Punto informatico Network

Canali
20080829214533

Programmi antispyware a confronto

20/06/2005
- A cura di
Sicurezza - Testiamo i programmi antispyware e cerchiamo di capire quali funzionano e quali no.

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

antispyware (1) , confronto (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 5 calcolato su 328 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.

Stanco di leggere nei test effettuati da altri, in cui risultava migliore sempre un programma diverso, ho voluto fare una mia prova, mettendo a confronto tutti i programmi antispyware freeware e i programmi commerciali, di cui era possibile scaricare una versione di prova.

Non conosco i metodi usati nei test ufficiali, le mie sono solo una serie di prove e osservazioni personali.

Una piccola spiegazione per alcune parole che verranno usate durante l'articolo:

BHO: Dall'inglese Browser Helper Object.

I BHO sono quelle barre e pulsanti aggiuntivi che si trovano in Internet Explorer, ma che spesso nascondo funzioni non visibili.

Spesso i BHO vengono usati per visualizzare messaggi pubblicitari o per controllare le tracce del navigatore su Internet, un BHO può reindirizzare o visualizzare pagine diverse da quelle richieste.

Adware: Molti software vengono distribuiti in maniera gratuita, però contengono al loro interno delle componenti che visualizzano, di solito, banner pubblicitari.

Questo fa sì che il produttore del software possa trarre profitto dal suo lavoro senza che l'utente finale sia costretto a pagare il software.

Malware: Termine nato dalla fusione di Malicious e software (software dannoso).

Spyware: Sono dei software-spia in grado di leggere informazioni dal PC dell'utente dove è stato installato (quasi sempre a sua insaputa) e mandare questi dati via Internet a qualche PC remoto.

Il test si è diviso in due fasi.

La prima è stata quella di fare le prove su un sistema Windows XP con tutti i programmi installati, tutte le possibili protezioni abilitate e che aveva già navigato in Internet per parecchi giorni.

La seconda è stata di utilizzare, sempre un Windows XP con solo il SP2, tutte le patch, un antivirus, il firewall Sygate e Firefox.

Pagina successiva
Prima Fase

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 0.55 sec.
    •  | Utenti conn.: 121
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 18
    •  | Tempo totale query: 0.29