Punto informatico Network
Login Esegui login | Non sei registrato? Iscriviti ora (è gratuito!)
Username: Password:
  • Annuncio Pubblicitario

download legali

Cinema, motori e problemi spirituali: il forum per tutto ciò che non è informatica.

download legali

Messaggioda dav16 » sab gen 20, 2007 9:27 pm

ciao, ho appena sentito che

SCARICARE FILM,GIOCHI,MUSICA ECC PROTETTI DAI DIRITTI D'AUTORE PER USO "PERSONALE" (senza scopo di lucro) E' LEGALE... ho sentito bene??
Avatar utente
dav16
Membro Ufficiale (Gold)
Membro Ufficiale (Gold)
 
Messaggi: 4963
Iscritto il: mar ott 10, 2006 2:09 am

Messaggioda Mr.TFM » sab gen 20, 2007 10:05 pm

probabilmente non hai sentito la parte fondamentale che diceva: "a patto che si abbiano gli originali in proprio possesso".
MegaLab è una potentissima droga virtuale.
"Nella setta del Codice Macintosh si può entrare, ma non se ne può uscire." V. ZUCCONI
Avatar utente
Mr.TFM
Membro Ufficiale (Gold)
Membro Ufficiale (Gold)
 
Messaggi: 23387
Iscritto il: gio mar 18, 2004 11:46 am
Località: Livorno Ferraris (Vercelli)

Re: download legali

Messaggioda Lando » sab gen 20, 2007 10:08 pm

dav16 ha scritto:ciao, ho appena sentito che

SCARICARE FILM,GIOCHI,MUSICA ECC PROTETTI DAI DIRITTI D'AUTORE PER USO "PERSONALE" (senza scopo di lucro) E' LEGALE... ho sentito bene??

ciao, prima di tutto evita di scrivere in maiuscolo (in un forum equivale ad urlare)!
Secondariamente: dove avresti sentito una cosa del genere? Cosa intendono per "senza scopo di lucro"?
Avatar utente
Lando
Bronze Member
Bronze Member
 
Messaggi: 576
Iscritto il: sab mar 25, 2006 10:40 am
Località: Switzerland


Re: download legali

Messaggioda dav16 » sab gen 20, 2007 10:10 pm

questa cosa l'ho sentita in un tg di oggi. ho scritto in maiuscolo perché era la parte fondamentale. quella parte fondamentale che Mr.TFM ha detto che mancava non l'hanno detta
Avatar utente
dav16
Membro Ufficiale (Gold)
Membro Ufficiale (Gold)
 
Messaggi: 4963
Iscritto il: mar ott 10, 2006 2:09 am

Messaggioda Amantide » sab gen 20, 2007 10:11 pm

Da quel che ho capito io, questa decisione della cassazione è referita al caso che è accaduto prima dell' uscita della legge del 2004 che lo vieta. Quindi la situazione è tutt' altro che chiara.
Avatar utente
Amantide
Membro Ufficiale (Gold)
Membro Ufficiale (Gold)
 
Messaggi: 8126
Iscritto il: lun feb 06, 2006 4:13 pm
Località: Abruzzo

Messaggioda Lando » sab gen 20, 2007 10:17 pm

Amantide ha scritto:Da quel che ho capito io, questa decisione della cassazione è referita al caso che è accaduto prima dell' uscita della legge del 2004 che lo vieta. Quindi la situazione è tutt' altro che chiara.

ah, mi sembrava strano!
Avatar utente
Lando
Bronze Member
Bronze Member
 
Messaggi: 576
Iscritto il: sab mar 25, 2006 10:40 am
Località: Switzerland

Messaggioda dav16 » sab gen 20, 2007 10:17 pm

Amantide ha scritto:Da quel che ho capito io, questa decisione della cassazione è referita al caso che è accaduto prima dell' uscita della legge del 2004 che lo vieta. Quindi la situazione è tutt' altro che chiara.


brava, era una decisione della cassazione
Avatar utente
dav16
Membro Ufficiale (Gold)
Membro Ufficiale (Gold)
 
Messaggi: 4963
Iscritto il: mar ott 10, 2006 2:09 am

Messaggioda ballacoilupi72 » sab gen 20, 2007 10:44 pm

ti riferisci a questo?

ROMA - Anche se c'è il copyright, si può scaricare lo stesso. Purché non si faccia a fini di lucro. Lo ha stabilito la III sezione penale Cassazione con una sentenza destinata a far discutere (è la numero 149/2007) con cui ha accolto il ricorso presentato da due studenti torinesi, condannati in appello ad una pena detentiva, sostituita da un'ammenda, per avere "duplicato abusivamente e distribuito" programmi illecitamente duplicati, giochi per psx, video cd e film, "immagazzinandoli" su un server del tipo Ftp (File transfer protocol) "dal quale potevano essere scaricati da utenti abilitati all'accesso tramite un codice identificativo e relativa password".

Ad uno dei due la sentenza della Corte d'appello del capoluogo piemontese datata 29 marzo 2005 (ora annullata "senza rinvio" dalla Suprema Corte) imputava anche il possesso, presso la propria abitazione, di software destinato "a consentire o facilitare la rimozione dei dispositivi di protezione "facilitare la rimozione dei dispositivi di protezione applicati a programmi per pc. Di fatto, i due studenti, avvalendosi di un computer in funzione presso l'associazione studentesca del Politecnico di Torino, avevano creato, gestito e curato la manutenzione di un archivio on line di dati e programmi, raggiungibile da un normale indirizzo ip, dal quale una "community" di utenti era libera di attingere in cambio, a sua volta, del rilascio di materiale informatico.

I reati contestati ai due ricorrenti erano quelli previsti dagli articoli 171 bis e 171 ter della legge sul diritto d'autore, la numero 633/41, sottoposta a tutta una serie di modifiche in anni recenti: nell'ultima formulazione, il primo prevede "la punibilità da sei mesi a tre anni, di chiunque abusivamente duplica, per trarne profitto, programmi per elaboratore o ai medesimi fini importa, distribuisce, vende, detiene a scopo commerciale o imprenditoriale o concede in locazione programmi contenuti in supporti non contrassegnati dalla Siae"; il secondo punisce con la reclusione da uno a quattro anni chi "riproduce, duplica, trasmette o diffonde abusivamente, vende o pone altrimenti in commercio, cede a qualsiasi titolo o importa abusivamente oltre cinquanta copie o esemplari di opere tutelate dal diritto d'autore e da diritti connessi".

Ebbene, per la Cassazione in primo luogo è da escludere per i due studenti la configurabilità del reato di duplicazione abusiva, attribuibile non a chi in origine aveva effettuato il download, ma a chi semmai si era salvato il programma dal server per poi farne delle copie. Ma soprattutto "deve essere escluso, nel caso in esame, che la condotta degli autori della violazione sia stata determinata da fini di lucro, emergendo dall'accertamento di merito che gli imputati non avevano tratto alcun vantaggio economico dalla predisposizione del server Ftp".

Per "fine di lucro", infatti, "deve intendersi un fine di guadagno economicamente apprezzabile o di incremento patrimoniale da parte dell'autore del fatto, che non può identificarsi con un qualsiasi vantaggio di genere; nè l'incremento patrimoniale può identificarsi con il mero risparmio di spesa derivante dall'uso di copie non autorizzate di programmi o altre opere dell'ingegno, al di fuori dello svolgimento di un'attività economica da parte dell'autore del fatto, anche se di diversa natura, che connoti l'abuso".

Anche con riferimento alla detenzione di un programma destinato a rimuovere o ad aggirare dispositivi di protezione "non emerge - avvertono i giudici - dall'accertamento di merito la finalità lucrativa cui sarebbe stata destinata la detenzione e, tanto meno, un eventuale fine di commercio della stessa".

(20 gennaio 2007)

http://www.repubblica.it/2006/10/sezion ... -file.html
la MUSICA è l'unica promessa mantenuta!
Avatar utente
ballacoilupi72
Silver Member
Silver Member
 
Messaggi: 1293
Iscritto il: lun gen 02, 2006 6:56 pm
Località: Savignano Sul Rubicone

Messaggioda dav16 » sab gen 20, 2007 10:47 pm

ballacoilupi72 ha scritto:ti riferisci a questo?

ROMA - Anche se c'è il copyright, si può scaricare lo stesso. Purché non si faccia a fini di lucro. Lo ha stabilito la III sezione penale Cassazione con una sentenza destinata a far discutere (è la numero 149/2007) con cui ha accolto il ricorso presentato da due studenti torinesi, condannati in appello ad una pena detentiva, sostituita da un'ammenda, per avere "duplicato abusivamente e distribuito" programmi illecitamente duplicati, giochi per psx, video cd e film, "immagazzinandoli" su un server del tipo Ftp (File transfer protocol) "dal quale potevano essere scaricati da utenti abilitati all'accesso tramite un codice identificativo e relativa password".

Ad uno dei due la sentenza della Corte d'appello del capoluogo piemontese datata 29 marzo 2005 (ora annullata "senza rinvio" dalla Suprema Corte) imputava anche il possesso, presso la propria abitazione, di software destinato "a consentire o facilitare la rimozione dei dispositivi di protezione "facilitare la rimozione dei dispositivi di protezione applicati a programmi per pc. Di fatto, i due studenti, avvalendosi di un computer in funzione presso l'associazione studentesca del Politecnico di Torino, avevano creato, gestito e curato la manutenzione di un archivio on line di dati e programmi, raggiungibile da un normale indirizzo ip, dal quale una "community" di utenti era libera di attingere in cambio, a sua volta, del rilascio di materiale informatico.

I reati contestati ai due ricorrenti erano quelli previsti dagli articoli 171 bis e 171 ter della legge sul diritto d'autore, la numero 633/41, sottoposta a tutta una serie di modifiche in anni recenti: nell'ultima formulazione, il primo prevede "la punibilità da sei mesi a tre anni, di chiunque abusivamente duplica, per trarne profitto, programmi per elaboratore o ai medesimi fini importa, distribuisce, vende, detiene a scopo commerciale o imprenditoriale o concede in locazione programmi contenuti in supporti non contrassegnati dalla Siae"; il secondo punisce con la reclusione da uno a quattro anni chi "riproduce, duplica, trasmette o diffonde abusivamente, vende o pone altrimenti in commercio, cede a qualsiasi titolo o importa abusivamente oltre cinquanta copie o esemplari di opere tutelate dal diritto d'autore e da diritti connessi".

Ebbene, per la Cassazione in primo luogo è da escludere per i due studenti la configurabilità del reato di duplicazione abusiva, attribuibile non a chi in origine aveva effettuato il download, ma a chi semmai si era salvato il programma dal server per poi farne delle copie. Ma soprattutto "deve essere escluso, nel caso in esame, che la condotta degli autori della violazione sia stata determinata da fini di lucro, emergendo dall'accertamento di merito che gli imputati non avevano tratto alcun vantaggio economico dalla predisposizione del server Ftp".

Per "fine di lucro", infatti, "deve intendersi un fine di guadagno economicamente apprezzabile o di incremento patrimoniale da parte dell'autore del fatto, che non può identificarsi con un qualsiasi vantaggio di genere; nè l'incremento patrimoniale può identificarsi con il mero risparmio di spesa derivante dall'uso di copie non autorizzate di programmi o altre opere dell'ingegno, al di fuori dello svolgimento di un'attività economica da parte dell'autore del fatto, anche se di diversa natura, che connoti l'abuso".

Anche con riferimento alla detenzione di un programma destinato a rimuovere o ad aggirare dispositivi di protezione "non emerge - avvertono i giudici - dall'accertamento di merito la finalità lucrativa cui sarebbe stata destinata la detenzione e, tanto meno, un eventuale fine di commercio della stessa".

(20 gennaio 2007)


è questo [8D] [8D] [8D]

avevo sentito bene [applauso+]
Avatar utente
dav16
Membro Ufficiale (Gold)
Membro Ufficiale (Gold)
 
Messaggi: 4963
Iscritto il: mar ott 10, 2006 2:09 am

Messaggioda ballacoilupi72 » sab gen 20, 2007 11:01 pm

si ma attenzione:la sentenza è riferita ad un caso antecedente la legge del 2004 sui copyright! le cose sono un po' cambiate...
[^] [;)]
la MUSICA è l'unica promessa mantenuta!
Avatar utente
ballacoilupi72
Silver Member
Silver Member
 
Messaggi: 1293
Iscritto il: lun gen 02, 2006 6:56 pm
Località: Savignano Sul Rubicone

Messaggioda Pacopas » sab gen 20, 2007 11:17 pm

e poi da quello che ho capito e letto io, ai due giovani è stata tolta la detenzione, non andranno in galera, ma sicuramente pagheranno le relative multe.
alla fine... ogni uomo considera i limiti della propria visione personale come i limiti del mondo...
Avatar utente
Pacopas
Membro Ufficiale (Gold)
Membro Ufficiale (Gold)
 
Messaggi: 6708
Iscritto il: mer ott 05, 2005 12:44 am

Messaggioda Lando » sab gen 20, 2007 11:24 pm

Pacopas ha scritto:e poi da quello che ho capito e letto io, ai due giovani è stata tolta la detenzione, non andranno in galera, ma sicuramente pagheranno le relative multe.

capii anch'io la stessa cosa!
Avatar utente
Lando
Bronze Member
Bronze Member
 
Messaggi: 576
Iscritto il: sab mar 25, 2006 10:40 am
Località: Switzerland

Messaggioda ballacoilupi72 » sab gen 20, 2007 11:28 pm

[^] [;)]
la MUSICA è l'unica promessa mantenuta!
Avatar utente
ballacoilupi72
Silver Member
Silver Member
 
Messaggi: 1293
Iscritto il: lun gen 02, 2006 6:56 pm
Località: Savignano Sul Rubicone

Messaggioda The King of GnG » dom gen 21, 2007 12:36 am

Patetico, come se questo piccolo, meschino dettaglio sul "lucro" o sul "profitto", e i loro relativi significati, potesse interessare ai milioni di downloader la fuori, agli utenti del forum che scaricano comunque o a me.....

Patetico.....
People should just buy a cd and rip it. You are legal then" - William Henry Gates III (detto "Bill")
Avatar utente
The King of GnG
Membro Ufficiale (Gold)
Membro Ufficiale (Gold)
 
Messaggi: 11144
Iscritto il: mer mar 02, 2005 8:24 pm
Località: La Biblioteca di Babele

Messaggioda dav16 » dom gen 21, 2007 10:54 am

come hai detto a pochi downloader gli interesserà. comunque sarebbe una novità quella di scaricare roba protetta e,se non la vendi e quindi non ci guadagni, è legale
Avatar utente
dav16
Membro Ufficiale (Gold)
Membro Ufficiale (Gold)
 
Messaggi: 4963
Iscritto il: mar ott 10, 2006 2:09 am

Messaggioda Mr.TFM » dom gen 21, 2007 2:12 pm

E sentiamo, allora i 30€ di un dvd non sarebbero un guadagno?

Uno magari no, ma 10, 100 sì.....

Se ci si aggiunge che probabilmente molti di noi hanno 3000 brani (dico una cifra per dire) scaricati illegalemte, fa 3000€ al prezzo di iTunes store....

Allora 100 film più 3000 brani, a casa mia fanno 6000€.

Non è un guadagno?

No?

Allora versatemeli sul conto che vado a farmi 3 settimane di ferie a Zanzibar.......
MegaLab è una potentissima droga virtuale.
"Nella setta del Codice Macintosh si può entrare, ma non se ne può uscire." V. ZUCCONI
Avatar utente
Mr.TFM
Membro Ufficiale (Gold)
Membro Ufficiale (Gold)
 
Messaggi: 23387
Iscritto il: gio mar 18, 2004 11:46 am
Località: Livorno Ferraris (Vercelli)

Messaggioda Ices_Eyes » dom gen 21, 2007 2:36 pm

Mr.TFM ha scritto:Non è un guadagno?

No è un risparmio, mica un guadagno [fischio] [:D]
Avatar utente
Ices_Eyes
Membro Ufficiale (Gold)
Membro Ufficiale (Gold)
 
Messaggi: 5543
Iscritto il: ven ott 24, 2003 10:37 am
Località: Prov. di Venezia

Messaggioda M@ttia » dom gen 21, 2007 2:40 pm

Mr.TFM ha scritto:E sentiamo, allora i 30€ di un dvd non sarebbero un guadagno?
No, è un risparmio: a te nelle tue tasche non ti entra nulla a scaricarlo, mentre a scaricarlo e venderl oal tuo amico le banconote nella tua tasca entrano eccome...

(Guadagno = aumenti il tuo patrimonio, mentre non mi pago sicuramente l'affitto stando tutto il giorno a scaricare per sentirmeli io...)
</IE><FIREFOX>
Avatar utente
M@ttia
Moderatore
Moderatore
 
Messaggi: 8363
Iscritto il: lun giu 09, 2003 2:18 pm
Località: Ticino - Estero

Messaggioda dav16 » dom gen 21, 2007 3:32 pm

M@ttia ha scritto:
Mr.TFM ha scritto:E sentiamo, allora i 30€ di un dvd non sarebbero un guadagno?
No, è un risparmio: a te nelle tue tasche non ti entra nulla a scaricarlo, mentre a scaricarlo e venderl oal tuo amico le banconote nella tua tasca entrano eccome...

(Guadagno = aumenti il tuo patrimonio, mentre non mi pago sicuramente l'affitto stando tutto il giorno a scaricare per sentirmeli io...)



da oggi c'è chi ne parla

http://liberoblog.libero.it/tecnologia/bl5950.phtml
Avatar utente
dav16
Membro Ufficiale (Gold)
Membro Ufficiale (Gold)
 
Messaggi: 4963
Iscritto il: mar ott 10, 2006 2:09 am

Messaggioda The King of GnG » dom gen 21, 2007 3:49 pm

Ma che mazza c'entra tutto stò discorso con la sentenza, scusate [:)]

La cassazione si è pronunciata contro la sentenza che aveva condannato due ragazzi dell'università di Torino che gestivano un sito FTP.

PI ha scritto:Lo scopo di lucro è rintracciabile laddove vi sia il perseguimento di un vantaggio economicamente apprezzabile; lo scopo di profitto include ogni mero vantaggio morale. In questo caso la messa a disposizione dei programmi mediante attività di download non configura alcun lucro (elemento richiesto dal 171 ter) poiché le attività sono state effettuate gratuitamente


Quindi, non viene nemmeno presa in considerazione la figura del downloader, e le conseguenze della sentenza in questo caso sono tutte da valutare. Ancora, niente di nuovo sotto il sole, e scusate che ora ho da scaricare Mr. Bobby Marley prima di comprarmi la discografia, appena sarà nelle mie possibilità.....
People should just buy a cd and rip it. You are legal then" - William Henry Gates III (detto "Bill")
Avatar utente
The King of GnG
Membro Ufficiale (Gold)
Membro Ufficiale (Gold)
 
Messaggi: 11144
Iscritto il: mer mar 02, 2005 8:24 pm
Località: La Biblioteca di Babele

Prossimo

Torna a Chiacchiere in libertà

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 6 ospiti

Powered by phpBB © 2002, 2005, 2007, 2008 phpBB Group
Traduzione Italiana phpBB.it

megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2008 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising