli in oggetto sono stati prodotti da Early Light Industrial Co., Ltd, uno dei fornitori di Mattel in Cina, che ha subappaltato la verniciatura di alcune parti a un altro fornitore cinese, Hong Li Da, che ha violato gli standard e i requisiti di sicurezza imposti da Mattel. Jim Walter, senior vice president mondiale Quality Assurance di Mattel, ha dichiarato che dopo l'ultimo ritiro dal mercato di giocattoli con calamite nel novembre 2006, l'azienda ha provveduto ad installare sistemi di ancoraggio dei magneti più sicuri e ad effettuare controlli più rigorosi. Walter ha precisato che, finora, non è stato segnalato nessun infortunio e che il richiamo di questi giocattoli viene fatto a scopo puramente cautelativo.
Il richiamo del giocattolo Sarge sul mercato italiano fa seguito alle indagini che Mattel sta svolgendo dopo il richiamo di alcuni giocattoli Fisher-Price avvenuto all'inizio di agosto e dal quale l'Italia non era interessata in quanto i giochi non erano mai stati distribuiti da Mattel Italy nel nostro Paese.
Mattel Italy ha attivato un numero verde 800-113711 a cui i genitori si possono rivolgere per tutte le informazioni sul ritiro dei prodotti interessati (attivo da lunedì a venerdì dalle 9.00 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 18.00 - escluso mercoledì 15 agosto). Oppure si può consultare il sito dell'azienda all'indirizzo www.service.mattel.com
Avatar utente
crazy.cat
MLI Hero
MLI Hero
 
Messaggi: 30959
Iscritto il: lun gen 12, 2004 1:38 pm
Località: Mestre

Messaggioda ingmotty » mer ago 15, 2007 7:58 am

Questo è quello che succede quando l'unico obbiettivo è il profitto. [nonono]
Ridi, e il mondo riderà con te. Piangi, e piangerai da solo!
Avatar utente
ingmotty
Membro Ufficiale (Gold)
Membro Ufficiale (Gold)
 
Messaggi: 2386
Iscritto il: sab set 30, 2006 10:29 pm
Località: Gricignano (CE)

Messaggioda The King of GnG » mer ago 15, 2007 11:49 am

Ehm, QUESTA è la realtà di oggi, pensare cose come "W il made in italy" è a mio avviso un approccio semplicistico e cieco di fronte a come vanno le cose. In Cina Intel ci fa i suoi processori eh, mica sono più semplicemente pirati contraffattori. E purtroppo, casi del genere si sentiranno sempre più spesso in futuro....
People should just buy a cd and rip it. You are legal then" - William Henry Gates III (detto "Bill")
Avatar utente
The King of GnG
Membro Ufficiale (Gold)
Membro Ufficiale (Gold)
 
Messaggi: 11144
Iscritto il: mer mar 02, 2005 8:24 pm
Località: La Biblioteca di Babele


Messaggioda crazy.cat » mer ago 15, 2007 11:55 am

The King of GnG ha scritto:E purtroppo, casi del genere si sentiranno sempre più spesso in futuro....

quando non compri più i prodotti di queste grandi case vedrai che non li fanno più a fare in cina, oppure gli impongono delle regole ben precise.
Quando i molti governano, pensano solo a contentar sé stessi, si ha allora la tirannia più balorda e più odiosa: la tirannia mascherata da libertà.
Avatar utente
crazy.cat
MLI Hero
MLI Hero
 
Messaggi: 30959
Iscritto il: lun gen 12, 2004 1:38 pm
Località: Mestre

Messaggioda The King of GnG » mer ago 15, 2007 12:12 pm

crazy.cat ha scritto:
The King of GnG ha scritto:E purtroppo, casi del genere si sentiranno sempre più spesso in futuro....

quando non compri più i prodotti di queste grandi case vedrai che non li fanno più a fare in cina, oppure gli impongono delle regole ben precise.


Mah, io la vedo improbabile/impossibile come cosa. La "questione" cinese non ha, ad oggi, ancora una soluzione. Tranne ovviamente cambiare pianeta perché quello attuale sarà diventato un cesso inabitabile....
People should just buy a cd and rip it. You are legal then" - William Henry Gates III (detto "Bill")
Avatar utente
The King of GnG
Membro Ufficiale (Gold)
Membro Ufficiale (Gold)
 
Messaggi: 11144
Iscritto il: mer mar 02, 2005 8:24 pm
Località: La Biblioteca di Babele

Messaggioda The King of GnG » mer ago 15, 2007 12:17 pm

"Sapevamo dei giocattoli pericolosi"

E c'era già stato un ritiro nel 1998. Ergo, il problema non si risolve non comprando.....
People should just buy a cd and rip it. You are legal then" - William Henry Gates III (detto "Bill")
Avatar utente
The King of GnG
Membro Ufficiale (Gold)
Membro Ufficiale (Gold)
 
Messaggi: 11144
Iscritto il: mer mar 02, 2005 8:24 pm
Località: La Biblioteca di Babele

Messaggioda -DrAma- » mer ago 15, 2007 3:57 pm

Io trovo giusto non comprare, se non credi che sia corretto il metodo di sviluppo..è l'unica cosa con cui concordo con i NoGlobal per cambiare qello che non ti piace.
D'altra parte le aziende producono se si compra, certo se solo una persona non compra dventa impossibile, ma certe battaglie vanno combattute sulla forza dei molti e sull'onestà e coerenza ideologica dei singoli.
Avatar utente
-DrAma-
Silver Member
Silver Member
 
Messaggi: 1304
Iscritto il: ven lug 29, 2005 10:40 pm

Messaggioda Andy94 » mer ago 15, 2007 6:03 pm

Che schifo...

Dedico questa emoticon al mercato cinese: [:p]
Avatar utente
Andy94
Membro Ufficiale (Gold)
Membro Ufficiale (Gold)
 
Messaggi: 9998
Iscritto il: lun apr 09, 2007 8:39 pm

Messaggioda M@ttia » mer ago 15, 2007 6:12 pm

-DrAma- ha scritto:Io trovo giusto non comprare, se non credi che sia corretto il metodo di sviluppo.

E infatti stai tranquillo che sarà loro premura non fartelo sapere o, se succedesse, insabbiare/sminuire il tutto... (se ci fosse trasparenza nell'industria, saremmo tutti vegetariani...).
</IE><FIREFOX>
Avatar utente
M@ttia
Moderatore
Moderatore
 
Messaggi: 8363
Iscritto il: lun giu 09, 2003 2:18 pm
Località: Ticino - Estero

Messaggioda -DrAma- » mer ago 15, 2007 7:27 pm

M@ttia ha scritto:
-DrAma- ha scritto:Io trovo giusto non comprare, se non credi che sia corretto il metodo di sviluppo.

E infatti stai tranquillo che sarà loro premura non fartelo sapere o, se succedesse, insabbiare/sminuire il tutto... (se ci fosse trasparenza nell'industria, saremmo tutti vegetariani...).


io lo sono... [std]
Avatar utente
-DrAma-
Silver Member
Silver Member
 
Messaggi: 1304
Iscritto il: ven lug 29, 2005 10:40 pm

Messaggioda Mr.TFM » mer ago 15, 2007 7:54 pm

Un po' difficile OGGI non comprare prodotti made in China...

Dall'iPod (ahimè), alle NIKE, dai cellulari ai frullatori, sono tutti fatti in CINA...

E non si parla di marchi Cin chun chan, ma di marchi seri e decisamente popolari, che TRA L'ALTRO non è che vendano a prezzi modici....

Cioè, voglio dire, un paio di NIKE made in China costano anche 200€...

Dalla Cina comprerei una sola cosa: la birra Tshing tao...

Di una bontà estrema, merito della fonte naturale d'acqua più leggera del mondo... [beer]
MegaLab è una potentissima droga virtuale.
"Nella setta del Codice Macintosh si può entrare, ma non se ne può uscire." V. ZUCCONI
Avatar utente
Mr.TFM
Membro Ufficiale (Gold)
Membro Ufficiale (Gold)
 
Messaggi: 23387
Iscritto il: gio mar 18, 2004 11:46 am
Località: Livorno Ferraris (Vercelli)

Messaggioda alb » mer ago 15, 2007 9:03 pm

In cina fanno tutto, anche cose fatte per bene.
W il vero made in Italy

Chissà quante cose con il marchio made in italy non sono fate in italia...
L'ignoranza tiene vuota la panza
Avatar utente
alb
Membro Ufficiale (Gold)
Membro Ufficiale (Gold)
 
Messaggi: 2237
Iscritto il: mar feb 24, 2004 11:26 am
Località: Maiano

Messaggioda Mr.TFM » mer ago 15, 2007 10:26 pm

alb ha scritto:In cina fanno tutto, anche cose fatte per bene.

Certamente...
Però il punto è: la manodopera costa poco? perché il prodotto finale costa caro?

Ma ancora più importante...
perché un iPod (dico un nome a caso) esce fatto bene, e le buate (bambole) della mattel sono pericolose? [uhm]

alb ha scritto:
W il vero made in Italy

Chissà quante cose con il marchio made in italy non sono fate in italia...
Per esempio le magliette del merchandising Ferrari, lo sapete dove sono fatte?
Di sicuro non a Maranello o nel Biellese... Mi pare in Corea e affini... (mica solo i cinesi....)
Furbo eh il grande capo di FIAT, Ferrari e CONFINDUSTRIA!

Insomma, occhio a ciò che compriamo.
Tutti.
MegaLab è una potentissima droga virtuale.
"Nella setta del Codice Macintosh si può entrare, ma non se ne può uscire." V. ZUCCONI
Avatar utente
Mr.TFM
Membro Ufficiale (Gold)
Membro Ufficiale (Gold)
 
Messaggi: 23387
Iscritto il: gio mar 18, 2004 11:46 am
Località: Livorno Ferraris (Vercelli)

Messaggioda The King of GnG » mer ago 15, 2007 11:15 pm

"Occhio a ciò che compriamo": il problema è proprio quello, la cosa non è materialmente possibile.

In una economia interconnessa come quella attuale, anche solo pensare di sganciarsi dalla superpotenza cinese (non lo è ancora? E perché, una cosa per essere un dato di fatto dev'essere necessariamente acquisita dal senso comune che è lento ad adattarsi al nuovo? Lo è, eccome se lo è....) è una cosa priva di senso.

Semplicistica appunto. L'"occhio" non deve essere soltanto quello dei consumatori, perché come il caso della Mattel dimostra i problemi possono scaturire da una società i cui prodotti in genere si da per scontato che siano di qualità. E francamente qui mi fermo che ho da correggere una news: sono partito da un video di 1 minuto su YouTube e ho scritto 2 pagine sul pensiero del web futuro di Eric "Mr. Google" Schmidt. Ho voglia di andarmene a dormire che i neuroni sono stanchini oggi O.o
People should just buy a cd and rip it. You are legal then" - William Henry Gates III (detto "Bill")
Avatar utente
The King of GnG
Membro Ufficiale (Gold)
Membro Ufficiale (Gold)
 
Messaggi: 11144
Iscritto il: mer mar 02, 2005 8:24 pm
Località: La Biblioteca di Babele

Messaggioda EntropheaR » gio ago 16, 2007 9:01 am

The King of GnG ha scritto:In una economia interconnessa come quella attuale, anche solo pensare di sganciarsi dalla superpotenza cinese (non lo è ancora? E perché, una cosa per essere un dato di fatto dev'essere necessariamente acquisita dal senso comune che è lento ad adattarsi al nuovo? Lo è, eccome se lo è....) è una cosa priva di senso.

Priva di senso? Se non vogliamo trovarci nei prossimi 30 anni a lavorare come schiavi ai LORO ritmi di lavoro e alle LORO condizioni... dobbiamo trovare un modo per sganciarci. E' ovvio che la cina è competitiva, sono un miliardo e mezzo di schiavi...
Avatar utente
EntropheaR
Membro Ufficiale (Gold)
Membro Ufficiale (Gold)
 
Messaggi: 12742
Iscritto il: gio feb 20, 2003 11:31 pm
Località: Zena

Messaggioda -DrAma- » gio ago 16, 2007 10:12 am

EntropheaR ha scritto:
The King of GnG ha scritto:In una economia interconnessa come quella attuale, anche solo pensare di sganciarsi dalla superpotenza cinese (non lo è ancora? E perché, una cosa per essere un dato di fatto dev'essere necessariamente acquisita dal senso comune che è lento ad adattarsi al nuovo? Lo è, eccome se lo è....) è una cosa priva di senso.

Priva di senso? Se non vogliamo trovarci nei prossimi 30 anni a lavorare come schiavi ai LORO ritmi di lavoro e alle LORO condizioni... dobbiamo trovare un modo per sganciarci. E' ovvio che la cina è competitiva, sono un miliardo e mezzo di schiavi...


Quoto di brutto...la cosa "divertente" sono i nostri politici che parlano di mercato in sviluppo, di occasioni... ma non parlano mai dello schiavismo dei lavoratori cinesi... si capisce che sono gli stessi che nel nostro paese sbandierano condizioni migliori ai lavoratori...
io certe cose proprio non le capisco...mah!!!
Avatar utente
-DrAma-
Silver Member
Silver Member
 
Messaggi: 1304
Iscritto il: ven lug 29, 2005 10:40 pm

Messaggioda EntropheaR » gio ago 16, 2007 10:53 am

-DrAma- ha scritto:Quoto di brutto...la cosa "divertente" sono i nostri politici che parlano di mercato in sviluppo, di occasioni... ma non parlano mai dello schiavismo dei lavoratori cinesi... si capisce che sono gli stessi che nel nostro paese sbandierano condizioni migliori ai lavoratori...
io certe cose proprio non le capisco...mah!!!


Del resto stiamo già importando il modello cinese in italia ... qualcuno ha letto, anche solo qualche stralcio di "schiavi moderni" di Grillo? O anche solo le lettere che pubblica sul suo blog? La situazione non è delle più rosee.
Avatar utente
EntropheaR
Membro Ufficiale (Gold)
Membro Ufficiale (Gold)
 
Messaggi: 12742
Iscritto il: gio feb 20, 2003 11:31 pm
Località: Zena

Messaggioda crazy.cat » ven ago 17, 2007 4:54 pm

Dai ministro faccia qualcosa di utile una volta tanto......e che la cina vada a farsi friggere.

Giochi tossici,"stop a import Cina"
Bonino: "Sarebbe una misura positiva"
Bloccare l'import in Europa di giocattoli cinesi sarebbe "una misura positiva". Lo ha dichiarato il ministro per il Commercio internazionale e le politiche europee Emma Bonino. "Se questi prodotti sono pericolosi e non rispettano gli standard di sicurezza internazionali è giusto bloccarli". "Si tratta - ha ricordato Bonino - di una prassi adottata in passato già per altri prodotti. E si sono rivelate misure efficaci".
A Bruxelles, ha proseguito il ministro, "avranno costituito un dossier sulla questione dei giochi pericolosi e se da questo dossier emerge la pericolosità dei prodotti mi pare razionale bloccarne l'importazione".
D'altra parte, ha concluso Bonino, "si tratta di una prassi che già in passato la Commissione ha adottato per altri prodotti, anche quando io ero commissario. E si sono rivelate misure efficaci".
La vicenda
Il 14 agosto la Mattel ha deciso di ritirare 18 milioni di giocattoli prodotti in Cina per le vernici con alti livelli di piombo o piccoli magneti facilmente staccabili e pericolosi se ingoiati. Dopo essere venuto a conoscenza della portata della pericolosità dei suoi prodotti, il direttore della fabbrica di giocattoli accusata di aver prodotto giochi con vernici tossiche, Zhang Shuhong, si è suicidato. L'impresa commissionava a terzisti la vernice tossica dei giocattoli. Intanto la China Toys association accusa: le autorità cinesi sapevano fin da marzo della possibile pericolosità dei giochi prodotti per l'azienda americana. In Italia, tuttavia, i giochi incriminati non sarebbero più in commercio.
Avatar utente
crazy.cat
MLI Hero
MLI Hero
 
Messaggi: 30959
Iscritto il: lun gen 12, 2004 1:38 pm
Località: Mestre

Messaggioda Mr.TFM » ven ago 17, 2007 4:59 pm

crazy.cat ha scritto:Dai ministro faccia qualcosa di utile una volta tanto......e che la cina vada a farsi friggere.
Ma no, sarebbe troppo semplice!
I Cinesi, si sa, sono maestri nell'arte del fritto.... [:)]
MegaLab è una potentissima droga virtuale.
"Nella setta del Codice Macintosh si può entrare, ma non se ne può uscire." V. ZUCCONI
Avatar utente
Mr.TFM
Membro Ufficiale (Gold)
Membro Ufficiale (Gold)
 
Messaggi: 23387
Iscritto il: gio mar 18, 2004 11:46 am
Località: Livorno Ferraris (Vercelli)

Messaggioda alb » ven ago 17, 2007 5:21 pm

Comunque sinceramente mi sembra stupido importare caterve di cose dalla cina e magari accorgersi dopo 3 anni, dopo un analisi svolta da chissachì che il prodotto contiene materiali tossici. Basterebbe richiedere un certificato di qualità obbligatorio tipo IMQ (eseguito da una ditta indipendente naturalmente), chiaro che i prodotti di conseguenza costerebbero di più ma non si giungerebbe a queste situazioni assurde. E magari inventarsi qualcosa per evitare che venga falsificato pure il certificato...
L'ignoranza tiene vuota la panza
Avatar utente
alb
Membro Ufficiale (Gold)
Membro Ufficiale (Gold)
 
Messaggi: 2237
Iscritto il: mar feb 24, 2004 11:26 am
Località: Maiano

Prossimo

Torna a Chiacchiere in libertà

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 5 ospiti

cron
Powered by phpBB © 2002, 2005, 2007, 2008 phpBB Group
Traduzione Italiana phpBB.it

megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2008 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising