Punto informatico Network
Login Esegui login | Non sei registrato? Iscriviti ora (è gratuito!)
Username: Password:
  • Annuncio Pubblicitario

34 minuti di agonia per un condannato a morte

Cinema, motori e problemi spirituali: il forum per tutto ciò che non è informatica.

34 minuti di agonia per un condannato a morte

Messaggioda The King of GnG » sab dic 16, 2006 12:51 am

People should just buy a cd and rip it. You are legal then" - William Henry Gates III (detto "Bill")
Avatar utente
The King of GnG
Membro Ufficiale (Gold)
Membro Ufficiale (Gold)
 
Messaggi: 11144
Iscritto il: mer mar 02, 2005 8:24 pm
Località: La Biblioteca di Babele

Re: 34 minuti di agonia per un condannato a morte

Messaggioda Xero » sab dic 16, 2006 12:59 am

The King of GnG ha scritto:Florida, 34 minuti di agonia per un condannato a morte. Polemiche

Americani? La tragedia del mondo.


Mi credi se ti dico che avevo appena copiato il link della notizia per commentarlo sul forum?
In ogni caso eccolo

E Ribadisco quanto detto dal condannato:
"...la pena di morte e' una forma di vendetta, ma anche un atto di vigliaccheria da parte di essere umani''

Non sono per i buonismi gratuiti, per gli schieramenti "ad occhi chiusi", ma caro King, questa volta hai tutto il mio appoggio.

Il Paese (presunto tale) più potente della storia, più evoluto sotto tutti i punti di vista, e ancora vige la pena di morte...senza parole davvero.

Quando poi senti gente discutere così tranquillamente di un errore che è costato un agonia di 34 minuti, allora c'è da preoccuparsi.

E tanto per cambiare, c'hanno provato anche sta volta:
    "Il Dipartimento delle prigioni, all'indomani della vicenda, aveva attribuito il lungo decesso al fatto che una patologia al fegato ha reso piu' difficile all'organismo di Diaz assimilare i veleni."

    "Jeb Bush, fratello del presidente George e governatore della Florida, respinge ogni accusa e non si mostra troppo preoccupato per le sofferenze di Diaz: «Il Dipartimento Penitenziario», si legge in una sua secca nota «ha seguito tutti i protocolli previsti. Una condizione organica pre-esistente nel prigioniero è stata la causa dei tempi più lunghi del decesso rispetto a precedenti esecuzioni»."
twitter → http://twitter.com/Maurizio_D

«L'innovazione è una questione di priscio.» A. D'elia
Avatar utente
Xero
Membro Ufficiale (Gold)
Membro Ufficiale (Gold)
 
Messaggi: 5145
Iscritto il: mar giu 27, 2006 8:37 pm
Località: Provincia Di Matera / Bari

Messaggioda crazy.cat » sab dic 16, 2006 12:21 pm

Usa, sospese iniezioni letali
Giudice: esecuzioni incostituzionali

Scricchiola la pena di morte inferta tramite iniezione letale negli Stati Uniti. Un giudice della California ha stabilito che questo metodo è incostituzionale. "L'applicazione dell'iniezione letale non funziona", ha sentenziato proprio mentre si registrava il clamoroso errore di un boia che in Florida ha provocato la morte a un condannato solo dopo 34 minuti di agonia. Sospese altre due esecuzioni nello stesso Stato

Non si tratta, ha scritto il giudice Jeremy Fogel della corte distrettuale della California settentrionale, di una bocciatura senza appello. "L'applicazione dell'iniezione letale non funziona" ha affermato in una pronuncia a lungo attesa, "ma può essere aggiustata".

Intanto in Florida sono state sospese le esecuzioni dopo l'errore del boia che ha portato un condannato a morte a un'agonia di 34 minuti. Charlie Crist, che prenderà il posto di Jeb Bush alla guida dello Stato, ha ordinato una moratoria dopo che l'autopsia su Angel Diaz ha rivelato che il boia ha "mancato" le vene del condannato lasciando che il cocktail di veleni e barbiturici non scorresse nelle vene, ma si disperdesse nei tessuti molli.

Il fratello del presidente statunitense è ancora in carica, ma da qui alla fine dell'anno non sono previste altre esecuzioni e Crist, che assumerà l'incarico dal 2 gennaio, ha annunciato che ordinerà una moratoria fino a quando una commissione appositamente nominata non avrà completato l'indagine sul metodo di messa a morte utilizzato nello Stato.
Quando i molti governano, pensano solo a contentar sé stessi, si ha allora la tirannia più balorda e più odiosa: la tirannia mascherata da libertà.
Avatar utente
crazy.cat
MLI Hero
MLI Hero
 
Messaggi: 30959
Iscritto il: lun gen 12, 2004 1:38 pm
Località: Mestre


Messaggioda The King of GnG » sab dic 16, 2006 12:57 pm

Ah, non è inumano, ma incostituzionale. Ma che si arrangino.....
People should just buy a cd and rip it. You are legal then" - William Henry Gates III (detto "Bill")
Avatar utente
The King of GnG
Membro Ufficiale (Gold)
Membro Ufficiale (Gold)
 
Messaggi: 11144
Iscritto il: mer mar 02, 2005 8:24 pm
Località: La Biblioteca di Babele

Messaggioda Mr.TFM » sab dic 16, 2006 3:53 pm

Non so, non so, non so.


In questi casi il mio cuore si divide in 2.



La parte bianca mi dice che gli dispiace e che la pena di morte è ingiusta. E che non siamo NESSUNO per decidere che una persona debba morire per pagare le sue colpe.

La parte cattiva è contenta. Per la sofferenza di 34 minuti più che altro. Troppo facile schiattare subito. Per certe persone gradirei la pubblica fustigazione e........ non solo.


Tuttavia c'è anche una parte grigia che dice.
Beh, 34 minuti sono troppi per soffrire.... Non era meglio fargli fare i lavori forzati finchè si reggeva in piedi e nutrirlo a pane e acqua?




Non so..............
MegaLab è una potentissima droga virtuale.
"Nella setta del Codice Macintosh si può entrare, ma non se ne può uscire." V. ZUCCONI
Avatar utente
Mr.TFM
Membro Ufficiale (Gold)
Membro Ufficiale (Gold)
 
Messaggi: 23387
Iscritto il: gio mar 18, 2004 11:46 am
Località: Livorno Ferraris (Vercelli)

Messaggioda M@ttia » sab dic 16, 2006 4:25 pm

Mr.TFM ha scritto:Non siamo NESSUNO per decidere che una persona debba morire

Io sono esattamente qui.
</IE><FIREFOX>
Avatar utente
M@ttia
Moderatore
Moderatore
 
Messaggi: 8363
Iscritto il: lun giu 09, 2003 2:18 pm
Località: Ticino - Estero

Messaggioda The King of GnG » sab dic 16, 2006 4:33 pm

Io mi ritiro dalla discussione...
People should just buy a cd and rip it. You are legal then" - William Henry Gates III (detto "Bill")
Avatar utente
The King of GnG
Membro Ufficiale (Gold)
Membro Ufficiale (Gold)
 
Messaggi: 11144
Iscritto il: mer mar 02, 2005 8:24 pm
Località: La Biblioteca di Babele

Messaggioda Xero » dom dic 17, 2006 1:39 am

La faccenda è complicata, e non credo abbia senso discuterne in quanto il punto di vista morale è INDUBBIAMENTE l'esser contrario alla pena di morte.
1) La pena di morte è emblema degli istinti vendicativi dell'uomo, non frutto del raziocinio.
2) Uccidere un uomo non significa farlo soffrire, ma far soffrire i suoi parenti.
Mettetevi nei panni di una madre, che da dietro un vetro freddo, come il cuore di chi legifera in questo mondo del ca**o, è costretta ad assistere alla morte atroce di suo figlio, indescrivibile.
Ora mettetevi nei panni dell'uomo, trovarsi legato ad un lettino, in una stanza fredda come la morte, la SUA morte, con lo sguardo volto verso una parete insignificante...impotente...insignificante...il suo destino è li: in un ago, una siringa, una vena...un iniezione: è finita....
Cambiamo le prospettive: mettiamoci nei panni di chi ha assistito alla morte di un uomo per mano del condannato, rabbia, vendetta, crudeltà...
Ma da quanto gli istinti hanno il sopravvento sulla ragione in un ambito legislativo? Se così fosse, l'amore per la vita, il rispetto per la vita, sono sentimenti, istinti....perché non seguiamo questi di istinti?

Vogliamo punire chi sbaglia? D'accordo, sono il primo: lavori forzati, reclusione, ergastolo...vivere una vita di privazione TOTALE è molto più doloroso che non viverla affatto.

Ora mettiamoci nei panni dei potenti degli USA: "L'esempio di morte dev'essere un incentivo nello scoraggiare atti del genere".
Ma braaavi, avete tassi di criminalità urbana tra i più alti del mondo (se non IL più alto)

"L'applicazione dell'iniezione letale non funziona..."
Il metodo non funziona, ma non lo si cambia, piuttosto lo si giustifica in 1000 modi diversi.
"...ma può essere aggiustata"
l'unica cosa da aggiustare sarebbe la mentalità contorta di chi afferma ciò...

Non giustifico la Criminalità, ma la Ragione...
twitter → http://twitter.com/Maurizio_D

«L'innovazione è una questione di priscio.» A. D'elia
Avatar utente
Xero
Membro Ufficiale (Gold)
Membro Ufficiale (Gold)
 
Messaggi: 5145
Iscritto il: mar giu 27, 2006 8:37 pm
Località: Provincia Di Matera / Bari

Messaggioda -DrAma- » dom dic 17, 2006 3:35 pm

Una volta ero pro...adesso non lo sono più...non credo che sia la cura nè per i parenti delle vittime nè per diminuire la criminalità...è un discorso molto spinoso di facili buonismi ma anche di facile cattiveria.
Avatar utente
-DrAma-
Silver Member
Silver Member
 
Messaggi: 1304
Iscritto il: ven lug 29, 2005 10:40 pm

Messaggioda ingmotty » dom dic 17, 2006 5:32 pm

-DrAma- ha scritto:Non credo che sia la cura nè per i parenti delle vittime nè per diminuire la criminalità...è un discorso molto spinoso di facili buonismi ma anche di facile cattiveria.


Concordo in pieno.
In ogni caso la pena di morte non è la soluzione. [:p]
Avatar utente
ingmotty
Membro Ufficiale (Gold)
Membro Ufficiale (Gold)
 
Messaggi: 2386
Iscritto il: sab set 30, 2006 10:29 pm
Località: Gricignano (CE)


Torna a Chiacchiere in libertà

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti

Powered by phpBB © 2002, 2005, 2007, 2008 phpBB Group
Traduzione Italiana phpBB.it

megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2008 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising